IL POTENZIALE PERDUTO DI JENIN

0
456

tratto da: http://www.infopal.it/il-potenziale-perduto-di-jenin/

13/11/2020

(vista generale della città vecchia ottomana di Jenin)

The Electronic Intifada. Di Ahmad Al-Bazz and Sarah Abu Alrob. Nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania, una volta c’erano un aeroporto, una stazione ferroviaria, tre cinema e due strade principali che collegavano la città con le vicine Nazareth e Haifa.

Nel 2020 rimangono poche tracce di tutto ciò e niente viene utilizzato per lo scopo originale. Invece, la città ospita un campo profughi ed è circondata su tre lati da una recinzione eretta dai militari israeliani come parte del muro di separazione costruito dentro e intorno alla Cisgiordania.

Jenin è letteralmente in un vicolo cieco.

Un tempo piccola città agricola – citata fin dalle lettere di Amarna del XII secolo a.C. – la storia moderna di Jenin è stata segnata da sconvolgimenti politici che hanno determinato la sua struttura urbana attuale.

Il più importante di questi fu l’impatto della creazione dello Stato di Israele, con la conseguente espropriazione e l’esilio forzato dei palestinesi nel 1948.

A differenza delle città negli stati-nazione post-coloniali emerse in tutto il mondo negli anni Quaranta e Cinquanta e che ereditarono spazi urbani e infrastrutture predefiniti, Jenin e altre cittadine e città della Cisgiordania non completarono il processo di urbanizzazione poiché furono tagliate fuori dal loro retroterra naturale.

Le città situate nelle aree in cui Israele oggi opera come stato  – anche a Gerusalemme Est e nel Golan dopo il 1967 – sono state trasformate e trasfigurate per servire la comunità dei coloni.

Quando vengono menzionate le perdite urbanistiche della Palestina in corrispondenza della Nakba del 1948, Jaffa viene solitamente evidenziata. Ma Jaffa era un centro culturale e una porta commerciale che serviva l’agricoltura e l’industria locali in un modo in cui coloro che vivevano in quella che oggi è conosciuta come la Cisgiordania o la Striscia di Gaza, compresi i rifugiati, non sono mai stati in grado di ricreare.

Jenin ai margini.

Nel suo libro Jenin City (1964), l’accademico Kamal Jabarin scrive che la città iniziò ad espandersi attorno al suo centro ottomano, che ancora oggi rappresenta il cuore della città.

L’unico patrimonio urbano superstite di Jenin risale all’epoca ottomana e comprende un mercato, un edificio governativo, una moschea e altri edifici.

“La perdita di Jenin è avvenuta nel 1948”, ha detto Jabarin a The Electronic Intifada.

L’istituzione di Israele, ha detto, “poneva Jenin ai margini”, isolandola dalle città e dai paesi a cui era tradizionalmente collegata e da cui dipendeva per i rapporti commerciali, culturali e familiari.

Le strade di Haifa e Nazareth erano arterie vitali che collegavano Jenin con quelle due importanti città e partner commerciali, ma furono abbandonate dopo la Nakba del 1948. Molti abitanti di Jenin “sono stati uccisi per aver cercato di visitare i loro parenti lì”, ha detto Jabarin.

Le due strade sono state riattivate dopo l’occupazione israeliana della Cisgiordania nel 1967, ma poi sono state nuovamente chiuse.

La strada di Nazareth è oggi ostruita da una recinzione israeliana e da un posto di blocco militare.

La strada per Haifa, a sua volta, termina presso la base militare di Salem a circa 9 chilometri dal centro della città. Salem è un tribunale militare israeliano e un centro di detenzione.

Gas alla fine della strada.

Nel 1995 Isam al-Amer ha aperto una stazione di servizio sulla strada per Haifa. Oggi si trova proprio di fronte al punto in cui il muro di Israele blocca il passaggio.

