Il villaggio palestinese cancellato dalla mappa: la demolizione di Makhul.

Sabato 28 settembre 2013

 immagine1

 

DUE SETTIMANE. ANCORA DUE SETTIMANE, PRIMA CHE GLI ABITANTI DEL PICCOLO VILLAGGIO DI MAKHUL, SPIANATO DAI BULLDOZER ISRAELIANI, CONOSCANO IL LORO DESTINO.

Il villaggio palestinese cancellato dalla mappa: la demolizione di Makhul mostra come gli israeliani stanno trasformando la valle del Giordano, nonostante la condanna internazionale

Ben Lynfield incontra coloro che perdono le loro case – e un modo di vita

BEN LYNFIELD  MAKHUL GIOVEDI 26 SETTEMBRE 2013

Burhan Bisharat ha perso la sua casa la scorsa settimana per opera di un bulldozer dell’esercito israeliano, ma egli conserva l’ethos palestinese dell’ ospitalità, invitando il suo intervistatore a bere ancora tè, mentre  racconta come ha dormito in mezzo alle rovine delle abitazioni e degli ovili di questo minuscolo villaggio demolito dai militari israeliani nella Cisgiordania occupata.

” Vivere sulla terra senza una copertura è difficile”, dice il 40enne padre di otto figli che, come una dozzina di altri uomini di Makhul, ha dormito all’aperto perché l’esercito li ha bloccati dal montare tende dopo la demolizione.

I funzionari israeliani del ministero della Difesa dicono che la demolizione di Makhul era una misura di applicazione della legge necessaria contro la costruzione senza licenza e sottolineano che la Corte suprema israeliana il mese scorso ha respinto una petizione contro gli ordini di demolizione.

Ma i gruppi per i diritti umani denunciano le demolizioni. Dicono che il blocco dell’esercito degli sforzi dell’UE e della Croce Rossa per la fornitura di tende di soccorso segna un precedente pericoloso e una grave violazione del diritto umanitario internazionale. Dopo le critiche di Israele da parte dell’UE durante il fine settimana, martedì l’ Alta Corte di Giustizia di Israele ha indicato che l’esercito è andato troppo lontano nel fermare i soccorsi. Ha emesso un’ingiunzione temporanea specificando che l’esercito non può sfrattare i residenti durante le prossime due settimane, cosa che permetterà al sig Bisharat e agli altri di passare nelle tende lì almeno quel periodo, secondo il loro avvocato.

Martedì scorso, un giorno d’estate rovente, gli uomini di Makhul – avevano inviato le loro famiglie ad altri villaggi – si affollavano sotto l’unico albero in vista per l’ombra, guardati da soldati israeliani per paura che tentassero di ricostruire un riparo per se stessi o le loro pecore. Di notte, quando le temperature sono scese, hanno acceso un fuoco, in un tono più preoccupato per il benessere delle loro greggi che del loro. “Questo tempo è molto brutto per le pecore neonate. Ho sei neonate, e il calore durante il giorno e il freddo di notte possono danneggiare le pecore. Se la situazione continua, è molto pericolosa, anche tragica “, ha detto il sig Bisharat.

Il 16 settembre l’esercito ha distrutto Makhul alle 5 del mattino, ordinando ai residenti di liberarlo, in modo che le ruspe potessero demolire le abitazioni di metallo ondulato e le stalle. Alcuni residenti fanno risalire la loro presenza nel sito alla prima vittoria di Israele nella guerra del 1967, anche se i funzionari israeliani hanno detto che la maggior parte aveva abitazioni in altri posti e viveva lì solo per una parte dell’anno.

I resti della demolizione erano visibili sulla collina martedì, mucchi di rottami che erano state le case fatiscenti per poco più di un centinaio di persone, provenienti da nove famiglie, secondo il loro avvocato, Tawfik Jabarin.

L’ingiunzione impedisce all’esercito di agire contro le tende per le prossime due settimane, poi una sessione di tribunale si terrà sulla questione, dice il signor Jabarin.

Nel frattempo, Makhul continuerà ad essere un microcosmo degli sforzi israeliani di imporre ciò che è vista come la sua trasformazione illegale della Valle del Giordano strategica e fertile, che comprende più di un quarto della Cisgiordania, da un’area palestinese ad un’area israeliana. I gruppi per i diritti e l’ Autorità palestinese accusano che questo è stato fatto a beneficio dei coloni e cerca di provocare i palestinesi a trasferirsi altrove. Israele nega quest’ultima accusa.

Mr Bisharat e altri in Makhul, che affittano i terreni di proprietà di proprietari terrieri palestinesi, sono costretti a pagare il prezzo per la trasformazione.

