Il privilegio della non violenza

0

29 ottobre 2012   09.00

Amira Hass – È una giornalista israeliana. Vive a Ramallah, in Cisgiordania, scrive per il quotidiano Ha’aretz e ha una rubrica su Internazionale.

“Mi conceda solo venti minuti”, ho detto all’ospite di un mio amico nel villaggio ribelle di Nabi Saleh, in Cisgiordania. Gli leggevo in faccia la stanchezza, e c’era da capirlo: la delegazione di solidarietà di cui faceva parte era in viaggio da una settimana. L’ho incontrato venerdì dopo che lui e i suoi avevano assistito alla protesta settimanale contro l’occupazione, brutalmente repressa dall’esercito.

M’interessava molto ascoltare le parole dello statunitense Vincent Harding, 81 anni, storico e amico di Martin Luther King (fu lui a scrivere il famoso discorso di King contro la guerra in Vietnam).

Dopo le prime due domande su King e su Obama, Harding ha cominciato a prendermi in giro: “Davvero pensavi che ti sarebbero bastati venti minuti? Guarda che parlo molto lentamente”. Allora gli ho rivolto una domanda un po’ provocatoria: “La sua delegazione promuove le attività palestinesi non violente. Ma così non finite per attribuire l’onere della non violenza agli oppressi esentando invece l’occupazione, che è la causa di tutte le violenze?”.

Questa volta Harding ha alzato il ritmo delle parole: “La non violenza non è un onere, ma un grande privilegio. Per noi, negli anni sessanta, era un modo per costruire una nuova società. È per questo che sono qui. Incitare i palestinesi alla lotta armata sarebbe molto più facile. Ma per sperare nella pace bisogna rinunciare a distruggere un nemico che a sua volta vuole distruggere te”.

Traduzione di Andrea Sparacino

Internazionale, numero 972, 26 ottobre 2012

http://www.internazionale.it/opinioni/amira-hass/2012/10/29/il-privilegio-della-non-violenza/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.