Il proprietario del Chelsea ha donato oltre 100 milioni di dollari a un gruppo di coloni israeliani

0
222

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/40373

Roman Abramovich ha rivelato di essere il principale sostenitore di Elad, un gruppo di destra accusato dello sfratto di famiglie palestinesi nella Gerusalemme est occupata, così  come mostrano alcuni documenti  recentemente trapelati.

Fonte: English Version

Staff MEE – 21 settembre 2020

Immagine di copertina: Negli ultimi 15 anni, quattro società gestite da Roman Abramovich hanno donato 100 milioni di dollari a Elad, un’organizzazione di coloni israeliani di destra (AFP / File foto)

Secondo alcuni  documenti bancari, il miliardario russo e proprietario del club di calcio del Chelsea Roman Abramovich ha donato più di 100 milioni di dollari a un’organizzazione israeliana di estrema destra accusata di aver sfrattato famiglie palestinesi da Gerusalemme.

I documenti, trapelati tra le notizie di Buzzfeed, facevano parte di una cache di 22.000 pagine di rapporti inviati dalle banche alle autorità statunitensi tra il 2000 e il 2017. Mostrano che negli ultimi 15 anni, quattro società gestite da Abramovich hanno donato 100 milioni di dollari a Elad, un’organizzazione di coloni israeliani di destra dedita a “rafforzare l’attuale e storico legame di Israele con Gerusalemme”.

L’organizzazione è stata responsabile di decine di sfratti di palestinesi e in alcuni casi per farlo ha combattuto costose battaglie legali decennali, in particolare a Silwan, una città annessa da Israele nel 1967 che ospita circa 55.000 palestinesi.

Le quattro società che Abramovich ha utilizzato per finanziare Elad, tutte situate nelle Isole Vergini britanniche e registrate nel 2003 in uno stesso giorno, hanno finanziato più della metà del lavoro dell’organizzazione tra il 2005 e il 2018.

Sebbene Abramovich fosse sospettato di avere collegamenti con Elad, essendo stato spesso presente ai loro eventi, l’entità del coinvolgimento del proprietario della squadra di calcio non è stata rivelata fino a quando una serie di rapporti bancari (noti come “File FinCEN”) sulle transazioni finanziarie e sulla proprietà di società sono trapelate, ha riferito BBC News Arabic.

I documenti, presentati al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti dalla filiale americana della Deutsche Bank, hanno dimostrato che l’oligarca è l’ultimo beneficiario effettivo di tre delle società e che controlla la quarta.

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz  Abramovich, che è diventato cittadino israeliano nel 2018, ha una fortuna stimata tra i 12 ei 13 miliardi di dollari e negli ultimi anni ha acquistato diverse proprietà di lusso in Israele.

Il cosiddetto “progetto di legge sulla trasparenza”, approvato nel 2015 con l’obiezione dei partiti israeliani di sinistra, richiede alle organizzazioni non governative (ONG) di fornire dettagli sulle loro attività di finanziamento. Ma fino ad ora, il finanziamento di Elad era stato elusivo, con in elenco  il nome delle società delle Isole Vergini, ma non del loro proprietario.

Nel periodo in cui è stata approvata la legge, l’allora membro della Knesset Dov Khenin scrisse una lettera al Procuratore Generale di Israele chiedendo l’apertura di un’indagine sul finanziamento di Elad, seguendo la percepita ipocrisia della legge sulla trasparenza, che la sinistra sostenne essere stata approvata  per colpire le ONG contrarie all’occupazione.

“La ONG dei coloni Elad riceve centinaia di milioni di shekel in donazioni da società registrate in paradisi fiscali di tutto il mondo, con le identità di coloro che le controllano non del tutto chiare”, ha scritto Khenin, membro dell’Israel’s Joint List, una coalizione composta prevalentemente da partiti arabi

“Questo rende estremamente difficile rintracciare i veri donatori o la loro attività. A prima vista, Elad non ha soddisfatto il requisito (obbligatorio per qualsiasi ONG) secondo il quale i suoi donatori e le fonti di finanziamento  devono essere chiari e trasparenti”.

Questa apparente non conformità con le norme “rende necessario interrompere immediatamente l’incanalamento di fondi pubblici a Elad, compresi i fondi di Keren Hayesod,dell’Agenzia ebraica e dello  Stato”, ha detto Khenin.

Sfratti e confische di terreni

I mezzi con cui Elad ha  effettuato gli sfratti palestinesi e le confische di terre variano da  una serie di diversi strumenti forniti dalle politiche del governo israeliano  a ripetute pressioni.

La terra palestinese è stata regolarmente confiscata dal governo israeliano per creare parchi nazionali, con il sostegno di gruppi come Elad.

Il Parco Nazionale della Città di David, finanziato e gestito da Elad, comprende il quartiere palestinese densamente popolato di Wadi Hilweh, che ospita oltre 4.000 palestinesi a cui è  viene impedito di realizzare  qualsiasi costruzione o ristrutturazione sulle loro case o proprietà senza un permesso che, a causa della classificazione  in parco nazionale,  viene sistematicamente negato.

Quando una famiglia in crescita cerca di ampliare la propria casa e viene scoperta, viene emesso un ordine di demolizione e la famiglia ha la possibilità di scegliere tra pagare tariffe esorbitanti o demolire la propria casa. Se rifiuta  entrambe le opzioni, il governo esegue la demolizione e ne addebita il costo alla famiglia.

Elad utilizza  anche la scusa di scavi archeologici per confiscare terreni,  registrati come i cosiddetti “scavi di salvataggio” per evitare di dover ottenere permessi ufficiali.

Questi scavi a Silwan hanno comportato lo scavo e la creazione di tunnel sotterranei , alcuni dei quali si estendono fino al terreno intorno alla moschea di Al-Aqsa. Di conseguenza, molte case palestinesi  situate sul fianco della collina hanno cominciato a sprofondare.

Nel 1977, il governo ha consegnato a Elad il controllo del sito archeologico della Città di David, che è aperto al pubblico.

Eppure, il diritto internazionale è chiaro: a Israele non è consentito effettuare scavi in ​​nessun sito nei territori occupati, compresa Gerusalemme est.

Un altro modo in cui il gruppo ha agito per confiscare la terra palestinese è attraverso la “legge degli assenti “, applicata da un ente governativo formato subito dopo la creazione di Israele nel 1948, per prendere il controllo delle proprietà appartenenti ai palestinesi fuggiti durante la Nakba.

A luglio, la polizia israeliana ha sfrattato una madre single ei suoi quattro figli dalla loro casa di Silwan per consegnarla a Elad dopo una battaglia legale durata 24 anni tra i residenti palestinesi e l’organizzazione.

Il tribunale ha stabilito che, poiché la madre della donna viveva all’estero, aveva abbandonato la casa, nonostante la figlia ei nipoti vivessero lì, e quindi aveva perso la proprietà.

Altre parti della legge stabiliscono che la terra di proprietà degli ebrei prima della fondazione di Israele debba essere restituita ai suoi proprietari e discendenti originali. Tale  legislazione non si applica ai palestinesi.

A gennaio, almeno altre 100 famiglie a Silwan stavano affrontando procedimenti giudiziari per casi di sfratto, secondo l’ONG israeliana Peace Now.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictaplestina.org

 

 

Il proprietario del Chelsea ha donato oltre 100 milioni di dollari a un gruppo di coloni israeliani

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.