In Palestina, cristiani e musulmani per un onore comune.

0

Sapete qual è la cosa più bella in tutto questo casino?
Non solo i Palestinesi di fede musulmana sono nelle strade a manifestare e ad urlare la loro rabbia, ma accanto a loro si uniscono i cuori e le ferite sanguinanti dei Palestinesi di fede cristiana e non-credenti. Così anche da rispondere a quel pensiero comune dettato e ben accolto dall’Occidente, soprattutto qui in Italia, dei Palestinesi come tutti musulmani e quindi, per tale pensiero, “terroristi”, le differenze si sprecano.
L’unione secolare tra i Palestinesi musulmani e cristiani è sempre stata uno degli elementi primari per la difesa della loro madre-patria, la Palestina. Perché se pensate che i Palestinesi di fede cristiana abbiano subito meno ingiustizie rispetto ai loro fratelli musulmani, vi sbagliate di grosso; se pensate che i Palestinesi di fede cristiana non siano parte di questa lotta per la libertà, vi state illudendo.

Donna palestinese di fede cristiana in preghiera nella Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme

Per la Palestina e per Gerusalemme, anche la più piccola differenza si annulla. Non ci sono più Palestinesi musulmani, cristiani e non credenti. Per la Palestina e per Gerusalemme ci sono i Palestinesi. Gerusalemme così non è semplicemente musulmana, cristiana ed ebraica. Gerusalemme è palestinese, perchè, come una persona a me molto cara disse poco giorni fa, “i palestinesi non hanno aspirazioni su Gerusalemme. Non sono un corpo estraneo ad essa. I palestinesi non hanno aspirazioni su Gerusalemme ma hanno dei diritti veri e propri in essa. I palestinesi non possono conquistarla come se fosse un oggetto di aspirazioni politiche. Non si può conquistare ciò che è già parte di te. I palestinesi sono parte di Gerusalemme.”
E chi ben conosce l’ospitalità e l’umanità del popolo palestinese, sa bene che palestinese è l’abbraccio di persone, religioni e culture diverse della Città Santa.
I Palestinesi inspirano ed espirano Gerusalemme; le strade della Palestina diramano la sua essenza a Betlemme, Nablus, Jenin, al-Khalîl, Nazareth, Acri, Haifa, Yafa, Ramallah, Gerico, Gaza, Rafah… Non esiste polizia, esercito o checkpoint che possa fermare lo scorrere della vita e dell’unione in tutta la Palestina.
Ed è per questo che il popolo palestinese è resiliente; è per questo che il popolo palestinese esiste e resiste. La resistenza è la sua essenza. La libertà è la sua dignità. La Palestina è la sua ragione di vita. Gerusalemme è il suo respiro.

 

I RACCONTI DI ZEINAB

 

In Palestina, cristiani e musulmani per un onore comune.

In Palestina, cristiani e musulmani per un onore comune.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.