In Israele una destra perbene è possibile: ha il volto di Reuven Rivlin, presidente anti-Bibi – di Umberto De Giovannangeli

435

tratto da: https://www.globalist.it/world/2021/07/04/in-israele-una-destra-perbene-e-possibile-ha-il-volto-di-reuven-rivlin-presidente-anti-bibi-2083481.html

Rivlin non ha mai chinato la testa, non ha mai fatto parte della cerchia dei fedelissimi del “Re”.

Reuven Rivlin

Reuven Rivlin

Umberto De Giovannangeli

4 luglio 2021

Si può essere di destra ma perbene. Un moderato, certamente, ma con una fede incrollabile nel sistema democratico. E’ il profilo dell’ex capo dello Stato israeliano Reuven Rivlin. Chi scrive ha avuto modo di conoscerlo e intervistarlo quando era parlamentare del Likud. Il Likud di “King Bibi”. Già allora, infatti, il partito storico della destra israeliana era diventato il feudo su cui regnava un monarca assolutista, Benjamin Netanyahu. Rivlin non ha mai chinato la testa, non ha mai fatto parte della cerchia dei fedelissimi del “Re”. Ne ha pagato il prezzo, ma alla fine, quando la destra ha dovuto scegliere un capo di Stato che potesse rappresentare l’intero Paese, la scelta è caduta su di lui.

Ed ora che è non è più Presidente, acquista un valore ancora più alto e nobile, il “ritratto” che di lui ha fatto una delle firme più autorevoli del giornalismo israeliano: Yossi Verter.

Un moderato perbene

Nel gennaio 2020 – scrive Verter su Haaretz – dopo il deposito delle accuse contro l’allora primo ministro Benjamin Netanyahu, il presidente Reuven Rivlin ha riunito un manipolo dei suoi consiglieri più vicini. La terza campagna elettorale (che ha dato origine al governo di Netanyahu e del ministro della difesa Benny Gantz) era in pieno svolgimento. Amici, disse loro, ho deciso. Non gli darò il mandato per formare un governo. La mia coscienza non me lo permette, ha spiegato. Non tutti i partecipanti erano a dir poco entusiasti. Non è solo la questione formale, che per la prima volta nella storia dello Stato d’Israele qualcuno sotto accusa penale riceverà il mandato dal presidente, ha detto Rivlin. È la gravità dei crimini. E non meno di questo, è il modo in cui si sta comportando. Sta accusando le forze dell’ordine di fabbricare accuse contro di lui, di accusarlo falsamente. Prima la polizia, poi la Procura di Stato, e ora il procuratore generale. Sono tutti criminali e solo lui è pulito. La legge mi permette di usare il mio giudizio, sostenne Rivlin. Secondo la mia coscienza e la mia visione del mondo, e per il bene delle generazioni future, voglio passare alla storia come qualcuno che ha fatto questo.

Il risultato delle elezioni del 2 marzo di quell’anno esentò Rivlin da questo dilemma. Il mandato fu dato prima a Benny Gantz, da cui passò a Netanyahu. Le mani di Rivlin, secondo lui, rimanevano pulite. Alla fine di quell’anno da incubo, l’anno della pandemia e di un governo litigioso e non funzionante, la Knesset fu sciolta. Ancora una volta sono state fissate le elezioni (per il 23 marzo di quest’anno) e ancora una volta il dubbio ha tenuto il presidente sveglio di notte. Fisicamente, non metaforicamente. Rivlin, all’epoca a meno di sei mesi dalla fine del suo mandato, voleva sentire il parere di un amico stretto e stimato. Ha invitato Menahem Mazuz, un giudice della Corte Suprema che aveva annunciato il suo pensionamento anticipato. Sono amici da quando Mazuz era procuratore generale e Rivlin era speaker della Knesset. Sto considerando di non dargli il mandato, ha rivelato il presidente alla giustizia. Sono stupito dalla sua incertezza, ha detto Mazuz. Hanno avuto una lunga conversazione sugli aspetti giudiziari, legali, pubblici e morali della questione. Nonostante tutto il discorso, Rivlin non ha trovato la salvezza da Mazuz su cosa fare con la patata bollente.

