Il toccante saluto ad Hashem di un suo amico israeliano

282

domenica 25 ottobre 2015

 12112412_524092127741577_1215525796474314605_n

Oggi c’è il funerale del mio amico Hashem.

È morto a Hebron a causa di un infarto e ha aspettato l’ambulanza troppo a lungo. Non so se sia morto a causa di questo, ma è una tragedia in ogni caso.

Credo che mi abbia ricevuto in casa sua centinaia di volte, generalmente con gitanti israeliani che arrivavano in città.

È una cosa che io non avrei mai fatto, introdurre stranieri nella mia casa per spiegare la mia situazione.

Lui fu uno dei primi abitanti di Hebron che accettò di parlare con gli israeliani, pensava che forse si poteva ragionare in altro modo. E a dire la verità, ho dato troppe volte per scontato questo atto di reciproca comprensione e ho permesso alla politica interna della città di spostare l’attenzione da questo atto così straordinario.

Lui fu il primo palestinese che centinaia di israeliani conobbero, voleva spiegare la sua vita sperando forse che migliorasse. Lui mi ricordava lo stereotipo dell’ebreo diasporico, uomo di famiglia, educato e sensibile, un po’ curvo e credente nella forza della parola come capace di portare il cambiamento.

Ho imparato molto da lui. Che il suo ricordo sia benedetto

 
 
 

Mikhael Manekin

היום יש הלוויה לחבר שלי- האשם עזה. הוא נפטר בחברון כשחטף התקף לב, וחיכה לאמבולנס במשך זמן רב מדי. איני יודע אם זו הסיבה שבסופו של דבר נפטר, אבל זה טרגי בין כך
Altro…

http://frammentivocalimo.blogspot.it/2015/10/il-toccante-saluto-ad-hashem-di-un-suo.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.