IL TRIBUTO NASCOSTO DEL LOCKDOWN DELLE FORESTE PLUVIALI

0
104

tratto da: INVICTA PALESTINA

 

A car drives along a section under construction of the Trans-Amazonian highway (BR230) near Ruropolis, Para state, Brazil, in the Amazon rainforest, on September 7, 2019. – The BR230 and BR163 are major transport routes in Brazil that have played a key role in the development and destruction of the world’s largest rainforest, now being ravaged by fires. (Photo by NELSON ALMEIDA / AFP) (Photo by NELSON ALMEIDA/AFP via Getty Images)

Con meno aerei nel cielo e auto sulla strada, il blocco ha portato molti benefici all’ambiente. Allora perché sta danneggiando le foreste pluviali tropicali?

English version

di Kimberley Brown, 19 maggio 2020

All’interno delle foreste tropicali del mondo, ci sono agenti di malattie che hanno il potere di arrestare il nostro stile di vita. Il modo in cui impareremo a convivere con queste foreste determinerà il nostro destino, accelerando o rallentando l’inizio delle future pandemie e della crisi climatica. BBC Travel e Future Planet esplorano due aspetti del nostro rapporto con le foreste in due storie; questa storia è la seconda e puoi leggere la prima qui.

 

Potresti essere perdonato per aver pensato che le misure globali di lockdown che ci tengono tutti a casa non possano essere state altro che un bene per l’ambiente. L’inquinamento nelle città è diminuito, gli animali selvatici sono stati avvistati sempre più numerosi nelle aree urbane e molte nuove piste ciclabili si sono aperte in tutto il mondo.

Ma nelle regioni delle foreste tropicali del mondo, è un’altra storia. Le agenzie ambientali hanno segnalato un aumento della deforestazione durante i lockdown, nonché un incremento del bracconaggio, del traffico di animali e dell’estrazione illegale in tutto il mondo. Le tendenze sono allarmanti, affermano esperti ambientali, e potrebbero essere difficili da invertire.

“Questa narrazione della natura che ha avuto una pausa durante il Covid, non è del tutto esatta. È esatta per quanto riguarda le città e le aree periurbane”, afferma Sebastian Troeng, vicepresidente esecutivo di Conservation International. “Ma purtroppo nelle aree rurali, la situazione è quasi inversa.”

Troeng afferma che è troppo presto per avere dati dettagliati sull’entità del problema da quando sono iniziati i lockdown, ma i loro uffici hanno ricevuto notizie quasi quotidiane da tutto il mondo di un aumento della deforestazione. Brasile e Colombia hanno assistito a un aumento di disboscamento ed estrazione mineraria illegali; anche le Filippine hanno riferito di disboscamento illegale e traffico di specie selvatiche; il Kenya ha segnalato un aumento del bracconaggio di selvaggina e avorio, nonché aumento della produzione di carbone, illegale dal 2018; la Cambogia ha visto aumentare bracconaggio, disboscamento ed estrazione mineraria illegali; e rapporti simili sono arrivati dal Venezuela e dal Madagascar.

Sono state sollevate preoccupazioni anche in Malesia e Indonesia, che hanno i più alti tassi di deforestazione nel sud-est asiatico, mentre in Ecuador, comunità indigene e di discendenti afro hanno riferito di un aumento delle miniere illegali nelle foreste pluviali di Choco e Amazon.

 

L’Indonesia è già stata intensamente disboscata, il che alimenta le lunghe e mortali stagioni di incendi boschivi della nazione (Credit: Getty Images)Ci sono due fattori principali che potrebbero guidare queste tendenze, afferma Troeng. Il primo è costituito da gruppi criminali e opportunisti che espandono le loro attività approfittando del lockdown, della riduzione del monitoraggio delle foreste e della presenza del governo. Il secondo è che le persone che vivono in queste aree rurali affrontano crescenti pressioni economiche e sono costrette a fare più affidamento sulla natura per cibo e reddito. In alcuni casi, come il Madagascar e la Cambogia, si è verificata una grande migrazione urbano-rurale poiché le persone hanno perso il lavoro nelle città o sono tornate a casa per stare con le loro famiglie durante la quarantena, il che ha esercitato un’ulteriore pressione sugli ambienti locali.

“Ciò che mi preoccupa è che stiamo assistendo a queste tendenze emergenti e che non verranno invertite quando le misure per il Covid saranno revocate perché correlate a fattori economici. Quindi la mia anticipazione è che dovremo occuparcene potenzialmente per mesi e anni”, afferma Troeng.

La distruzione della foresta pluviale avrà gravi conseguenze. Per gli indigeni e le altre comunità che vivono lì, ciò significa una distruzione del loro stile di vita e può portare a conflitti con i criminali che invadono il loro territorio. Gli studi hanno anche dimostrato che la distruzione degli ecosistemi della foresta pluviale aumenta le probabilità di nuovi agenti patogeni che fanno il salto dagli animali agli esseri umani. Inoltre, danneggia la nostra capacità di affrontare i cambiamenti climatici, poiché le foreste tropicali sono un componente chiave per assorbire l’anidride carbonica dall’atmosfera.

Perdite amazzoniche

Una delle maggiori preoccupazioni di Troeng in questo momento è l’Amazzonia brasiliana, che sta assistendo a livelli di deforestazione senza precedenti, aumento delle attività di estrazione mineraria illegale in territorio indigeno e casi diffusi di Covid-19 nelle comunità amazzoniche.

“Questo è ciò che mi preoccupa. È la confluenza di diverse cose negative che accadono contemporaneamente”, dice.

FOTO – Si ritiene che l’aumento delle denunce di disboscamento nell’Amazzonia in lockdown sia stato alimentato da una mancanza di capacità di imporre restrizioni durante la pandemia (Credit: Getty Images)

Il Brasile ha confermato il suo primo caso di coronavirus il 28 febbraio ma, mentre la maggior parte dell’economia si è fermata da quando il governo statale e municipale hanno attuato misure di lockdown, la deforestazione no. In aprile, la distruzione della foresta pluviale è aumentata del 64%, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’agenzia di ricerca spaziale del paese, INPE. Nei primi quattro mesi del 2020, la distruzione della foresta pluviale è aumentata del 55%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, cancellando un’area di 1.202 chilometri quadrati (464 miglia quadrate).

“Ciò che abbiamo visto con la deforestazione è che le persone non hanno paura perché apparentemente pensano che “il governo è distratto da questa crisi sanitaria, non ci presteranno attenzione”, afferma Ane Alencar, direttore scientifico dell’organizzazione ambientale brasiliana, IPAM. “È una questione di opportunismo.”

A marzo, le due agenzie di controllo ambientale del paese, Ibama e ICMBio, hanno tagliato i loro servizi di monitoraggio delle foreste. Le agenzie hanno affermato che le restrizioni alla mobilità hanno ostacolato la loro capacità di svolgere i loro compiti e non hanno potuto rischiare la salute del loro personale o delle comunità indigene cercando di continuare il servizio regolare.

Alencar afferma che la maggior parte della deforestazione nel 2020 è finora avvenuta attraverso il furto di terra di proprietà pubblica. I dati diffusi da IPAM mostrano che i primi tre mesi di quest’anno, il 53% di questa distruzione ha avuto luogo su terreni pubblici non designati, aree protette e territori indigeni, rispetto al 38% dell’anno scorso. Questo sarà probabilmente trasformato in terra da pascolo, dice Alencar.

La deforestazione in Brasile è aumentata dall’anno scorso, quando il presidente Jair Bolsonaro è entrato in carica. Poco dopo aver prestato giuramento, iniziò a promuovere lo sviluppo della foresta pluviale amazzonica, comprese le riserve indigene, definendolo necessario per sollevare i locali dalla povertà. La scorsa settimana, Bolsonaro ha autorizzato l’esercito a schierarsi in Amazzonia per combattere gli incendi e il disboscamento illegale. Ma gli ambientalisti sostengono che questo non risolverà i problemi a lungo termine sul campo. Alencar e altri ambientalisti sostengono che le politiche del presidente hanno contribuito a rafforzare l’accaparramento delle terre, nonché l’estrazione illegale e il disboscamento.