I media hanno riferito che Rivlin stava pensando di dimettersi, per non dover concedere il mandato. L’idea gli ha attraversato la mente per un momento, prima di evaporare. Non aveva senso una tale mossa, data l’identità del suo sostituto ad interim, secondo la legge, dal momento delle sue dimissioni: l’allora presidente del Knesset Yariv Levin, consigliere di Netanyahu.All’inizio sarebbe stato applaudito, ma poi sarebbe stato umiliato, ha detto Rivlin ai sostenitori. Ha trovato un’occasione o un’altra e ha fatto un discorso, in cui ha notato che la concessione del mandato deve comportare non solo l’aritmetica ma anche “considerazioni morali”. A posteriori, il discorso non era necessario. Poco tempo dopo, dopo le raccomandazioni per il primo ministro da parte dei partiti della nuova 24esima Knesset, Rivlin si trovò di fronte allo stesso dilemma in tutta la sua acutezza. I numeri erano inequivocabili: una larga maggioranza per il blocco Netanyahu. Naftali Bennett (Yamina), Gideon Sa’ar (Nuova Speranza) e Yair Lapid (Yesh Atid) non sono riusciti a raggiungere un accordo di coalizione.

Il 6 aprile è stato un brutto giorno alla Residenza del Presidente. Rivlin era furioso con Bennett e Sa’ar. Non avevano dimostrato il tipo di leadership che si aspettava da loro. Ha inviato una lettera, per la quale il termine “laconico” sarebbe generoso, in cui informava Netanyahu che aveva deciso di concedergli il mandato. Non voglio vedere quell’uomo qui, disse ai suoi. Ha chiesto al direttore generale della Residenza del Presidente, Harel Toubi, di fare un salto alla Residenza del Primo Ministro in Balfour Street, una distanza di soli 600 metri, e di consegnare personalmente la lettera a qualsiasi persona gli capitasse di aprire la porta blindata. Il rapporto tra il primo ministro e il presidente, i cui mandati si sono sovrapposti (fino al mese scorso, per la gioia di quest’ultimo) è stato traballante e acido fin dall’inizio. La situazione è degenerata fino alla radioattività negli ultimi due anni. Quella che era stata una sorta di guerra fredda, con giorni di scontri che andavano e venivano, si è trasformata in una guerra mondiale. Secondo Rivlin, il 100% della colpa è sulle spalle dell’altra parte. Quando è entrato per la prima volta nella Residenza del Presidente, cercava la pace, anche se fredda. Ha incontrato una fiamma d’odio e un brutto incitamento. Contro di lui e anche contro sua moglie Nechama quando era viva. Veniva a trovarmi, mi parlava con soggezione e riverenza e un minuto dopo andava a incitare contro di me in modo rivoltante, ha detto recentemente Rivlin a un gruppo di amici che erano venuti a salutarlo. Quando Nechama è andata in ospedale per sottoporsi a un trapianto di rene dopo un anno di lista d’attesa, uno dei suoi giornalisti di corte ha riferito che erano stati tirati dei fili per lei. In seguito si è scusato. Ogni volta che abbiamo controllato, le tracce di fango ci hanno portato allo stesso indirizzo. Lo conoscono tutti. Ogni volta che mi diceva che non era lui, Rivlin lo diceva ai suoi amici. Gli dicevo: Bibi, come mai non ti vergogni di mentirmi in faccia? Hai dimenticato con chi stai parlando? Sono io, Ruby. Verso la fine, ho rifiutato di vederlo. Gli ho detto: Non verrai a parlarmi con un solo tipo di linguaggio e poi leggerò su tutte le reti e siti le calunnie che vengono tutte da casa tua. Dal suo ufficio, chiamavano per chiedere incontri. Ho rifiutato.

Durante tutto quel periodo, anche quando non andava bene, e splendidamente male, come dice la poesia di Alexander Penn, il lavoro e il coordinamento tra i due uffici si svolgeva perfettamente bene. Segretario militare di fronte al segretario militare. Direttore generale di fronte al direttore generale, dipartimento diplomatico di fronte agli equivalenti, media di fronte ai media. Il segretario militare del primo ministro era un visitatore abituale dell’ufficio del presidente. Dall’estate 2015 all’estate 2018 è stato il generale di brigata Eliezer Toledano (ora generale maggiore e capo del Comando Sud, e per inciso il fratello dell’eccellente portavoce della Residenza del Presidente Rivlin, Naomi Toledano Kandel). E per i tre anni successivi, fino ad ora, il Brig. Gen. Avi Blut. La grandezza della spaccatura tra i due è stata resa evidente quando Rivlin ha boicottato la tradizionale fotografia alla Knesset dopo la sessione di giuramento del gabinetto. Netanyahu, il presidente della Knesset Levin e la presidente della Corte Suprema Esther Hayut sono usciti in veranda e hanno scoperto che mancava una persona. Rivlin era già tornato a casa, in tuta. Alcuni dei suoi consiglieri pensarono che avesse commesso un errore. Vai a farti fotografare, non devi parlare con lui, rispetta la tradizione, esortavano. Questo è il punto, disse loro. La tradizione non è sempre qualcosa di sacro. Se mi faccio fotografare con lui, lo sto legittimando. Sto trasmettendo che tutto va bene. Quando niente va bene. Per la prima volta, un presidente sta dando un mandato a un primo ministro che è sotto accusa, che sta lavorando per distruggere le istituzioni statali. Nella misura in cui dipende da me, l’ha detto chiaramente, non voglio essere visto o fotografato accanto a lui, mai. (È successo comunque, nelle cerimonie ufficiali. Nessun contatto o scambio di sguardi è stato riportato). Sapevo che la gente avrebbe detto che sono infantile, ha spiegato Rivlin ai suoi amici, ma era il mio modo di protestare contro la situazione anomala. È vero che la legge permette a un primo ministro di servire mentre è sotto accusa, quando quella stessa legge lo obbliga a licenziare un ministro di gabinetto che è incriminato. Questo è solo perché nel 2001, quando Yossi Beilin ed io abbiamo cambiato il sistema elettorale passando dall’elezione diretta del primo ministro all’elezione parlamentare, abbiamo dimenticato di occuparci di questa disposizione.

Un diplomatico suo malgrado

Lunedì scorso, senza dubbio uno dei suoi momenti più alti degli ultimi sette anni, Rivlin ha incontrato il presidente americano Joe Biden alla Casa Bianca. L’accoglienza, come è già stato riportato, è stata molto calorosa. Si sono incontrati per la prima volta a Gerusalemme nel 1973, dopo che Biden fu eletto al Senato. Da allora, si sono incontrati molte volte sia qui che là. Non c’è da meravigliarsi che si piacciano. Due uomini anziani, l’americano di 78 anni e l’israeliano che ne avrà presto 82. Entrambi hanno seguito un percorso simile fino all’apice della loro carriera. Entrambi sono parlamentari professionisti, mensche collegiali; uccelli rari in politica, apprezzati da tutte le parti delle legislature in cui hanno servito. Entrambi sono geniali, corretti e uomini di integrità. “Gente che non dice stronzate”, così li ha descritti un giornalista americano. Rivlin ha ricevuto l’invito ufficiale di Biden dal Segretario di Stato Antony Blinken, che è arrivato qui il 25 maggio per cercare di stabilire il cessate il fuoco con Hamas dopo l’operazione Guardian of the Walls. L’incontro stesso è stato preceduto da un lungo sforzo segreto iniziato all’entrata del nuovo presidente alla Casa Bianca quattro mesi prima. Più di un anno fa, l’amico di Rivlin, Alon Pinkas, ha suggerito un’idea. Pinkas, ex console israeliano a New York e ora scrittore di Haaretz, mantiene una vasta rete di relazioni con i leader democratici al Congresso. Ha proposto di organizzare per Rivlin un discorso davanti a una sessione congiunta delle due camere del Congresso. Il presidente era entusiasta. Proprio allora, il coronavirus entrò in scena e tutto divenne irrilevante. Quando Biden fu eletto, Pinkas rinnovò i suoi sforzi per ottenere un due per uno (biglietto aereo): un incontro con Biden – e un discorso. Quest’ultimo non ha funzionato, ancora una volta a causa del coronavirus. L’incontro ha funzionato. Prima del suo decollo, il ministero degli Esteri ha tenuto un evento di addio per il presidente in una nuova sala riunioni chiamata “The Nechama and Ruby Rivlin Jerusalem Hall”. Nel discorso d’addio, Rivlin è stato definito un “presidente diplomatico”. Diplomatico? Perché? – si potrebbe chiedere. Beh, non aveva un piano in tal senso. Certamente non dopo il mandato mondiale del suo predecessore, Shimon Peres. Guardava all’interno della società israeliana. È diventato un diplomatico suo malgrado, in parte a causa dell’uomo che era nell’ufficio del primo ministro.

Durante i primi tre anni di Rivlin in carica, dall’estate 2014 all’inizio del 2017, Barack Obama era alla Casa Bianca. Il disgusto tra gli uomini di punta a Washington e a Gerusalemme era noto, ma era gestito e controllato. E poi Netanyahu ha usato il Congresso per mettere in imbarazzo il presidente alla vigilia delle elezioni del 2015 in Israele. Il resto della relazione tra l’uomo nello Studio Ovale e il primo ministro israeliano è finito. L’amministrazione trovò in Rivlin un interlocutore alternativo. Qualcuno che non ha ostacolato, fatto trapelare, complottato e insultato. Qualcuno con cui correre, come nel titolo del romanzo di David Grossman.

E non solo gli americani. Rivlin si è assicurato di parlare (una volta al mese) con il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas. Queste non erano solo vuote chiamate di cortesia. Tra le altre cose, trasmetteva messaggi di sicurezza – principalmente su richiesta del servizio di sicurezza Shin Bet. Ogni conversazione era riportata all’ufficio del primo ministro, secondo il protocollo. Per quanto riguarda l’organizzazione di un incontro, Netanyahu ha imposto un veto. Rivlin ospitava regolarmente il precedente primo ministro palestinese, Rami Hamdallah, ogni settimana o due per una colazione del venerdì mattina al secondo piano privato della Residenza del Presidente. Nechama si univa a loro per il pasto, e poi andava a fare le sue cose. Per uno dei suoi compleanni, Hamdallah (che si è dimesso due anni fa) le ha portato un regalo: una sciarpa di stoffa palestinese, tessuta personalmente. Quando giaceva in ospedale dopo il trapianto di rene e fino alla sua morte, ci si avvolgeva per scaldarsi. C’era anche un regolare collegamento telefonico tra Rivlin e il re Abdullah di Giordania, che Rivlin chiamava “Abdullah ath-Thani” (il Secondo). Le chiamate riguardavano sempre questioni diplomatiche e di sicurezza. Il Mossad lo usava spesso per trasmettere messaggi ai leader le cui relazioni con Netanyahu erano aspre. L’uso di Rivlin con Abdullah è aumentato dopo la vicenda della guardia di sicurezza israeliana all’ambasciata di Amman nel 2017. Durante i quattro anni successivi, le relazioni tra il governo Netanyahu e i giordani sono andate di male in peggio.

