IL REGIME DI TRUMP RIDEFINISCE L’ANTISEMITISMO

0

L’antisemitismo negli Stati Uniti e in Occidente è esagerato, super-pubblicizzato ed eccessivo.

English version

 

di Stephen Lendman (stephenlendman.org )

 

Serve gli interessi dell’apartheid israeliana, uno stato di polizia razzista gestito da uomini di linea dura fascisti, ideologi sionisti e fondamentalisti religiosi, mascherato da democratico.

Negli ultimi anni, la legislazione sulla consapevolezza dell’antisemitismo è stata introdotta al Congresso, anche all’inizio di quest’anno, ma non è stata approvata.

Prende di mira il diritto fondamentale di criticare Israele liberamente e di chiederne la responsabilità per i suoi alti crimini – volendo soffocare questo diritto soprattutto nei campus universitari.

Equiparare le critiche giustificabili su Israele all’antisemitismo mira a mettere a tacere, forse a criminalizzare. L’antisionismo e l’anti-Israele non sono collegati all’ostilità e alla propensione contro gli ebrei.

Israele è uno stato-nazione, l’ebraismo una religione. Alcuni dei più accaniti critici di Israele sono ebrei, chiaramente non si odiano da soli.

Definire antisemiti i critici dello stato ebraico è una fandonia screditata da tempo.

Lo stesso vale per la critica al sionismo, tirannia con un altro nome. L’ideologia (sionista) è estremista, non democratica, odiosa, spietata, razzista, distruttiva e ostile alla pace, all’equità e alla giustizia.

È sprezzante per i fondamentali principi legali, morali ed etici: un mostro che minaccia chiunque e tutto ciò a cui si oppone, un cancro che infesta Israele, l’America, altre società occidentali e altrove.

Considera gli ebrei e gli altri ineguali, i musulmani in particolare vengono sminuiti, i palestinesi perseguitati ferocemente e oltremodo  danneggiati da una spietata potenza occupante.

L’anglo-sionismo è una forza estremamente distruttiva che minaccia tutti dappertutto. La persecuzione israeliana contro i palestinesi è ben documentata.

Il regime di Netanyahu è particolarmente violento, in particolare contro gli abitanti di Gaza, usano il fuoco vivo contro manifestanti pacifici, uccidendoli a sangue freddo – omicidio volontario e maligno sostenuto dalla estremista Suprema Corte di giustizia israeliana.

L’IDF ha ammesso che i manifestanti palestinesi non violenti sono stati uccisi nonostante non rappresentassero una minaccia per i soldati o i civili israeliani.

La violenza dei coloni e il vandalismo contro i palestinesi indifesi è approvato dalle autorità e dai comandanti israeliani.

Quando si verifica viene chiamata autodifesa. Quando i palestinesi si difendono da azioni israeliane ostili, è chiamato terrorismo.

Quando la comunità mondiale non considera Israele responsabile dei suoi alti crimini, si chiama complicità.

Nel suo ultimo rapporto settimanale sulle violazioni israeliane dei diritti umani in Palestina occupata, il Centro palestinese per i diritti umani (PCHR) ha affermato quanto segue:

 

Durante l’ultima protesta della Grande Marcia del Ritorno dello scorso venerdì, 72 civili palestinesi sono stati feriti dal fuoco vivo dell’IDF e da altre azioni ostili contro individui che non minacciavano nessuno.

I civili sono rimasti feriti a Gerusalemme Est occupata e in Cisgiordania – 91 palestinesi, tra cui 9 bambini arrestati, per il crimine di aver pregato il Dio sbagliato.

Vennero arrestati cinque abitanti di Gaza, tra cui due bambini. Gli episodi di sparatorie di soldati e poliziotti israeliani avvengono quasi quotidianamente, le demolizioni di case si verificano regolarmente, i loro residenti espropriati per far posto allo sviluppo esclusivo ebraico.

Cinque episodi di spari sono avvenuti contro i pescatori palestinesi per il “crimine” della pesca, è stato eseguito un arresto e  la barca del pescatore confiscata.

Nove altri palestinesi sono stati arrestati in 37 posti di blocco temporanei in Cisgiordania – istituiti per molestare, intimidire e terrorizzare civili palestinesi non minacciosi.

In tutta la Cisgiordania e Gerusalemme est, i soldati imperversano più volte al giorno nelle comunità palestinesi, arrestando adulti e bambini, traumatizzando altri troppo giovani per capire cosa stia succedendo.

La direttrice esecutiva di Jewish Voice for Peace, Rebecca Vilkomerson, ha affermato in precedenza “(noi) siamo enormemente orgogliosi di stare con oltre 30 organizzazioni ebraiche in tutto il mondo per dire no a … definizioni dannose di antisemitismo e sì ai diritti umani e alla libertà di protesta.”

Queste organizzazioni e un numero infinito di ebrei negli Stati Uniti e altrove si oppongono alla equazione dell’antisemitismo con le critiche a Israele. L’uno non ha nulla a che fare con l’altro.

In Israele, ebrei e non ebrei sono ineguali agli occhi dello stato, in particolare i musulmani sono sminuiti. Il potere di Israele e gli interessi che sostengono lo stato ebraico si fanno spesso strada in Occidente – minando gli sforzi fatti per ritenere le proprie autorità al potere responsabili di alti crimini, troppo gravi per essere ignorati.

Secondo la ridefinizione dell’antisemitismo da parte del Dipartimento di Stato, include le critiche “allo stato di Israele”.

Considera il legittimo movimento globale BDS antisemita, una grande bugia. Vi Include il confronto tra gli abusi israeliani contro i palestinesi e il maltrattamento nazista di ebrei.

Ciò che i nazisti hanno fatto agli ebrei su scala industriale, Israele fa ai palestinesi in modo rallentato.

La Germania nazista è durata una dozzina di anni. La persecuzione israeliana contro i palestinesi dura da oltre sette decenni- sostenuta dall’Occidente, la comunità mondiale non fa nulla per sfidarla

Stephen Lendman

Stephen Lendman è nato nel 1934 a Boston, MA. Nel 1956, ha conseguito una laurea presso l’Università di Harvard. Seguirono due anni di servizio dell’esercito americano, poi un MBA presso la Wharton School presso l’Università della Pennsylvania nel 1960. Dopo aver lavorato per sette anni come analista di ricerche di mercato, entrò a far parte dell’azienda familiare del Gruppo Lendman nel 1967. Rimase lì fino alla pensione alla fine dell’anno 1999. La scrittura sui principali problemi mondiali e nazionali è iniziata nell’estate 2005. All’inizio del 2007 è seguito l’hosting radiofonico. Lendman ora ospita il Progressive Radio News Hour sulla Progressive Radio Network tre volte a settimana. Illustri ospiti sono presenti. Vengono discusse le principali questioni mondiali e nazionali. Lendman è vincitore del Project Censored del 2008 e vincitore del premio giornalistico internazionale 2011 Mexican Club Club.

 

 

Il regime di Trump ridefinisce l’antisemitismo

Il regime di Trump ridefinisce l’antisemitismo

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.