IL RICATTO DI ERDOGAN E QUELLO DI CERTA EUROPA – di Enrico Campofreda

0
110

tratto da: Enrico Campofreda

LUNEDÌ 2 MARZO 2020

Fa male ai nostri cuori (figurarsi ai loro) la condizione in cui filmati e foto li ritraggono infreddoliti, laceri, dolenti – da oggi anche cadaveri – comunque speranzosi d’una caritatevole apertura di frontiera. Migliaia di profughi siriani, afghani, iracheni, quelli della rotta balcanica che è ripresa da due anni ed è stata parcheggiata a Bihać (Bosnia), oltreché dentro il confine turco e di cui la geopolitica a orologeria ora si ricorda. Ovviamente perché teme “un’invasione del sacro suolo” come, non solo i sovranisti globali ma pure gli opportunisti democratici, adesso temono. Da anni questi civili sono bersaglio dei conflitti che signori della guerra, ufficiali e ufficiosi, combattono a nome di Stati fantasma che non hanno più popolazione. Perché è morta, fuggita, riparata altrove. Lo speculatore per eccellenza della politica mediorientale, il presidente turco Erdoğan, lancia l’ennesima richiesta pecuniaria al sepolcro imbiancato di Bruxelles, quel Parlamento europeo che dovrebbe rappresentare 28 nazioni. Altri tre miliardi di euro per contenere i profughi già parcheggiati in 3.5 milioni sul suolo turco, con l’aggiunta di 900.000 che il contrasto fra lui e Asad sta producendo da settimane nell’area di Idlib. Un ricatto. Certo, ma correlato all’accordo che lesti i leader europei di riferimento per i restanti membri – Angela Merkel ed Emmanuel Macron – s’erano apprestati a sottoscrivere nel 2016. Per non ricevere e neppure vedere quelle genti orientali costrette a fuggire da territori di guerra (Afghanistan, Iraq) dove l’Unione Europea invia le sue missioni di polizia internazionale al servizio degli Stati Uniti.

Erdoğan, dunque, mercanteggia: soldi (che alle non benevoli finanze di casa fanno comodo) in cambio di campi profughi. Che le poche inchieste giornalistiche attuabili in questi anni hanno valutato insufficienti, avanzando a seri dubbi sulle reali spese rivolte a quel genere di assistenza da parte del governo turco. Fra l’altro quest’ultimo ha in tante occasioni limitato, se non proprio ostacolato, l’azione di Ong interne e internazionali accusate di “collusione con terrorismo”. Di Erdoğan si può dire tutto il peggio che la sua politica speculativa e autoritaria ha manifestato in questi anni. Non è, però, il solo. Riguardo all’ultima ondata di profughi divide le colpe con l’omologo presidente guerriero Asad, un uomo che per sete di potere da sette anni fa massacrare il suo popolo. Rivolgendo le armi dei lealisti non soltanto contro l’infamia jihadista, ma verso il popolo sunnita di quella che era la Siria. Poi c’è la vergogna tutta europea o di una parte di quell’Europa che più ha ricevuto e meno ha concesso. Aggregata inizialmente sotto l’ombrello della Nato in funzione anti russa, quindi entrata a pieno titolo nell’Unione continentale, conservando l’alleanza faziosa, marchiata a Visegrád col famoso accordo di trent’anni fa. Il quartetto polacco, ungherese, ceco, slovacco pratica da tempo il suo ricatto al Parlamento di cui fa parte. Dal 2017 ha intrapreso azioni di boicottaggio delle misure disposte a maggioranza da quell’organo in fatto d’accoglienza e redistribuzione di migranti e rifugiati, con quote pro capite fra i membri Ue in base a Pil e tasso di disoccupazione (per la quaterna di Visegrád i più vantaggiosi del continente).

E’ la questione che Erdoğan tratta in maniera sporca per conto e contro un’Europa refrattaria alla disamina del dramma umanitario che la sua stessa geopolitica scatena da almeno due decenni. Facciamo parlare qualche dato, relativo appunto al 2017, anno seguente al patto Ue-Turchia. Il flusso di migranti extracomunitari, fra cui tanti profughi, in alcune nazioni esaminate è stato il seguente: Germania 391 mila, Gran Bretagna 320 mila, Spagna 314 mila, Italia 240 mila, Francia 167 mila, Grecia 63 mila, Polonia 53 mila, Repubblica Ceca 30 mila, Ungheria 25 mila, Slovacchia 0.6 mila. Nel biennio seguente il gruppo di Visegrád ha chiuso ulteriormente le porte, tanto da ricevere procedure d’infrazione per aver rifiutato le direttive Ue. Per contro solo nel 2017 questi Paesi hanno beneficiato dei seguenti aiuti europei: Polonia 8.6 miliardi, Ungheria 3.1, Repubblica Ceca 2.5, Slovacchia un miliardo. Fece scalpore, ma non seguirono censure, la creazione del muro di 175 km sul confine serbo che il premier ungherese Orbán portò a termine, predisponendone un altro sul confine croato. Eguali dimenticanze riguardano gli attacchi e le limitazioni alla libertà di stampa e finanche di espressione subìti dalla società civile ungherese. Silenzi simili agli agguati del governo polacco verso l’indipendenza della sua magistratura L’Unione Europea ignava, e a diverse velocità di democrazia, non è meno preoccupante del laboratorio autocratico che si sviluppa lungo il confine turco-siriano.

Pubblicato da Enrico Campofreda a 06:35 

http://enricocampofreda.blogspot.com/2020/03/il-ricatto-di-erdogan-e-quello-di-certa.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.