Il Mossad portava alla residenza del presidente emissari di paesi con cui non abbiamo relazioni diplomatiche. Mangiavano lì con il presidente. Lui trasmetteva ciò che il Mossad gli aveva chiesto di trasmettere e i dignitari venivano condotti da lì in auto con finestre opache fino ai loro aerei privati.

Naturalmente, tutto è stato fatto con la conoscenza e l’accordo di Netanyahu. Nonostante la profonda antipatia tra i due uomini, il codice di comportamento corretto in questioni di stato non è mai stato violato. Non farò mai nulla alle sue spalle, diceva Rivlin alla sua gente, nulla che gli permetta di accusarmi di danneggiare la sicurezza nazionale. Può dire che sono di sinistra, che lo sto sovvertendo, che sto progettando di non dargli il mandato, che Gideon Sa’ar ed io abbiamo messo in piedi un complotto del secolo contro di lui. Sono tutte bugie terribili. Ma non gli darò mai una scusa per dire che ho danneggiato lo Stato.

Moralità e due pesi e due misure

Rivlin sarà ricordato, non a suo merito, come un presidente controverso, qualcuno che è venuto con il mandato di unire le persone e a volte è percepito come qualcuno che le ha divise. Da gran parte della destra è visto come un traditore che ha venduto l’anima alla sinistra e alla comunità araba. Il centro e la sinistra sono pazzi di lui, anche se non ha cambiato di una virgola la sua posizione: La Terra d’Israele deve rimanere intera.

Due frangenti lo hanno reso nemico dell’estrema destra e bersaglio dello spregevole bibi-ismo: l’omicidio della famiglia Dawabsheh in Cisgiordania nel luglio 2015 e la vicenda di Elor Azaria nel marzo 2016. Lo shock di Rivlin per l’uccisione dolosa della famiglia lo ha fatto parlare in un modo che molti hanno fatto fatica a digerire: “Provo dolore per il fatto che membri del mio popolo abbiano scelto il terrore.” I bibi-isti si sono scatenati. O non capivano o non volevano capire la sua innocente e sofferta intenzione.

Da quel momento, la presidenza è diventata odiosa a parti della destra messianica dei coloni, e naturalmente alle falangi di Twitter che sono state guidate dal secondo piano della residenza del primo ministro. La posizione di Rivlin nell’affare Azaria ha approfondito l’odio verso di lui in quei circoli. Era semplicemente disgustato dalla glorificazione da parte della destra di un soldato che aveva sparato a sangue freddo a un terrorista già moribondo e dal caloroso abbraccio a lui e alla sua famiglia da parte dei membri del gabinetto, guidati dal primo ministro.

Rivlin ha gettato nella spazzatura una lettera di 77 membri della Knesset che chiedevano la grazia per Azaria. Alcuni di loro hanno telefonato, ha detto Rivlin all’epoca, e gli hanno detto che credevano che fosse stato eletto solo per liberare Azaria dalla prigione un momento dopo il suo ingresso. Hanno detto che Azaria era un eroe di Israele, e che liberarlo era un sacro dovere di Rivlin.

Ha anche parlato con Netanyahu sulla questione, una delle loro conversazioni più difficili – e poche delle loro conversazioni non erano difficili. “Come puoi chiedermi di perdonare una persona così? Perché La Familia” – gli hooligans del club di calcio Beitar Jerusalem – “ti sta facendo pressione”? (Per inciso, Rivlin era il presidente del Beitar Gerusalemme quattro decenni fa).

Quando Netanyahu ha cercato di eliminare l’istituzione della presidenza per impedire l’elezione di Rivlin e placare Sara Netanyahu, che odia Rivlin, non ha suscitato un dibattito pubblico.  E la presidenza di Shimon Peres aveva riabilitato l’istituzione dopo la disgrazia di Moshe Katsav. L’ha persino glorificata.