Incendi boschivi

Gli ambientalisti temono che la maggiore deforestazione che stanno vedendo nel lockdown porterà a incendi boschivi ancora più gravi durante la stagione secca del Brasile, rispetto a quanto visto l’anno scorso. Gli incendi boschivi in Amazzonia si verificano generalmente durante la stagione secca quando le persone impiegano un metodo di taglio e combustione per trasformare la foresta in terra agricola. Nel 2019, gli incendi boschivi in Brasile sono aumentati dell’84% rispetto al 2018. Il fumo degli incendi ha portato a un allarme per la salute pubblica, causando malattie respiratorie nelle persone che vivono nelle città vicine.

 

Oltre alla raccolta di legname, in Amazzonia la terra viene deforestata per l’allevamento di bestiame e la coltivazione di raccolti (Credit: Getty Images)

Molti degli ospedali brasiliani sono già sovraccarichi nel tentativo di far fronte ai casi di Covid-19. Ai primi di maggio, il paese è stato dichiarato il nuovo epicentro globale del coronavirus.

“È già un incubo, ma sarà un triplo incubo”, afferma Alencar.

La vicina Colombia ha già visto un aumento degli incendi boschivi nei primi mesi del 2020. A marzo, il paese ha registrato 12.953 punti caldi – anomalie termiche che indicano un rischio maggiore di incendi boschivi – nella foresta pluviale amazzonica della Colombia, secondo l’Amazon Institute for Scientific Research , SINCHI. Questo è quasi tre volte più dei 4.691 punti caldi indicati l’anno scorso durante lo stesso mese. Anche se i punti caldi non si trasformano necessariamente in incendi, sono un indicatore affidabile; gli scienziati affermano che il 93% dei punti caldi registrati viene successivamente confermato come incendio boschivo.

Miguel Pacheco, coordinatore delle risorse naturali e dei mezzi di sussistenza con il WWF-Colombia, afferma che le misure di quarantena non sono state la causa di questo aumento dei punti caldi, ma potrebbero aggravare il problema. Da quando la Colombia è stata messa in lockdown a fine marzo, il monitoraggio dei voli delle forze armate che normalmente sorvolano la regione si è notevolmente ridotto. Ciò potrebbe consentire ai gruppi armati di trarre vantaggio da questa mancanza di controllo ambientale e di continuare a liberare l’area per bovini, piantagioni di coca o altre colture, purché persistano queste misure di quarantena.

Le autorità ambientali hanno anche riferito di un aumento del disboscamento illegale, traffico di animali selvatici e bracconaggio di grandi felini dall’inizio della quarantena, afferma Pacheco.

In Colombia, il lockdown pone il prossimo in una lunga serie di cambiamenti sociali che hanno alimentato la deforestazione. La distruzione della foresta pluviale è stata una delle principali preoccupazioni dal 2016, quando i guerriglieri delle FARC e il governo colombiano hanno firmato un accordo di pace. Quando i guerriglieri si sono smobilitati dalle aree di loro possesso nella giungla, hanno lasciato le regioni aperte allo sfruttamento. In molte aree, ciò ha significato che gruppi armati e altra criminalità organizzata hanno sgombrato la foresta per bestiame e pascoli, in particolare sono alcuni dei più colpiti gli stati amazzonici di Caqueta, Meta e Guaviare.

 

In Colombia, l’eliminazione delle regioni boschive porta a più punti caldi in cui è molto probabile che seguano incendi boschivi (Credit: Getty Images)

Il lockdown del paese ha portato a una battuta d’arresto di tutti i programmi post-conflitto di sviluppo e conservazione con le comunità di queste remote regioni della giungla, la maggior parte delle quali non ha accesso a scuole, ospedali o altri servizi pubblici. Ciò ha creato un altro vuoto rispetto ad altri organismi di monitoraggio delle foreste come le ONG e le istituzioni governative.

“In questo momento tutto è un po’ in standby, e sono sicura che questo si rifletterà in seguito quando i dati riveleranno ciò che è realmente accaduto in questi territori”, afferma Carolina Gil, direttrice regionale dell’Amazzonia nord-occidentale con l’Amazon Conservation Team in Colombia, che ha continuato a lavorare da casa sua a Bogotà durante il lockdown. Gil dice che ancora prima del lockdown, ha ricevuto notizie di ranger nei parchi nazionali amazzonici e di aree protette che avevano subito minacce di morte da gruppi armati, che li avvertivano di lasciare i loro posti.