“Io prendo in affitto 7.000 mq”, dice il signor Bisharat. “Noi piantiamo la nostra terra a grano, orzo, lenticchie e altri cereali. Produciamo latte, formaggio, burro, uova e carne. . Questo è il nostro stile di vita e non abbiamo intenzione di cambiarlo “. Ahmad Bani Odeh, un uomo di 75 anni, con la barba bianca, dice:” Dal 1967 ho vissuto qui. Ho cento pecore. Dove andrò? Io sono di qui, io resto qui e, a Dio piacendo, morirò qui.”

Guy Inbar, un funzionario del ministero della difesa israeliano, dice che le abitazioni che costituivano Makhul sono state costruite illegalmente e che la loro distruzione è stato un atto di applicazione della legge che è venuta quattro anni dopo che gli avvisi di demolizione sono stati rilasciati. Ma i gruppi per i diritti dicono che è praticamente impossibile ottenere che Israele permetta di costruire, a causa di pratiche di pianificazione discriminatorie.

Il rappresentante di Human Rights Watch Bill Van Esveld ha detto che il divieto delle tende necessarie ai residenti Makhul per rimanere sulla terra è pari a un trasferimento forzato della popolazione nel territorio occupato, una violazione della Convenzione di Ginevra. ” Tutti i criteri sembrano essere soddisfatti per questo che è considerato un trasferimento forzato, che è un crimine di guerra,” ha detto. Il portavoce del ministero degli Esteri Paul Hirschson ha negato che ci fosse una violazione del diritto internazionale.

Sarit Michaeli, portavoce di B’Tselem, gruppo israeliano per i diritti umani, ha detto prima dell’intervento dell’alta corte che un pericoloso precedente era stato impostato: “Uno degli aspetti più preoccupanti di Makhul è che è la prima volta nella Valle del Giordano le autorità hanno demolito tutte le strutture senza permettere alla comunità almeno di ricostruire alcune strutture per il riparo. “

Arif Daraghmeh, a capo di un consiglio di 13 piccoli villaggi nella Valle del Giordano settentrionale tra Makhul, dice che circa 10 delle 450 famiglie palestinesi della zona se ne vanno ogni anno “a causa delle politiche israeliane delle demolizioni, che prendono le nostre risorse idriche e rubano la nostra terra” .

‘”L’idea è quella di svuotare questa zona dagli arabi e di costruire più insediamenti e accampamenti militari”, ha detto.

Ma David Elhayani, presidente del Consiglio che rappresenta 21 insediamenti nella Valle del Giordano, ha negato che vi sia alcuno sforzo per ridurre la popolazione araba. Al contrario, egli ha detto, sapeva dei piani per la costruzione di una nuova città per gli arabi su un terreno pubblico nella valle. Mr Elhayani dice che c’è un molto più spazio per i coloni a venire, soprattutto nel nord della Valle del Giordano, la zona dove si trovava Makhul. Egli afferma: “Non ci sono villaggi palestinesi lì.”

https://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream&hc_location=timeline

………………………………………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

 

http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/the-palestinian-village-erased-from-the-map-demolition-of-makhul-shows-how-israelis-are-transforming-the-jordan-valley-despite-international-condemnation-8842323.html

 

The Palestinian village erased from the map: Demolition of Makhul shows how Israelis are transforming the Jordan Valley, despite international condemnation

MAKHUL   GIOVEDI 26 SETTEMBRE 2013

 VALLE DEL GIORDANO

Burhan Bisharat lost his home last week to an Israeli army bulldozer, but he retains the Palestinian ethos of hospitality, pressing his interviewer to drink more tea as he recounts how he has slept amid the ruins of the dwellings and sheep pens of this tiny village demolished by the Israeli military in the occupied West Bank.

‘’Living on the ground with no cover is hard,’’ says the 40-year-old father of eight who, like a dozen other men from Makhul, has been sleeping out in the open because the army blocked them from pitching tents after the demolition.

Israeli defence ministry officials say the demolition of Makhul was a necessary law enforcement measure against unlicensed construction and stress that the Israeli Supreme Court last month rejected a petition against the demolition orders.

But human rights groups are condemning the demolitions. They say the army’s barring of EU and Red Cross efforts to supply relief tents marks a dangerous precedent and grave breach of international humanitarian law. After criticism of Israel by the EU over the weekend, on Tuesday Israel’s high court of justice indicated the army went too far in stopping relief aid. It issued a temporary injunction specifying that the military cannot evict residents during the next two weeks, something that will enable Mr Bisharat and others to pitch tents there at least for that period, according to their lawyer.

On Tuesday, a scorching summer day, Makhul’s men – they had sent their families to other villages – crowded under the only tree in sight for shade, watched by a Israeli soldiers lest they attempt to rebuild shelter for themselves or their sheep. At night, when temperatures fell, they lit a fire, sounding more worried about the wellbeing of their flocks than themselves. “This weather is very bad for the newborn sheep. I have six newborns, and heat during the daytime and coldness at night can harm the sheep. If the situation continues, it is very threatening, even tragic,” Mr Bisharat said.

