IL REGIME ISRAELIANO HA UN GRAVE PROBLEMA DI ANTISEMITISMO (con video)

0
39

tratto da: INVICTA PALESTINA

ultra-Orthodox Jews block a main road during a protest against Israeli army conscription, in Jerusalem, Thursday, Oct. 19, 2017. Israeli police say they have arrested 40 people in protests by a fringe group within Israel’s ultra-Orthodox Jewish community. (AP Photo/Ariel Schalit)

Il governo israeliano è impegnato in quello che è forse il peggior esempio di antisemitismo al mondo oggi, scrive Miko Peled, e si rivolge alla sua stessa comunità ebraica ortodossa.

English version

Di Miko Peled – 21 Febbraio 2020

Gerusalemme, Palestina – Mentre le organizzazioni sioniste di tutto il mondo armano l’antisemitismo e lo usano come strumento per abbattere politici e altri personaggi pubblici con cui non sono d’accordo, lo stato di Israele è impegnato in quello che forse è il peggior esempio di antisemitismo nel mondo di oggi.

Una ribellione contro l’Onnipotente

Secondo Halakhah, severa legge ebraica, il popolo ebraico è stato in esilio a seguito di un decreto celeste per aver peccato contro l’Onnipotente. Secondo il Talmud, il testo centrale dell’ebraismo rabbinico e la fonte primaria della legge ebraica – gli ebrei in esilio hanno preso tre voti che devono osservare durante l’esilio:

  1. Non ribellarsi alle nazioni

  2. Per evitare un ritorno di massa in Terra Santa

  3. Per evitare azioni che affretteranno la fine dell’esilio

Gli ebrei ortodossi, quindi, considerano il sionismo una ribellione contro l’Onnipotente e una grave violazione della legge ebraica. Già nel 1900, alcuni dei rabbini più famosi delle comunità ebraiche di tutto il mondo pubblicarono un libro che chiamarono “Or Layesharim”, “La luce verso i giusti”. Pubblicato a Varsavia, è una raccolta di lettere che condanna il sionismo. Da allora in poi, fino ad oggi, continuano la loro opposizione e la totale condanna del sionismo.

Durante l’occupazione nazista in Europa e in conseguenza dell’Olocausto, le comunità ultraortodosse in Europa furono spazzate via. Coloro che sopravvissero si trasferirono negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altri luoghi, compresa la Terra Santa, dove raccolse la loro lotta contro il sionismo, respingendo lo stato di Israele. Il più vocale e noto tra questi fu il rabbino Joel Yoel Teitelbaum meglio conosciuto come Satmar Rebbe. Teitelbaum riuscì a costruire e guidare un’enorme comunità ebraica ultra-ortodossa antisionista.

Dr. Yaakov De Haan:

La comunità ultraortodossa usa l’educazione e le proteste nella sua lotta contro il sionismo e non ha mai preso le armi o minacciato di farlo. Israele, d’altra parte, utilizza tutto il potere che possiede, comprese enormi quantità di violenza, contro questa comunità.

La notte del 1° luglio 1924, una banda terroristica sionista comandata da Yitzhak Ben-Zvi, (che in seguito divenne presidente dello stato di Israele), sparò e uccise a sangue freddo il dottor Yaakov De Haan. Il dottor De Haan era un giornalista e avvocato ebreo-olandese che si trasferì in Palestina e si stabilì a Gerusalemme per vivere la vita di un ebreo ultraortodosso osservatore. Fu profondamente coinvolto nella lotta contro il sionismo e ottenne il rispetto delle comunità ebraiche e arabe in Terra Santa.

Yaakov De Haan stava lavorando a stretto contatto con elementi del governo britannico per far annullare la Dichiarazione Balfour. Inoltre, riuscì a riunire le comunità di ebrei e arabi nativi di Gerusalemme, nel tentativo di respingere il sionismo. I sionisti, i cui sforzi per conquistare la Palestina raddoppiarono dopo l’occupazione britannica nel 1917, lavorarono per minare i rabbini ultra-ortodossi e fondarono i loro rabbinati ufficiali e le loro istituzioni religiose ebraiche che erano fedeli alla loro causa ma non furono mai riconosciuti dall’originale Ultra- Comunità ortodossa.

Riconoscendo che il dott. De Haan rappresentava una grave minaccia per l’acquisizione sionista in Palestina e particolarmente preoccupato per la collaborazione tra leader ebrei e arabi contro di loro, la milizia sionista assassinò De Haan. La prima vittima dell’assassinio politico eseguito dai sionisti in Palestina fu ebrea.

Arruolamento forzato

Opposta allo stato ebraico e impedita dalla sua fede di portare armi, la comunità ultraortodossa non voleva far parte dell’esercito israeliano. Quando è stato istituito lo stato di Israele, è stato raggiunto un accordo tra il governo e i leader di questa comunità che i loro giovani uomini e donne avrebbero ricevuto un differimento, il che significava che in pratica, a meno che non desiderassero farlo, erano esenti dal servire in l’esercito. Le forze armate israeliane, a tutti gli effetti, non potrebbero essere meno religiosamente osservanti e qualsiasi ebreo osservatore che entra è quasi garantito che uscirà secolarizzato.

Negli ultimi anni, ci sono stati tentativi di modificare il disegno di legge in Israele con l’obiettivo di costringere la comunità ultra-ortodossa a servire l’esercito.  I ragazzi e le ragazze israeliane sono convocati per partecipare a un colloquio iniziale e al processo di selezione all’età di 16 anni. Poi, c’è una seconda selezione a circa 17 anni, e a 18 anni i ragazzi e le ragazze vengono arruolati. A causa di cambiamenti nel disegno di legge, l’accordo iniziale non è più valido. Ora, ogni ragazzo e ragazza ultra-ortodossa di età superiore ai 16 anni è considerato un disertore perché  rifiuta di entrare nell’esercito.

Israeli ultra-Orthodox Jewish men clash with police as they block a highway during a protest against the detention of a member of their community who refuses to serve military service, in Bnei Brak, Israel, Monday, March 12, 2018. (AP Photo/Oded Balilty)

Israele non riconosce gli obiettori di coscienza, quindi nei casi in cui il ragazzo o la ragazza vanno alla prima intervista per cercare di ottenere un’esenzione, il processo è doloroso e punitivo e spesso termina in arresto. Questo, in cambio, riunisce la comunità in proteste di massa che portano a ulteriori arresti. La polizia israeliana tratta questa comunità con una crudeltà che è difficile da capire. L’intero processo, compresi gli arresti, gli interrogatori e il trattamento che subiscono mentre vengono elaborati dal sistema, è una chiara violazione dei loro diritti umani e religiosi ed equivale a torturare.

Violenza della polizia

Mentre nei media sono riportate poche o nessuna informazione sulla violenza della polizia israeliana, all’interno o all’esterno di Israele, la comunità ha documentato prove e ha persino intrapreso azioni legali contro la polizia. Come mostrano i seguenti video clip, difficilmente si può immaginare che qualsiasi altro paese possa cavarsela trattando gli ebrei in questo modo:

Quando le organizzazioni sioniste accusano le persone che rifiutano il sionismo e Israele di antisemitismo, dovrebbero essere fatte per vedere queste immagini di vero antisemitismo.

 

Trad.  Beniamino Benjio Rocchetto

 

Miko Peled è un autore e attivista per i diritti umani nato a Gerusalemme. È autore di “The General’s Son. Viaggio di un israeliano in Palestina “e” L’ingiustizia, la storia della Terra Santa Foundation Five”.

 

IL regime israeliano ha un grave problema di antisemitismo

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.