Rivlin ha cercato di elaborare un piano d’azione per la sua presidenza, come si è visto nel suo discorso sulle “quattro tribù” – la gente laica, i sionisti religiosi, gli ultraortodossi e gli arabi israeliani. Purtroppo, il tribalismo è peggiorato. Ma mettere coraggiosamente uno specchio davanti alla società israeliana non è una missione semplice, certamente non in quel posto convenzionale.

Peres sta completando il suo mandato dopo aver plasmato la presidenza a sua immagine e somiglianza, nel bene e nel male, a quella di qualsiasi presidente prima di lui. Il rispetto per la presidenza di Peres rimane, ma la penna della storia si è sbizzarrita a creare qualche mito con Rivlin.  

Le differenze tra il mandato di Peres e quello di Rivlin permetteranno anche al prossimo, Isaac Herzog, di plasmare qualcosa a sua immagine. Herzog è un leader dignitoso e coscienzioso; non è un tipo da conflitti ed è sicuramente un professionista a livello internazionale. Forse sarà un ibrido interessante tra Peres e Rivlin.

Quando il presidente pianse

Infine, una piccola storia che distilla l’essenza di Rivlin più di qualsiasi altro racconto. Circa tre settimane dopo le terze elezioni generali, in cui i partiti anti-Netanyahu hanno ottenuto la maggioranza, è stato chiesto al presidente della Knesset Yuli Edelstein di mettere all’ordine del giorno l’elezione di un nuovo presidente. Ha rifiutato. È stata presentata una petizione all’Alta Corte di Giustizia. I giudici gli hanno forzato la mano.

Anche prima della sentenza, quando i media speculavano su ciò che Edelstein avrebbe fatto se la mossa gli fosse stata imposta, Rivlin – il predecessore di Edelstein – fu colpito dalla preoccupazione. Temeva che il suo successore avrebbe violato una sentenza della corte. Ha telefonato allo speaker. Edelstein lo rassicurò: Cosa ti è successo, Ruvi? Non voglio obbedire a una sentenza dell’Alta Corte? Assolutamente no. Non mi conosci?

Passarono alcuni giorni. Era trapelato che nemmeno l’Alta Corte avrebbe fatto cambiare idea a Edelstein. L’ansia di Rivlin fu sostituita da una vera paura. Telefonò a Natan Sharansky, amico intimo di Edelstein, suo protettore all’inizio della sua carriera politica nel partito Yisrael Ba’Aliyah. Natan, Natan, cosa ci sta succedendo? Parla con il tuo amico, ti prego, parlagli. Lo stato che abbiamo costruito qui è la cosa più preziosa per noi. Se non rispettiamo l’Alta Corte, lo distruggeremo con le nostre stesse mani.

La voce del presidente si è rotta, dice una persona che era al suo fianco. Ha cominciato a piangere. Sharansky era sotto shock. Ruvi, ha detto, non piangere, gli parlerò. Te lo prometto.

Il 25 marzo 2020, l’Alta Corte ordinò a Edelstein di mettere all’ordine del giorno della Knesset l’elezione di un nuovo speaker. Lui ha rifiutato, con la motivazione che la sua coscienza non glielo avrebbe permesso, e si è dimesso immediatamente. In questo modo ha violato una sentenza del tribunale, indipendentemente dal risultato.  

Alla Residenza del Presidente, le lacrime si erano già asciugate. Rimanevano solo gli occhi rossi e un cuore addolorato e preoccupato.

Così finisce il lungo, intenso racconto-ritratto fatto da Verter. 

La speranza è che Revlin non si ritiri a vita privata. Per lasciarsi alle spalle l’’era Netanyahu , Israele ha  bisogno di persone come lui. Un uomo di destra. Un uomo perbene. 

 

 

https://www.globalist.it/world/2021/07/04/in-israele-una-destra-perbene-e-possibile-ha-il-volto-di-reuven-rivlin-presidente-anti-bibi-2083481.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.