On 16 September  the army destroyed Makhul at 5am, ordering residents to vacate so that the bulldozers could demolish the corrugated-metal dwellings and animal sheds. Some residents trace their presence at the site to before Israel’s victory in the 1967 war, though Israeli officials said most had dwellings in other locales and lived there just part of the year.

The remnants of the demolition were visible on the hillside on Tuesday, piles of scrap that had been the ramshackle homes for just over a hundred people, from nine families, according to their lawyer, Tawfik Jabarin.

The injunction will prevent the army from acting against tents for the next two weeks; then a court session will be held on the matter, Mr Jabarin says.

In the meantime, Makhul will continue to be a microcosm of Israeli efforts to impose what is seen as its illegal transformation of the strategic and fertile Jordan Valley, which comprises more than a quarter of the West Bank, from a Palestinian to an Israeli area. Rights groups and the Palestinian Authority charge that this is being done by advantaging settlers and trying to cause Palestinians to move elsewhere. Israel denies the latter charge.

Mr Bisharat and others in Makhul, who rent land owned by Palestinian landowners, are being forced to pay the price for the transformation.

“I rent 7,000 sq m,” says Mr Bisharat. “We plant our land with wheat, barley, lentils and other grains. We produce milk, cheese, butter, eggs and meat. This is our style of life and we are not going to change it.” Ahmad Bani Odeh, a 75-year-old man with white stubble, says: ‘’Since 1967 I have been living here. I have a hundred sheep. Where will I go? I am here, I remain here and, God willing, I will die here.’’

Guy Inbar, an Israeli defence ministry official, says the dwellings that made up Makhul were illegally built and that their destruction was an act of law enforcement that came four years after demolition notices were first issued. But rights groups say it is virtually impossible to get Israeli building permits due to discriminatory planning practices.

Human Rights Watch representative Bill Van Esveld said the interdiction of tents needed by Makhul residents to stay on the land amounted to a forced transfer of the population in the occupied territory, a violation of the Geneva Convention. ‘’All the criteria appear to be met for this to be considered forcible transfer, which is a war crime,’’ he said. Foreign ministry spokesman Paul Hirschson denied there was any violation of international law.

Sarit Michaeli, spokeswoman of B’tselem, the Israeli human rights group, said before the high court’s intervention that a dangerous precedent was being set: “One of the worrying aspects of Makhul is that it is the first time in the Jordan Valley that authorities demolished all structures without allowing the community to at least rebuild some structures for shelter.”

Arif Daraghmeh, head of a council of 13 small villages in the northern Jordan Valley including Makhul, says that about 10 of the area’s 450 Palestinian families leave every year “because of the Israeli policies including demolitions, taking our water resources and stealing our land”.

‘“The idea is to empty this area of Arabs and build more settlements and army camps,” he said.

But David Elhayani, chairman of the council representing 21 settlements in the Jordan Valley, denied there is any effort to reduce the Arab population. On the contrary, he said, he knew of plans to build a new town for Arabs on public land in the valley. Mr Elhayani says there is a lot of room for more settlers to come, especially in the northern Jordan Valley, the area where Makhul was located. He claims: “There are no Palestinian villages there.”

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

1 Commento

  1. —–Messaggio originale—–
    >From: francesco penzo
    >Sent: Tuesday, September 24, 2013 1:55 PM
    >To: roccocatalano@virgilio.it
    >Subject: bocchescucite

    >Gentile Sig. Catalano,

    >sono tra le persone che gestiscono il sito bocchescucite. Le scrivo per
    >chiederle la cortesia di usare toni e modalità diverse nei commenti che
    >lascia su bocchescucite. Se proprio non le riesce la preghiamo di
    >astenersi.

    >Grazie
    >francesco

    La ringrazio d’avermi onorato dell’attenzione posta ai miei commenti su
    “Bocchescucite”. Si, credo che non mi riuscirà usare toni e modalità diverse
    nei commenti che lascio su Bocchescucite. Quindi le assicuro che me ne
    asterrò di farlo. Con molto dispiacere naturalmente. Mi consenta alcune
    considerazioni. Lo spirito del contenuto dei miei commenti è in linea con le
    notizie che Bocchescucite pubblica quasi giornalmente. In una sua lettera,
    pubblicata il 01/05/12 inserito nella categoria : Editoriale.Numero 148, lei
    si rivolge a me con l’appellativo “Gentile attivista…Avreste potuto
    scegliere di protestare contro la quotidiana barbarie del regime
    siriano…”.
    Dr. Francesco Penzo, io non sono un attivista, sono una persona della strada
    che gli si lacera il cuore quando legge le notizie riportate da
    Bocchescucite sulle sofferenze che il popolo palestinese ha subito e che
    subisce da quando l’ebreo si è insediato in Palestina. Piuttosto, leggendo
    la suddetta lettera, mi viene da pensare che lei sostiene la politica del
    Governo ebraico. Politica condannata da tutte le nazioni civili.
    Saluti
    Catalano.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam