IN ATTESA DI BIDEN, COLONIZZAZIONE ISRAELIANA A TAPPE FORZATE

0
318

tratto da: http://nena-news.it/in-attesa-di-biden-colonizzazione-israeliana-a-tappe-forzate/

13 nov 2020

di Michele Giorgio   il Manifesto

Gerusalemme, 13 novembre 2020, Nena News – La commissione edilizia di Gerusalemme ha scelto proprio la colonia di Ramat Shlomo, tra la zona araba della città e la Cisgiordania, per dare il via alla realizzazione del primo progetto edilizio in un insediamento coloniale israeliano dopo la vittoria alle presidenziali Usa di Joe Biden. Ramat Shlomo – dove saranno costruiti altri 108 appartamenti – dieci anni fa si ritrovò al centro di una aspra polemica. Il governo israeliano – Netanyahu era già primo ministro – decise di approvare lo sviluppo di questa colonia (1800 nuove case) mentre Joe Biden, allora vice presidente, si trovava in visita ufficiale a Gerusalemme. E lo fece sapendo che l’Amministrazione Obama considerava Ramat Shlomo un grave ostacolo alla soluzione a Due Stati (Israele e Stadi di Palestina).

Il governo Netanyahu spiegò l’accaduto come frutto di una «coincidenza» ma tutti videro in quella mossa un avvertimento a Barak Obama che chiedeva il congelamento delle costruzioni.

Dieci anni dopo e con decine di migliaia di nuovi alloggi costruiti nelle colonie israeliane, le autorità israeliane – ed è sempre primo ministro Netanyahu – mandano un messaggio molto chiaro a Joe Biden, che pure è amico stretto dello Stato ebraico e del suo premier. I media israeliani e la destra invece continuano a dipingere il presidente eletto come un nemico degli insediamenti coloniali in Cisgiordania e «pericoloso» per Israele.

Le nuove 108 case a Ramat Shlomo potrebbero essere solo il preludio della colata di cemento nei territori palestinesi occupati che ipotizzavano ieri i giornali israeliani. In sostanza si ripeterà la corsa alle nuove costruzioni – illegali per la legge internazionale – avvenuta nei due mesi del 2016 che seguirono l’elezione a presidente di Trump.  Il municipio di Gerusalemme e l’Autorità per le terre, riferiva Haaretz, hanno accelerato l’approvazione di diversi progetti edilizi in anticipo sul possibile stop di Biden quando entrerà alla Casa Bianca. Migliaia di alloggi saranno costruiti a Givat Hamatos, Har Homa, Atarot e in altre colonie. Eppure alla destra non basta. Netanyahu è attaccato dai nazionalisti più radicali per aver ritardato le costruzioni a Givat Hamatos e per non aver approfittato fino in fondo dei quattro anni di Trump alla Casa Bianca. «Il problema è Bibi, non Biden. È l’unico colpevole del congelamento delle costruzioni a Gerusalemme», ha denunciato in varie occasioni il consigliere comunale Arieh King. Nena News

 

http://nena-news.it/in-attesa-di-biden-colonizzazione-israeliana-a-tappe-forzate/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.