Quando la stazione di servizio è stata aperta, ha servito i palestinesi di Jenin che avrebbero attraversato il posto di blocco militare di Salem qui ad Haifa e altrove.

Quel posto di blocco è stato chiuso dopo l’inizio della seconda Intifada due decenni fa. Dove una volta lavoravano 20 persone, ne rimangono solo due.

“Stiamo ancora lavorando nella speranza che il checkpoint venga riaperto”, ha aggiunto.

Fino ad allora, però, è il proprietario della stazione di servizio in fondo alla strada.

La strada per Nazareth, invece, porta solo fino al checkpoint di Jalama, a pochi minuti dal centro di Jenin.

Il checkpoint è completamente chiuso per i veicoli registrati dall’Autorità Nazionale Palestinese, quindi tutti i residenti che hanno ottenuto i permessi di viaggio dall’esercito israeliano dovranno attraversare a piedi.

Alcune persone ricordano ancora l’area dell’aeroporto qui, istituita alla fine dell’era ottomana nel 1917 da ingegneri tedeschi e successivamente sviluppata dalle autorità britanniche per includere diversi hangar, magazzini e negozi per aerei.

Durante la seconda guerra mondiale, l’aeroporto fu utilizzato dalle forze aeree britanniche e statunitensi per le loro operazioni nella regione.

“Avrebbe potuto essere trasformato in un vero aeroporto per la mia città”, ha detto a Electronic Intifada Muhammad Abufarha, del vicino villaggio di al-Jalama.

Invece di avere un aeroporto, gli abitanti del villaggio di al-Jalama approfittano del checkpoint per fornire servizi a coloro che sperano di attraversare, con molti che “offrono la loro terra come parcheggi per coloro che lasciano le loro auto per attraversare”, ha spiegato Abufarha.

La dispersione dei rifugiati.

Dopo la Nakba del 1948, Jenin divenne un rifugio per migliaia di rifugiati espulsi dalle loro case ad Haifa e da 54 villaggi nel nord della Palestina.

Nel 1953, l’organismo delle Nazioni Unite responsabile per i rifugiati palestinesi, UNRWA, istituì il campo di Jenin. Il campo profughi conta ora 12.000 residenti. Oggi il campo è il cuore di una città che ospita altre 53.000 persone.

“I primi rifugiati vivevano nelle caserme dell’esercito britannico evacuate, poi nella stazione ferroviaria ottomana abbandonata, poi nelle tende dell’UNRWA”, ha detto Abd al-Jaleel al-Noursi, che arrivò al campo di Jenin nei primi anni ’50 dopo essere fuggito da Haifa.

Dopo alcuni anni, senza sapere se sarebbe mai stato permesso loro di tornare alle loro case, i residenti iniziarono a sostituire le loro tende dell’UNRWA con case di fango.

Negli anni ’70, ha detto al-Noursi, le case di fango sono poi diventate case di cemento.

Nella piazza principale del campo si trova la stazione ferroviaria ottomana, abbandonata nel 1948, così come le altre stazioni ferroviarie della Cisgiordania a Nablus e Tulkarm.

Oggi non ci sono servizi ferroviari disponibili per i palestinesi in Cisgiordania, ad eccezione di quelli residenti a Gerusalemme est.

Tuttavia, i resti della ferrovia abbandonata sono ancora visibili in alcune parti della Cisgiordania. Cinque chilometri a nord della stazione abbandonata di Jenin, una strada sterrata segna il punto in cui passava la ferrovia che collegava Jenin con Afula e Haifa.

La strada sterrata è ora interrotta dal muro di separazione israeliano.

Una delle maggiori sfide all’urbanizzazione nelle città della Cisgiordania è stata continua evoluzione dei piani urbanistici dei diversi governanti della zona negli ultimi 100 anni.

Il primo piano strutturale per Jenin era britannico, ha detto Dina Hamdan, un ingegnere che ha lavorato con il comune di Jenin.

Il piano successivo non è arrivato fino al 1992.

“Le autorità giordane e israeliane non hanno prestato seriamente attenzione all’espansione urbana. Stavano governando temporaneamente”, ha detto Hamdan a The Electronic Intifada.

Di conseguenza, l’espansione urbana di Jenin è stata un processo rapido e caotico. La presenza dell’Autorità Nazionale Palestinese non ha aiutato molto.

La pianificazione dell’Autorità Nazionale Palestinese si è basata su quali aiuti internazionali allo sviluppo fossero disponibili e per cosa, ha detto Hamdan.

“Quando otteniamo finanziamenti per asfaltare le strade, le asfaltiamo. Quando ne prendiamo uno per il sistema fognario, lo facciamo. Siamo perduti.

Hamdan prova ancora un senso di appartenenza a Jenin, ma è complicato.

“Non c’è niente di interessante in città. Avevamo del potenziale ma lo abbiamo perso. “

Le ambizioni dei giovani.

Nel centro cittadino sono stati recentemente costruiti due centri commerciali, entrambi sui siti di edifici demoliti. Un terzo è in costruzione.

Uno di questi, il Burj al-Saa [Torre dell’orologio] si trova dove sorgeva l’ultimo cinema di Jenin prima che fosse demolito nel 2016.

Il cinema Jenin era uno dei tre cinema della città. Oggi non ne resta neanche uno.

In effetti, non ci sono sale di proiezione da nessuna parte a Tulkarm, Nablus o Betlemme, città che solo pochi decenni fa avevano diverse sale cinematografiche. Al-Hashimi Cinema, nel centro storico ottomano di Jenin, è ancora in piedi ma è chiuso dal 2002.

“Ogni nuovo film veniva proiettato”, ha detto Hanan Sharif, la vedova del proprietario originale di al-Hashimi.

Ma l’instabilità politica e due intifada hanno colpito in modo acuto il settore culturale, a Jenin e in tutta la Cisgiordania. Durante la prima intifada, ha detto Sharif, la famiglia ha deciso di chiudere il cinema dopo che suo figlio Fuad era stato ucciso dai soldati israeliani.

Ha aperto anni dopo come sala per matrimoni. Ma quando un secondo figlio, Rashad, è stato ucciso durante la seconda Intifada, la famiglia ha deciso di chiudere completamente il locale.

Reem Arabi, 37 anni, una delle figlie di Hanan, spera di riabilitare il cinema in futuro nonostante tema che “la società potrebbe non essere più interessata agli spazi culturali”.

“Le persone non sono più interessate ai cinema. Preferiscono guardare la TV o navigare in Internet”.

Shatha Hanaysha, 27 anni, è una neolaureata in giornalismo che si è sempre opposta alla chiusura dei cinema di Jenin, in particolare del Cinema Jenin.

Oggi si trova nella posizione di gestire un caffè culturale con tre amici al quarto piano del centro commerciale Clock Tower costruito sulla vecchia sala cinematografica.

“Ero contraria ad affittare uno spazio in questo centro commerciale capitalista che ha sostituito il cinema”, ha detto Hanaysha a The Electronic Intifada.

Tuttavia, il Kafka Cafe and Shop ha dato a Hanaysha e ai suoi amici l’opportunità di promuovere eventi culturali in città, una missione cara ai loro cuori anche se non redditizia.

“Non è economicamente sostenibile, ma fa parte della nostra visione”, ha detto Hanaysha.

Tuttavia, è frustrata per come si presenta la città, dalla mancanza di prospettive per una gioventù ambiziosa e dalla mancanza di spazi pubblici.

“Jenin è complicata e mi sento triste per i giovani. Non ci sono vere città da nessuna parte in Cisgiordania “.

Ahmad Al-Bazz è un giornalista, fotografo e regista di documentari pluripremiati residenti in Palestina e membro dell’Activestills Collective.

 

Traduzione per InfoPal di Giulia Deiana

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Il potenziale perduto di Jenin

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.