Il veto Usa al consiglio di Sicurezza: un oltraggio alla legalità internazionale

a cura dell’Associazione per la pace

Non è purtroppo unanime la condanna dello scandaloso veto imposto dagli USA sulla risoluzione in merito all’illegalità delle colonie israeliane.
Il veto imposto dagli USA alla risoluzione in sede di Consiglio di Sicurezza dell’ONU sulla illegalità delle colonie israeliane nei territori Palestinesi occupati, rappresenta un ulteriore disprezzo per il rispetto e l’applicazione della legalità internazionale e dei diritti umani. Inoltre simboleggia il sostegno incondizionato ad un paese, Israele, che continua ad agire in totale impunità mentre ogni giorno confisca terra, arresta ed uccide palestinesi.
La Convenzione di Ginevra, di cui Israele e Stati Uniti sono firmatari, proibisce infatti in modo esplicito ad una potenza occupante di trasferire la propria popolazione civile sul territorio occupato. Quindi proibisce quella che sui territori occupati Palestinesi (inclusa Gerusalemme Est) è diventata una realtà di fatto: la presenza di quasi 500.000 coloni israeliani, una presenza che la comunità internazionale non ha mai riconosciuto come l’annessione di Gerusalemme Est da parte di Israele.
L’Associazione per la Pace ribadisce la propria indignazione di fronte al veto USA, che come firmatario della Convenzione di Ginevra è tenuto a rispettarla e ad assicurarne il rispetto da parte di altri Stati. La propria indignazione per il ricatto – fatto nei giorni passati – dell’amministrazione USA sulla leadership palestinese perché ritirasse il testo o si accontentasse di una mozione non vincolante.
L’ Associazione per la pace insieme ad Ong, movimenti, cittadine/i continua a credere nella legislazione internazionale come mezzo per affermare la dignità e il diritto di avere un proprio Stato del popolo palestinese, il veto Usa rappresenta l’arroganza e l’ipocrisia della politica degli Stati Uniti e l’assoluta noncuranza del fatto che tale risoluzione fosse sostenuta da una ampia schiera di altri Stati, inclusa l’Unione Europea, e che gli altri 14 stati facenti parti del Consiglio di Sicurezza tra i quali la Germania e il Portogallo, hanno tutti votato in favore.
Il veto Usa dimostra la parzialità e l’appoggio alla politica di annessione coloniale israeliana. La Presidenza Obama, invece di mantenere le sue promesse della creazione di uno stato palestinese, sta sostenendo un governo che rappresenta nella sua coalizione le forze più oltranziste sia politiche che religiose, che reprime il dissenso interno e la resistenza popolare nonviolenta dei comitati popolari palestinesi.
Il veto Usa dimostra inoltre quanto sia necessario riformare le Nazioni Unite a cominciare dall’abolizione del veto nel Consiglio di Sicurezza.

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam