In Israele il dopo-Netanyahu non sarà un pranzo di gala. Parola di Ehud Barak – di Umberto De Giovannangeli

544

tratto da: https://www.globalist.it/world/2021/06/17/in-israele-il-dopo-netanyahu-non-sara-un-pranzo-di-gala-parola-di-ehud-barak-2082513.html

L’ex premier laburista che fu l’ultimo a sconfiggere Netanyahu parla del nuovo governo e di quello che ci si può aspettare

Ehud Barak

Ehud Barak

Umberto De Giovannangeli

17 giugno 2021

 

Lui, Benjamin “Bibi” Netanyahu, lo conosce bene, di certo meglio di qualsiasi altro avversario del premier più longevo nella storia d’Israele. L’ultima sconfitta di Netanyahu nelle elezioni data 1999. E a sconfiggerlo fu, il soldato più decorato nella storia d’Israele:  Ehud Barak. Lo fece sfidando “Bibi” sul suo stesso terreno: quello della sicurezza, ricordandogli in ogni dibattito televisivo, in ogni intervista o spot elettorale, che nell’esercito Netanyahu è stato suo subalterno, e dunque non ci provasse nemmeno a spiegare a lui come si combattono i nemici d’Israele. Ed oggi, che il “Re” è stato defenestrato, Barak mette in guardia  sui rischi di un suo ritorno:”

La frase chiave del discorso del primo ministro uscente Benjamin Netanyahu alla Knesset – rimarca l’ex premier laburista su Haaretz – è stata ‘Torneremo presto!. Il suo discorso è stato vuoto, diplomaticamente irresponsabile, pieno di distorsioni e bugie e condito con l’autocompiacimento – ma comunque un discorso incitante e minaccioso. Raccomando di prendere la minaccia seriamente, e di trasformare la necessità di sventarla in un atto chiaro e deciso. Dopo la disgrazia durante la sessione di giuramento – teppismo pre-pianificato, con Netanyahu avvolto nel silenzio invece di alzarsi e chiedere ‘Fermate immediatamente questo comportamento indisciplinato!’ – non possiamo minimizzare il rischio. Negli ultimi cinque anni Netanyahu ha schiacciato ogni vestigia di statismo, verità e fiducia nella vita pubblica. È circondato da un gruppo di amici che sembra una combinazione tra una setta con lavaggio del cervello e un’organizzazione criminale. C’è una ragione per cui le guardie di sicurezza sono state assegnate ai procuratori, al procuratore generale, ai personaggi pubblici e a tutti quelli considerati suoi oppositori. Nel corso degli anni, Netanyahu ha anche accumulato successi. Ma subordinare il suo giuramento d’ufficio al suo tentativo di eludere la legge li mette in ombra. Netanyahu sta tentando di fare pressione sull’accusa con minacce, fino a quando non gli viene concesso un patteggiamento clemente. E più tardi, in una dimostrazione di vittimismo, per estorcere una grazia al presidente. Tutte queste cose passeranno alla storia come la resa del paese all’estorsione tramite minacce da parte del suo leader. I leader del governo del cambiamento, Yair Lapid e Naftali Bennett, dovrebbero rendersi conto che il ferito e disperato Netanyahu sarà un’opposizione senza legge, priva di responsabilità e di freni. Abbiamo visto il promo all’inizio della settimana. Nei suoi sforzi per tornare al potere, e alla luce della sua paura della legge, non esiterà a rendere la loro vita miserabile. Anche al prezzo di danneggiare gli interessi di Israele.

Netanyahu non si farà dissuadere dall’appiccare un incendio ovunque sia possibile, per danneggiare le relazioni di Israele con gli Stati Uniti, o anche per minare la nostra sicurezza nazionale. E no, non è legittimo, così come non era legittima la dimostrazione di violenza verbale che attendeva il primo ministro eletto Bennett. ‘È una fortuna che non avessero sedie di plastica’, ha osservato un giovane scioccato accanto a me. Anche i leader del Likudniks lo capiscono, e sperano silenziosamente in un’azione decisiva del governo per porre fine all’era Netanyahu, anche per il loro bene.

Due leggi potrebbero essere approvate alla Knesset, ognuna delle quali da sola potrebbe eliminare la minaccia: In primo luogo, una legge che impone un tetto di due mandati o otto anni per un primo ministro, con un periodo di raffreddamento di quattro anni prima della rielezione. Ancora meglio è una legge che imponga qualcosa che è evidente – che una persona sotto accusa per crimini come la corruzione non può formare un governo in Israele. È chiaro a tutti che non c’è un articolo del genere nella legge, solo perché i legislatori non hanno mai immaginato che un tale problema potesse sorgere. Così come nessuno poteva immaginare che l’assemblea degli azionisti di una grande banca rieleggesse l’ex presidente, che è sotto processo per aver sottratto il denaro della banca. Il governatore della Banca d’Israele interverrebbe immediatamente e lo impedirebbe. Il processo stesso di approvazione di una di queste leggi, anche se venisse contestato dalla Corte Suprema, accelererebbe il processo di distacco pubblico, personale-emotivo e politico da Netanyahu.

Il nuovo governo, di cui molti di noi sperano il successo, è una struttura innovativa e molto vulnerabile – soprattutto durante i primi cinque mesi, fino all’approvazione del primo bilancio biennale. Netanyahu sta basando il tentativo di rovesciarlo sulla sua esperienza politica e sul suo alone di mago che non è ancora scomparso, sul funzionamento capillare delle reti a sua disposizione, sul capitale politico che ha accumulato durante i 12 anni del suo mandato, e sulla solidarietà della sua setta di sostenitori – insieme alla possibilità che un contrattempo o un evento inaspettato possa far perdere al governo la sua maggioranza e farlo crollare.

In queste condizioni delicate, è molto probabile che astenersi dal prendere provvedimenti per allontanare completamente Netanyahu dall’arena politica si rivelerebbe un azzardo irresponsabile, con un prezzo molto alto. E la prossima volta sarà molto difficile, e forse anche impossibile, riparare il danno”, conclude Barak.

Non abbassare la guardia

Le considerazioni di Barak si rispecchiano nell’editoriale di Haaretz: “Sembra che il paese sia entrato in uno stato di stress post-traumatico da domenica. Dopo 12 anni di abusi, in cui è stato imprigionato e tenuto in riscatto, il paese è stato liberato dai suoi rapitori. Abbagliati dalla luce del sole, abbiamo cominciato lentamente a capire quello che avevamo subito. Ora stiamo cercando di recuperare gli anni persi. In quei primi momenti ci sono stati abbracci, danze e salti nelle fontane vuote, che ricordano il crollo dell’Unione Sovietica crollata, il Sudafrica dopo la fine dell’apartheid, o l’Iraq dopo la deposizione di Saddam Hussein. Il commento politico alla fine dell’era Netanyahu assomiglia alla prognosi di un paziente dimesso da un ricovero forzato. Gli pseudo-intellettuali blaterano sull’egemonia che rimane in vigore, e la scuola di politica dell’identità è combattuta tra il rendersi conto che la sua teoria non è più valida e il cercare di adattarla alla nuova situazione. I curatori del museo delle élite cercano di identificare le correnti profonde che hanno portato alla rivoluzione che ha messo fine al periodo blu, ma non hanno ancora deciso se il nuovo look appartiene alle correnti dell’assurdo, del surreale o del postmoderno. La psicologia, la storia politica, la filosofia, la sociologia e i media saranno senza dubbio i grandi vincitori, dopo anni di attesa di una scossa che togliesse le ragnatele. Ci stiamo preparando a studi, simposi, conferenze, workshop, documentari e musical sul regime che ha governato qui per il 17% dell’esistenza dello stato, un granello in termini di stato eterno. Sarebbe opportuno rilassarsi. Quello che è successo è stato uno sconvolgimento, ma non una rivoluzione. Mentre in effetti il governo monarchico è stato sostituito da un governo parlamentare – una conquista enorme che è ancora difficile da digerire e assimilare – il pericolo non è ancora passato. È naturale per ogni cittadino volere che questo nuovo governo realizzi tutti i nostri desideri: un sistema educativo migliore, la riduzione della disoccupazione, l’annessione dei Territori o la soluzione dei due stati, lo sradicamento del terrore nelle comunità arabe insieme alla demolizione delle strutture illegali nel Negev, il trasporto pubblico nello Shabbat e il matrimonio civile. Da questo momento in poi, ogni missione di questo tipo sarà un test esistenziale per il governo; ogni dichiarazione o atto legislativo determinerà quanto durerà.

Ci si aspetta che la coalizione soddisfi tutti questi desideri e desideri e riempia tutti i buchi creati negli ultimi 12 anni, altrimenti non ne sarà valsa la pena, dirà la gente. Ai loro occhi, schiacciare la falsa credenza che era impossibile rimuovere Netanyahu, che lui è in un’altra lega, eterno come il sole, sarà inutile se non ci saranno anche alcuni risultati tangibili. È per questa ragione che Netanyahu rimane in attesa, proprio dietro l’angolo. Quando ha minacciato: ‘Torneremo, presto’, ha fatto capire che si aspetta che la coalizione si spacchi rapidamente, per essere rapidamente seguita dal crollo del governo. Poi ci sarà una quinta elezione, e il processo di Netanyahu sarà rimandato di nuovo. Ecco perché c’è un bisogno urgente e vitale di proteggere lo stato dal ritorno di Bibi e del Bibi-ismo, per rafforzare il suo sistema immunitario e costruire forti barriere che non permetteranno a nessuno di strappare la democrazia.

Una legge che limiti un primo ministro a due mandati consecutivi è una condizione fondamentale per prevenire la corruzione del governo, e una legge che impedisca a qualcuno sotto accusa di servire come primo ministro – anche se il suo processo non è finito – è cruciale per contrastare la minaccia specifica che Netanyahu rappresenta. Queste due leggi sono come due dosi di vaccino: Potrebbero non assicurare una lunga vita al nuovo governo, ma manterranno l’obiettivo per cui è stato formato, anche dopo il suo crollo.

Prima che lo slancio che sta tenendo insieme questo governo si perda; prima che i lunghi coltelli escano e i disertori fuggano, questo governo deve rafforzare le sue difese. I partiti della coalizione e gli elettori che li hanno sostenuti hanno accettato di stringere i denti, ingoiare l’orgoglio, tapparsi il naso e permettere a questo governo di avere successo, e tale legislazione ne è l’unica ragione. Senza di essa, questo sconvolgimento si estinguerà rapidamente”.

Il “post Bibi” non sarà un pranzo di gala.

 

https://www.globalist.it/world/2021/06/17/in-israele-il-dopo-netanyahu-non-sara-un-pranzo-di-gala-parola-di-ehud-barak-2082513.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.