“Il sogno incompiuto. Uomini e storie di Israele”

di Tramballi Ugo

Nel 1948 Israele proclamava la sua indipendenza. Nasceva lo Stato nel quale il Nuovo Ebreo sarebbe stato libero e in pace, avrebbe creato istituzioni democratiche, aperto le porte a tutti coloro che avevano sofferto, con la promessa che mai più l’antisemitismo li avrebbe inseguiti. Un esercito di cittadini, un’aviazione ultramoderna, un arsenale nucleare li avrebbero liberati da ogni nemico. Invece i nemici ci sono sempre e la pace è ancora lontana. Sessant’anni dopo la sua nascita, Israele non ha ancora frontiere definite e riconosciute. L’occupazione della Cisgiordania palestinese ne sta avvelenando l’essenza laica e democratica. La frizione quotidiana tra modernità e oscurantismo, pacifismo e militarismo, fra l’ebreo cosmopolita e quello tribale, impediscono al sogno nazionale di realizzarsi fino in fondo. Questa è una storia di capi e di generali, di fedi incrollabili e grandi battaglie. Ma è anche un racconto di donne e uomini senza volto che dubitano, odiano e amano; ingranaggi di una tragedia condivisa con altri, sconosciuti come loro, ma palestinesi. Gente comune la cui vita non è giusta o sbagliata in sé; gente che semplicemente non sa come “fermare la faccenda che ci ha impigliati e ha impigliato così tanto il nostro futuro”

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam