In Israele, non c’è una sinistra. C’è solo una destra sotto diverse forme – di Gideon Levy

0

Sintesi personale

 
 

Due giorni fa, c’è stata un’altra spaccatura nella destra israeliana: la fazione dell’Unione Sionista si è divisa. I due principali esponenti di destra, Tzipi Livni e Avi Gabbay, entrambi traditori del Likud, hanno sciolto la loro collaborazione.

Israele pensa a questa spaccatura a sinistra; come se ci fossero seriamente due aree politiche in Israele, una destra e una sinistra, chiusi in una feroce battaglia sul volto della nazione. Non c’è nessuna sinistra, nemmeno mezza sinistra. C’è solo una destra con diverse forme.

Quello che sta succedendo nel nostro sistema politico prima delle imminenti elezioni può essere descritto in questo modo: Destra A contro Destra B, uno split in Destra C, una possibile fusione nella Destra D e un nuovo barlume di speranza nella Destra E.

Meretz e la Joint List, l’unico partito israeliano rimasto al suo posto, uno piccolo e sbiadito e l’altro ostracizzato ed escluso, entrambi senza alcuna influenza, guardano dall’altra parte della barricata. Eppure la gente dice che Israele è “polarizzato”, che siamo vicini allo scoppio di una guerra civile. È difficile pensare a qualcosa di più ridicolo.

La maggior parte dei leader dei partiti politici israeliani sono ex Likudniks: Livni, Gabbay, Avigdor Lieberman, Ayelet Shaked, Naftali Bennett, Moshe Ya’alon e Moshe Kahlon. Anche Orly Levy-Abekasis è cresciuto nella  famiglia della  Likud. Destra, centro, sinistra presunta sono tutti usciti dal Likud. E non c’è da sorprendersi: la destra era la loro casa. Questa è la vera vittoria del Likud dopo lo sconvolgimento del 1977:  la sua straordinaria acquisizione dell’intera mappa, il modo in cui continua a diffondere i suoi tentacoli in ogni direzione.

E al suo fianco, naturalmente, trovi i coloni e gli Haredim che sono diventati nazionalisti e poi  Yair Lapid e Benny Gantz, che sono anche nazionalisti, uno ha già dimostrato di esserlo e l’altro lo farà presto; entrambi sono impostori. Lapid e Gantz permettono ai razzisti di Ramat Hasharon e simili di attenersi al loro nazionalismo mentre si sentono illuminati.

E pensare che tutti loro avrebbero potuto essere nel Likud. Una festa per Israele. Un regime a partito unico, come a Cuba, in Iran e nella Corea del Nord, ma volontariamente, per scelta. L’immagine della “sola democrazia” è falsa non solo a causa dell’apartheid; non esiste un vero sistema multipartitico tra gli ebrei privilegiati. Le parti corrono verso lo stesso obiettivo con nomi diversi. Tutti credono nella stessa cosa. Un coro dell’Armata Rossa.

Chi si è opposto al disegno di legge dello Stato nazionale? Il Kadima di Livni lo sponsorizzò nella 18° Knesset, Gabbay fece dei rumori per cancellarlo, Lapid disse che sosteneva “il disegno di legge dello stato-nazione del popolo ebraico” solo con un’altra formula e tutti gli altri lo hanno sostenuto. Differenze? Nessuna. E tanto più per quanto riguarda l’occupazione.

Tutte le parti, tranne due, dicono praticamente la stessa cosa, pensano esattamente la stessa cosa e agiscono allo stesso modo per perpetuarla. Alla fine, dopo tutte le contorsioni verbali, dopo tutte le belle parole e le parole non così belle, sono tutte a favore della sua continuazione.

Le stesse 50 sfumature di destra esistono sia all’interno che all’esterno del Likud. Allora, perché la maschera? Se la politica israeliana fosse genuina, tutti avrebbero dovuto competere nelle primarie del Likud. Lapid non si adatta al Likud? Come? Con il suo razzismo? Il suo risibile militarismo? Gabbay? Livni? Levy-Abekasis? Scosso? Ya’alon? Anche Gantz, comandante dell’Operation Protective Edge, si sentirà più a suo agio nel Likud che in Meretz.

Di fronte a tutto questo, nessuno si alza per gridare che l’imperatore non ha vestiti. Le nostre politiche sono disabilitate. Manca un organo vitale. Nessuno ha l’audacia di proporre qualcos’altro. Anche se sembra senza speranza – e potrebbe finire in un suicidio politico temporaneo – a lungo termine non c’è altro per coloro che pretendono di essere l’opposizione e l’alternativa. Nel frattempo abbiamo solo impostori senza spina dorsale. Se è il diritto che la gente vuole, allora perché non restare con l’originale?

Gideon Levy

Corrispondente di Haaretz

 

https://www.haaretz.com/opinion/in-israel-there-s-no-left-there-s-only-a-right-in-different-forms-1.6805651

In Israele, non c’è una sinistra. C’è solo una destra sotto diverse forme – di Gideon Levy

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2019/01/gideon-levy-in-israele-non-ce-una.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.