Il volto della discriminazione politica in Israele : demolizione delle case e licenze di costruzioni non concesse

martedì 30 aprile 2013

 immagine1

Demolizioni di case palestinesi a Gerusalemme Est sono parte integrante dei piani dichiarati  pubblicamente da Israele per ridurre e controllare la demografia dei palestinesi e dei non ebrei a Gerusalemme. Con poche possibilità di ricevere i permessi di costruzione, le famiglie palestinesi spesso decidono di costruire in ogni caso, nella speranza che forse la loro casa sarà risparmiata.

Mercoledì 24 aprile le autorità israeliane hanno demolito tre case palestinesi nel quartiere di Al Tur sul Monte degli Ulivi a Gerusalemme est. Il pretesto, come al solito, era che il proprietario aveva costruito illegalmente, anche se aveva chiesto i  permessi al  Comune di Gerusalemme e aveva fornito  tutta la documentazione richiesta. Una delle strutture demolite era stata edificata  per ospitare le più giovani generazioni della famiglia .Mentre le famiglie crescono e figli si sposano  dove abirare  se il governo non concede    il permesso di costruire?

House demolition, Al Tur, East Jerusalem, 24.4.2013

Il ragionamento di molti israeliani è questo: ” Se gli Israeliani non possono costruire illegalmente, perchè ai palestinesi dovrebbe essere permesso ciò?'”

House demolition, Al Tur, East Jerusalem, 24.4.2013

Ciò che questa pensiero non coglie  è la discriminazione sistematica alla quale  sono soggetti i palestinesi sotto occupazione israeliana, un contesto ben documentata da varie organizzazioni per i diritti umani. Non è un caso che l’Israeliano  che  vuole costruire un’abitazione abbia   molto più opzioni e  opportunità  del  palestinese medio.

House demolition, Al Tur, East Jerusalem, 24.4.2013

Un rapporto pubblicato dal Comitato israeliano contro la demolizione delle case (ICAHD) riassume questo contesto discriminatorio:

Nell’ambito della politica israeliana i palestinesi possono costruire per  il 13 per cento a Gerusalemme Est e per  l’1 per cento nell’  Area C. . Oltre il 94 per cento di tutte le domande di permesso dei  palestinesi sono state respinte  nel corso degli ultimi anni . Ciò significa che quando una famiglia si espande o una comunità vuole costruire le infrastrutture per soddisfare i suoi bisogni di base, la scelta è costruire  senza permesso nella speranza di sfuggire alla demolizione  .Purtroppo il numero di persone colpite da demolizione continua a crescere costantemente.

House demolition, Al Tur, East Jerusalem, 24.4.2013

In un altro rapporto ICAHD, diritti umani avvocati Emily Schaeffer e Michael Sfard analizzano tale  logica :

[A] La  demolizioni di case a Gerusalemme Est è direttamente collegata  alla pianificazione  su   base etnica – spesso definita come “giudaizzazione”  È interessante notare che questa motivazione non è nascosta, ma piuttosto apertamente discussa dai funzionari  della municipalità di Gerusalemme. (Continua)

House demolition, Al Tur, East Jerusalem, 24.4.2013

Il piano approvato nel 2007 dal Comitato di pianificazione locale di  Gerusalemme, sottolinea l’importanza di mantenere un equilibrio demografico finchè   non vi sia  una  maggioranza ebraica . …
In altre parole invece di rispondere alle esigenze e al benessere dei suoi abitanti, la municipalità di Gerusalemme è focalizzata al  mantenimento e all’espansione di un gruppo  a detrimento di un altro.

immagine7

Si precisa  che tutti  gli insediamenti israeliani nei territori palestinesi occupati sono illegali secondo il diritto internazionale, in particolare, secondo la Quarta Convenzione di Ginevra. Tuttavia, gli insediamenti costruiti senza il permesso del governo israeliano  raramente sono demoliti o , nel caso che ciò avvenga,  compensati con  costruzioni accelerate altrove.

immagine8

Secondo l’organizzazione per i diritti umani B’Tselem, Israele:

Israele ha creato una situazione in cui migliaia di palestinesi  sono costretti a costruire senza permesso perché non hanno altro modo per fornire un riparo per le loro famiglie. … Nello  stesso tempo  sono stati  costruiti  almeno 155 insediamenti israeliani con   170.000 ebrei cittadini israeliani,. Questi insediamenti beneficiano  di un efficiente sistema di progettazione  dei lavori  e  di schemi di pianificazione completa . Nonostante questo migliaia di case sono state costruite in questi insediamenti senza autorizzazioni . Israele si è astenuta  di  demolire queste case,  ha rilasciato permessi di costruzione retroattiva  per migliaia di case costruite senza permessi. Questa politica edilizia-permesso discrimina palesemente i palestinesi rispetto ai  coloni .

immagine9

Ci sono stati almeno 24 mila  demolizioni di case palestinesi documentati negli ultimi 45 anni di occupazione israeliana (di cui 2.000  a Gerusalemme Est). Ci sono attualmente  1.500 ordini di demolizione  a Gerusalemme Est, ogni ordine  rappresenta una famiglia che vive nella paura di, come è accaduto alla  famiglia Jaradat la  scorsa settimana o alla famiglia Ghaith proprio ieri, essere svegliata    una mattina dai bulldozer israeliani  e di dover  abbandonare in poco tempo la  casa prima che venga distrutta. Data questa realtà ben documentata le persone di coscienza, sia israeliani sia   internazionali,  non hanno   alcuna scusa per l’apatia che dimostrano per  la distruzione di case palestinesi.

PHOTOS: The face of Israel’s discriminatory home demolition policy

Pubblicato da  
http://frammentivocalimo.blogspot.it/2013/04/il-volto-della-discriminazione-politica.html
Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam