Il ruolo del Mossad nella lotta contro il coronavirus in Israele non è come sembra

706

tratto da: INVICTA PALESTINA

28/04/2020

Si dice che l’agenzia di intelligence più famosa e temuta di Israele abbia rubato attrezzature mediche per rafforzare la difesa del Covid-19 del paese. In realtà, ha rafforzato la posizione di Netanyahu

Fonte – English version

Di Yossi Melman e Dan Raviv – 24 Aprile 2020

Il primo ministro Benjamin Netanyahu il mese scorso, annunciando di aver ordinato al Mossad -la famosa e temuta agenzia di spionaggio Israeliana, di procurare urgentemente attrezzature mediche e forniture sanitarie per la lotta contro il coronavirus- ha violato le norme standard di segretezza di Israele.

Alcune settimane dopo, è evidente che sia Netanyahu che l’agenzia di spionaggio erano pronti a rafforzare la loro immagine. Ma quando la realtà viene rivelata, questa mossa potrebbe essere controproducente.

Come al solito, quando viene menzionato il Mossad, i media di tutto il mondo hanno prestato attenzione, e alcuni hanno ipotizzato che le spie israeliane si sarebbero scatenate e avrebbero usato l’inganno e il sotterfugio, se necessario, per sottrarre scorte salvavita,  fuori dalle proverbiali procedure legali.

Molti veterani del Mossad, così come i suoi dipendenti, ai quali non è consentito esprimere pubblicamente le proprie opinioni, si oppongono al coinvolgimento dell’agenzia in una questione puramente civile. Dicono che ne distorce l’immagine e fornisce poco in termini di risultati. Suggeriscono anche che l’obiettivo principale di Netanyahu era rafforzare le sue possibilità di preservare la sua leadership che dura da undici anni come primo ministro, piuttosto che proteggere i cittadini israeliani.

Dal 2 marzo, quando la terza elezione in un anno non ha prodotto risultati, Netanyahu si è diviso tra la crisi del coronavirus e delicati negoziati di coalizione.

Alla fine, il principale rivale di Netanyahu, Benny Gantz, ex capo dell’esercito e leader del partito Blu e Bianco, ha ceduto, rinnegando tutte le sue convinzioni e la sua agenda politica accettando di unirsi al premier in un governo di “unità nazionale”. Tutto ciò si svolge all’ombra di frodi e accuse di corruzione che potrebbero portare Netanyahu a essere processato entro pochi mesi.

Per quanto riguarda il Mossad, mentre ufficialmente non ha un portavoce e nessuna politica di pubbliche relazioni, i funzionari dell’agenzia godono del potere della loro fama. I nemici di Israele, siano essi nazioni, organizzazioni o individui, sono ritenuti terrorizzati dal Mossad. I leader politici nei paesi amici dimostrano un grande rispetto per gli agenti israeliani che sono resi quasi onniscienti e onnipotenti, in tempo di guerra, pace o pandemia.

A Netanyahu piace attribuire il suo prestigio a quello del Mossad, e coinvolgere l’agenzia di intelligence nel contrasto al coronavirus era un modo per dimostrare che stava facendo di tutto per cercare attrezzature mediche di cui il paese necessitava.

Ha cercato di nascondere il fatto preminente che Israele non era preparato a questa crisi.

Nonostante una lunga esperienza di guerre, terrorismo e la preoccupazione che un giorno i nemici potessero usare armi biologiche, il paese non possedeva l’organizzazione necessaria. La tecnologia israeliana e le capacità di ricerca sono eccellenti, ma quando si trattava di ventilatori e dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari, i magazzini erano sforniti.

Un alleato di Yossi Cohen

Inoltre, Netanyahu era impegnato nel costruire la reputazione del suo pupillo, Yossi Cohen. Il direttore del Mossad, che ha trascorso tre anni come consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro, è una delle poche persone a godere della sua completa fiducia.

Cohen non sembra essere attratto dalle ambizioni politiche del suo capo. Nell’aprile 2018, il capo dello spionaggio concordava con Netanyahu nell’insistere che una delle più grandi operazioni dello stato Israeliano nella guerra segreta contro il programma nucleare iraniano, il temerario furto del Mossad di un enorme archivio di documenti da Teheran, doveva essere divulgato.

Netanyahu ha iniziato a presentare Cohen come un suo possibile erede, accendendo i riflettori sull’uomo da lui inserito nell’agenzia delle esecuzioni e delle operazioni clandestine segrete.

Nelle ultime settimane, il Mossad è tornato alla sua tradizionale produzione di leggende, lasciando che i media del mondo si scatenassero con storie esagerate di 007 israeliani che contrabbandano abilmente attrezzature mediche negli ospedali del loro paese. Cohen e i suoi principali aiutanti si sono stabiliti nella più grande struttura medica di Israele, il Sheba Medical Center, e non hanno fatto alcuno sforzo per smentire i fatti.

La verità è molto più semplice. Il ruolo principale del Mossad è la gestione di un centro di controllo nazionale, dove l’agenzia ha installato computer e linee di comunicazione. I responsabili, tuttavia, sono dozzine di medici, esperti di alta tecnologia e funzionari dei ministeri della salute, della finanza e della difesa, che coordinano la battaglia contro la pandemia di coronavirus.

In realtà hanno fatto un buon lavoro, dato che il bilancio delle vittime in Israele, 193 al 23 Aprile, è più basso di quanto si aspettassero nel paese di quasi nove milioni di persone. Una chiave per il successo è un sistema di tracciamento molto più invadente di qualsiasi altro programma un governo occidentale possa pensare di intraprendere.

L’agenzia di sicurezza interna, Shin Bet, è stata incaricata da Netanyahu di inviare un messaggio di testo a qualsiasi israeliano che si trovasse a pochi metri da un malato accertato di coronavirus. La posizione di ogni telefono cellulare nel paese è la chiave di ciò, ed è una tattica che l’intelligence israeliana esercita per localizzare i militanti e i loro complici.

Per quanto riguarda l’approvvigionamento di attrezzature, Né la reputazione del Mossad né la sua inesperienza sono state coinvolte.

Grazie a uno sforzo di squadra, Israele ha firmato contratti per l’importazione di 14.000 ventilatori polmonari, tonnellate di ossigeno e decine di milioni di maschere, guanti, occhiali e abiti per gli operatori sanitari. Gli acquisti provenivano da fornitori commerciali in Cina ed Europa. Niente di tutto ciò è stato rubato.

I vertici israeliani, che includono ex agenti dell’intelligence, prevedono danni al prestigio del Mossad; alcuni temono che i loro ex colleghi saranno considerati ladri senza scrupoli in un mercato nero medico.

Sono anche preoccupati che missioni pretestuose di questo tipo, motivate dalla politica interna, possano distrarre dai fondamentali, autentici e costanti doveri degli agenti segreti di Israele.

Soprattutto, dubitano che sia saggio per Netanyahu e Cohen utilizzare il Mossad in un ambito civile in cui non ha esperienza, vantaggio operativo e nessun contributo significativamente prestigioso da dare.

 

Yossi Melman e Dan Raviv sono coautori di “Spies Against Armageddon” e “Every Spy a Prince”.

Trad: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

Il ruolo del Mossad nella lotta contro il coronavirus in Israele non è come sembra

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.