La via del ritorno

La soluzione alla deforestazione in corso e alle attività illecite non è così facile, afferma Gil. Implica un migliore monitoraggio delle foreste da parte dei governi, una repressione della criminalità organizzata e altri programmi sviluppati per comprendere e sostenere le comunità nella foresta pluviale. Coinvolge anche le persone nelle città e all’estero, aiutandole a comprendere il ruolo che svolgono nella deforestazione delle foreste tropicali, afferma, riflettendo su come le loro abitudini di consumo – dalla carne alla cocaina – potrebbero sostenerlo.

“Dobbiamo fare una riflessione un po’ più saggia e rigorosa sulla deforestazione, che non finisce necessariamente nella giungla. Può anche accadere nei centri in cui vengono prese le decisioni economiche.” dice Gil.

A lungo termine, gli ambientalisti concordano sul fatto che la soluzione per salvare le foreste tropicali del mondo consiste nel lavorare a stretto contatto con le comunità locali, dando loro la possibilità di essere ambientalisti attivi nei propri territori.

In alcuni casi, ciò include il sostegno agli stili di vita indigeni tradizionali di convivenza con la natura. In altri, implica lo sviluppo di flussi di entrate alternative sostenibili che vanno oltre i progetti di ecoturismo. Quest’ultima è diventata una popolare strategia di conservazione nel corso degli anni, ma, come indica l’attuale crisi economica e sanitaria mondiale, non è sempre affidabile, afferma Troeng. Un’opzione, dice, è che i governi paghino le comunità locali per lavorare come guardie forestali, intraprendere progetti di riforestazione o lavorare con loro per sviluppare prodotti forestali sostenibili, come la raccolta di miele o bambù.

 

Far rispettare il diritto delle popolazioni indigene a gestire in modo sostenibile le terre della foresta pluviale è un modo per rallentare la diffusione della deforestazione (Credit: Getty Images)

In Colombia, dice Pachecho che i punti caldi della deforestazione sono diminuiti fino al 70% nel 2018 e sono rimasti bassi nelle aree in cui le comunità locali sono state coinvolte in programmi di gestione delle foreste e del paesaggio negli stati amazzonici di Guaviare e Caqueta.

Ma a breve termine, è importante che i governi rendano prioritarie le aree forestali tropicali e rimangano concentrati sulle attività di controllo, afferma Troeng. Cita due esempi in cui ciò sta accadendo. Nelle Filippine, dopo aver appreso dell’aumento del disboscamento illegale, del commercio di specie selvatiche e della pesca nel paese, il governo ha dichiarato pubblicamente che non avrebbe tollerato tali attività e ha iniziato a reprimere questi crimini. In Perù, l’agenzia che controlla le aree protette è ancora sul campo, guida pattuglie e fa rispettare le normative ambientali quando necessario, nonostante il Covid-19, il che è “incoraggiante”, dice Troeng.

È anche importante che i responsabili delle decisioni a livello globale siano consapevoli di queste dinamiche che avanzano, considerato che iniziano a pensare di investire risorse per rilanciare l’economia. “Penso che ci sia sicuramente un’opportunità”, afferma. “Scopriamo come possiamo invertire queste tendenze negative perché ne avremo bisogno nella battaglia contro i cambiamenti climatici”.

È improbabile che questa deforestazione accelerata scompaia una volta tolto il blocco; le stesse pressioni economiche saranno ancora lì, così come le opportunità di sfruttare la foresta pluviale. Le economie illegali spesso lavorano più velocemente della capacità dei governi e delle ONG di formalizzare e attuare strategie di conservazione, afferma Gil. Ovviamente, più a lungo si lasciano espandere queste attività illegali nelle aree delle foreste tropicali, più sarà difficile invertire i danni a questi ecosistemi e comunità della foresta pluviale. Ciò aumenta l’urgenza di pensare a nuovi modi per combattere la deforestazione, sia ai tropici che all’estero.

Traduzione di Simonetta Lambertini-invictapalestina.org

Il tributo nascosto del lockdown delle foreste pluviali

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.