Il razzista Gopstein diventa opinionista

206

Michele Giorgio, GERUSALEMME,

Israele. Bentzi Gopstein, leader dell’organizzazione antiaraba “Lehava”, arrestato a dicembre per incitamento all’odio razziale, chiamato da “Canale 10” a spiegare la sua opposizione alla partecipazione dell’araba Lucy Aharish alle celebrazioni per la fondazione di Israele

22est1-israele-bentzi-gopshtain

Bentzi Gopstein, leader di “Lehava”

La par­te­ci­pa­zione come opi­nio­ni­sta di Gop­stein a un pro­gramma molto seguito, testi­mo­nia la com­pia­cenza che per­sino una tv poli­ti­ca­mente lon­tana dal governo come Canale 10 mostra verso gli espo­nenti della destra più estrema e anti-araba, che pre­di­cano l’odio verso la mino­ranza pale­sti­nese (il 20,7% della popo­la­zione secondo le ultime sta­ti­sti­che uffi­ciali). La moti­va­zione è sem­pre la stessa: in demo­cra­zia par­lano tutti. Eppure Gop­stein è con­si­de­rato peri­co­loso dalla stessa poli­zia israe­liana e dai ser­vizi di sicu­rezza. “Lehava” (“Fiamma”) si batte, non poche volte con atti di vio­lenza e inti­mi­da­zioni gravi, con­tro i matri­moni tra le donne ebree e i non ebrei e i con­tatti di ogni tipo tra ebrei e pale­sti­nesi, usando come coper­tura l’impegno con­tro “l’assimiliazione” degli ebrei alle altre cul­ture. I suoi atti­vi­sti sono rite­nuti tra i pos­si­bili respon­sa­bili delle decine di aggres­sioni a danno di pale­sti­nesi avve­nute nell’ultimo anno in pre­va­lenza a Geru­sa­lemme e nelle adia­centi colo­nie ebraiche.

Gop­stein, un seguace del rab­bino Meir Kahane, il lea­der del movi­mento raz­zi­sta Kach assas­si­nato nel 1990 negli Usa, man­tiene stretti rap­porti di col­la­bo­ra­zione con altri ben noti kaha­ni­sti come Baruch Mar­zel e l’ex depu­tato Michael Ben Ari. Per difen­dere i respon­sa­bili dell’incendio alla scuola “Mano nella mano” ha scelto l’avvocato Ita­mar Ben Gvir, fino a qual­che anno fa uno degli espo­nenti più fana­tici della destra radi­cale e del movi­mento dei coloni. Gop­stein non ha man­cato di inviare let­tere di pro­te­sta a Neta­nyahu, per­chè il figlio del pre­mier fre­quen­tava una ragazza nor­ve­gese, e alla modella Bar Rafaeli per­chè aveva una rela­zione con l’attore ame­ri­cano Leo­nardo di Caprio. E ha dura­mente cri­ti­cato il fon­da­tore di Face­book, Mark Zuc­ker­berg, reo di aver spo­sato la non ebrea Pri­scilla Chan. Si com­met­te­rebbe un errore a con­si­de­rare que­ste ini­zia­tive biz­zarre e insi­gni­fi­canti. Gop­stein sa di non essere solo. Un son­dag­gio di qual­che tempo fa ha rive­lato che il 44% degli israe­liani ebrei con­di­vi­deva la stre­nua oppo­si­zione del lea­der di “Lehava” alla loca­zione o alla ven­dita di case ai cit­ta­dini arabi. E avvolti nel mistero sono i suoi rap­porti con le auto­rità. Il quo­ti­diano Haa­retz ha sco­perto che lo Stato aveva ver­sato, dal 2005 al 2013, 175mila dol­lari all’associazione “Hemla” (“Mise­ri­cor­dia”), anch’essa gui­data da Gop­stein, impe­gnata con­tro i matri­moni misti.

Que­sto per­so­nag­gio è stato invi­tato da Canale 10 per dare un giu­di­zio sulla par­te­ci­pa­zione dell’araba Lucy Aha­rish alle cele­bra­zioni uffi­ciali per la fon­da­zione di Israele. Aha­rish, parte di quel nutrito seg­mento della mino­ranza pale­sti­nese più inte­grato nello Stato, da parte sua ha detto di non aver desi­de­rio e tempo per occu­parsi delle pro­te­ste e dei com­menti nega­tivi di Gop­stein e di altri israe­liani. «Con l’accensione della tor­cia man­derò un mes­sag­gio: io esi­sto, che vi piac­cia o no resterò qui e andrò da nes­suna parte», ha spie­gato la gior­na­li­sta in evi­dente rife­ri­mento all’appello lan­ciato il giorno delle ele­zioni, il mese scorso, da Neta­nyahu ai cit­ta­dini ebrei ad andare votare per con­tra­stare l’affluenza alle urne dei cit­ta­dini arabi.

 

Il razzista Gopstein diventa opinionista

http://ilmanifesto.info/il-razzista-gopstein-diventa-opinionista/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.