IL “VERO” APARTHEID

437

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/18/il-vero-apartheid/

https://www.middleeastmonitor.com/
17 aprile 2021     Asa Winstanley

“Questo è il vero apartheid”, ha twittato la scorsa settimana l’avvocata ebrea americana Brooke Goldstein. “Il fatto che gli ebrei non possano entrare nel ‘territorio palestinese’”, ha affermato, “rifiuto il fatto che alcuni luoghi siano pericolosi per me perché IO ​​SONO EBREA”.

Forze israeliane a una protesta palestinese in Cisgiordania, Palestina il 5 giugno 2020 [Issam Rimawi / Agenzia Anadolu]

Goldstein ha accompagnato il suo tweet con una foto di un grande cartello rosso in Cisgiordania che recita (in ebraico, arabo e inglese): “Questa strada conduce a un villaggio palestinese [sic] l’ingresso per i cittadini israeliani è pericoloso”.

Ma Goldstein, anche a parte la sua egregia confusione di ebrei con israeliani, ha tralasciato un fatto vitale: il cartello è stato fatto da Israele, non dai palestinesi. In tal modo, ha travisato mettendo i palestinesi come colpevoli di “odio per gli ebrei”.

È il regime di apartheid di Israele che determina chi può andare e dove in Cisgiordania. È il sistema dittatoriale israeliano di posti di blocco militari, basi militari ed elaborato sistema di passaggi che decreta chi può muoversi, dove e perché.

Il post di Goldstein è stato ampiamente deriso dagli utenti di Twitter.

Ha ricevuto quello che i giovani chiamano “un rapporto”. In altre parole, ha ricevuto molte più risposte (1.100 al momento in cui scrivo) che “mi piace” (378) o retweet (solo 145). Le risposte e i tweet di citazione sono quasi tutti critici e derisori, e alcuni di loro piuttosto esilaranti.Questi cartelli rossi sono uno spettacolo comune in Cisgiordania. Chiunque abbia viaggiato lì li ha visti mentre entrava in aree palestinesi più vaste.

Ma tali esclusioni sono una conseguenza del razzismo del regime di apartheid israeliano, e non di un immaginario antisemitismo palestinese endemico. L’esercito israeliano ha iniziato ad apporre i cartelli intorno al 2006, il periodo in cui vivevo in Cisgiordania.

Questi cartelli non sono unici nella storia del separatismo razzista e coloniale. È ampiamente ricordato che nel Jim Crow South negli Stati Uniti (prima che il movimento per i diritti civili ottenesse le sue vittorie più decisive negli anni ’60) e nell’era dell’apartheid in Sud Africa, quei regimi impegnati in quella che a volte viene definita “piccola apartheid”.

Hanno messo cartelli e altre infrastrutture che designano molti spazi pubblici per “solo bianchi” o “solo europei”. Ai neri è stato notoriamente negato l’accesso alle fontane d’acqua pubbliche, e persino ai commensali e ad altre attività commerciali.

Ma il corollario naturale dei cartelli razzisti “solo bianchi” erano quelli che accompagnavano i segni “solo neri” o “solo colorati”, messi in atto anche da quegli stessi regimi suprematisti bianchi. In modo molto simile, il regime dell’apartheid israeliano erige questi cartelli rossi come un modo per mantenere i palestinesi “al loro posto”.

Non hanno tanto lo scopo di tenere gli israeliani – e certamente non gli ebrei – fuori dalle aree palestinesi della Cisgiordania. Piuttosto, mirano a rafforzare l’ideologia europea del separatismo razziale, negando l’uguaglianza di umanità alle persone indigene “non bianche”.

Immagine dei lavori di costruzione dopo che Israele ha approvato la costruzione di nuove unità di insediamento in Cisgiordania [Mahfouz Abu Turk / Apaimages]

L’obiettivo è imporre qualcosa che nel Jim Crow South è stato concepito come “separato ma uguale”. Naturalmente, in realtà, era tutt’altro che uguale. Gli afroamericani erano sistematicamente tenuti nella povertà più spaventosa, in un modo molto simile a come l’apartheid del Sud Africa manteneva la maggioranza dei neri africani in una povertà sistemica.

Il regime dell’apartheid israeliano nega ai palestinesi la parità di accesso a scuole, finanziamenti, infrastrutture e altre normali funzioni dello stato, rispetto ai generosi investimenti che fa nelle comunità ebraiche israeliane. Questo vale per i palestinesi che sono presumibilmente “cittadini” di Israele, prima ancora di entrare nella questione della Cisgiordania occupata, che è una pura dittatura dominata dall’esercito israeliano, in cui i palestinesi hanno zero diritti.

Comprendendo questa ideologia, puoi iniziare a capire perché molte delle persone che prendono in giro Goldstein per essere stupida potrebbero aver perso leggermente il punto, anche se è assolutamente corretto e giusto che dovrebbe essere derisa.

Goldstein non ha fatto un semplice malinteso. Né è probabile che non fosse a conoscenza del fatto che è Israele a mettere questi cartelli rossi. È molto più plausibile che stesse mentendo deliberatamente come un modo per distogliere l’attenzione dall’accettazione sempre più diffusa del fatto che Israele è un regime di apartheid. Ecco perché ha affermato che il cartello è il “vero apartheid”.

Goldstein non è solo un segno di spunta blu casuale su Twitter, vedi. È una razzista anti-palestinese impegnata, dedita a una dura campagna per l’applicazione del regime di apartheid di Israele e persino a punire e molestare i sostenitori dei diritti dei palestinesi in tutto il mondo.

Gestisce un’organizzazione sionista chiamata Lawfare Project, dedicata ad attaccare i palestinesi e i loro sostenitori negli Stati Uniti e in tutto il mondo ricorrendo a cause legali spurie.

Una volta ha anche affermato: “Non esiste una persona palestinese”.

Quindi la falsa affermazione di Goldstein dell’antisemitismo palestinese era un tipico caso di proiezione in cui il razzista presume che tutti gli altri – specialmente le loro vittime – condividano le loro opinioni razziste.

 

 

Il “vero” apartheid

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.