IN UN ANNO NON E’ CAMBIATO NIENTE? – di Cinzia Pennati

684

tratto da: https://comune-info.net/in-un-anno-non-e-cambiato-niente/

Penny

04 Aprile 2021

Ci sono momenti in cui non si può far altro che guardare a ciò che si ha. La vita e la sua caducità ci costringono a farlo. Avremmo potuto, sarebbe stato bello, quando potevamo… invece, siamo qui, confinati. Ma non è vero che non sia cambiato niente. Almeno per me. Per me, in questo tempo di pandemia, è cambiato tutto.

Io sono un’altra. Anche i nostri figli credo siano altri. È cambiato il mio modo di guardare le cose, di dargli senso. È cambiato il mio rapporto con il lavoro, con le persone, con gli oggetti. Ho pulito, ho recuperato, ho tolto di mezzo, mi sono chiusa tantissimo ma forse mi sono aperta a qualcosa di più profondo.

Ho percorso strade nuove, ho sentito il silenzio, ho camminato per ore su e giù. Ho visto cose vicino a me, nella mia città, che non avevo mai notato.

Ho usato il corpo in un modo diverso, meno frenetico più integro. Ho scoperto che sono più forte di quello che immaginavo. Ho conosciuto la mia resistenza.

Ho visto tanti bambini e adulti in bicicletta, le montagne ripopolarsi di camminatori e famiglie. I piccoli nelle piazzette. Ho visto balconi adornati di piante, ho sentito l’odore del glicine e il cinguettare persistente sugli alberi di fronte a casa. Ho vissuto e vivo il presente come mai mi è accaduto prima.

Ho capito che alzarmi, vestirmi, andare a scuola ogni giorno, per me, è stato un atto politico. Tenere in piedi, dentro, accogliere i miei alunni e le loro famiglie è stato più importante che la paura di ammalarmi.

Ho visto le mie figlie come non le avevo mai viste prima, ho condiviso con loro spazi, tempi ed emozioni che cambiavano in modo repentino. Abbiamo vissuto il terrore di perderci e perdere gli affetti più cari.

Ci siamo sentite parte di qualcosa di più grande. In questo tempo ho insegnato alle mie figlie che non basta pensare alla nostra salvezza. Senza la salvezza della nostra comunità poco ha senso. Abbiamo sperimentato che ci sono cose non controllabili in cui possiamo solo cercare di stare.

Così, oggi, se pur confinati – e non è retorica – ciò che conta è davanti ai nostri occhi. Ciò che non è rinunciabile e che va protetto è alla nostra tavola, ma non solo. Ciò che conta è la storia umana di cui siamo corresponsabili, un’umanità che ha bisogno di non dimenticare che i servizi, la sanità, la scuola, l’attenzione, la cura alle persone (tutte), sono l’unico modo per salvaguardare se stessa e il proprio futuro. E soprattutto, salvarne i suoi figli e le sue figlie.

Cinzia Pennati (Penny) è insegnante, scrittrice e madre di due ragazze adolescenti, tra le quali Ludovica, l’autrice del disegno. Questo il suo blog sosdonne.com. Nelle librerie il suo romanzo Il matrimonio di mia sorella e Ai figli ci sono cose da dire. Ediz. illustrata.

 

 

https://comune-info.net/in-un-anno-non-e-cambiato-niente/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.