India elettorale dove il contagio schizza alle stelle – di Enrico Campofreda

0
115

tratto da: http://enricocampofreda.blogspot.com/2021/05/india-elettorale-dove-il-contagio.html

La vita deve proseguire, la politica deve procedere. La pandemia può fare più vittime ma non importa, perché i due momenti – così come i riti religiosi o il pellegrinaggio del Purna Kumbh Mela comunque realizzato giorni addietro – necessitano di rivitalizzazioni e celebrazioni. E oggi l’India delle urne guarda chi vince e stabilisce nuovi equilibri, come il Trinamool Congress nel Bengala occidentale che nell’ultimo decennio ha cancellato la trentennale supremazia del partito comunista, indiscusso amministratore del popoloso Stato dov’è Calcutta (5 milioni di abitanti su un totale di 93). I cinque territori (West Bengala, Kerala, Tamil Nadu, Assam, Puducherry) dove nelle recenti settimane si è votato raggiungono i 230 milioni di abitanti. Una quota consistente seppure non gigantesca. Del primo abbiamo detto, la sinistra si conferma nel profondo sud in  Kerala e Tamil Nadu, mentre il governativo Bjp guida gli altri due Stati. Però nei tre mesi in cui la campagna elettorale s’è sviluppata raduni e comizi hanno messo gomito a gomito, faccia a faccia, fiato a fiato decine di migliaia di persone, d’ogni partito. Tutte incuranti di protezioni, invasate nel seguire i politici e gridare come loro e più di loro. Tutte guardate da qualche agente, non di più. Questi comportamenti hanno indubbiamente contribuito all’incremento delle infezioni che a livello nazionale sfiorano quotidianamente il mezzo milione, quelle accertate, così come per le quattromila vittime note, visto che ce ne sono centinaia e centinaia di non registrate e immediatamente cremate su pire di fortuna per il rischio d’ulteriori epidemie.

Il governo centrale, quelli locali si son guardati bene dal rinviare queste consultazioni nonostante la crescita esponenziale dei picchi epidemici già da fine gennaio. Alcuni studiosi hanno messo a confronto la situazione di venti Stati dove non si votava con i cinque impegnati nei seggi. I grafici indicanti la crescita che, ovunque dal mese di marzo, mostrano una salita ripidissima, nelle aree che hanno ospitato manifestazioni elettorali raggiungono una verticalizzazione assoluta. Naturalmente viene anche ricordato come a fine 2020 l’Esecutivo Modi si cullasse nell’illusione che la peggiore ondata nel Paese, quella vissuta da aprile a ottobre scorsi, fosse attenuata, da lì anche la scarsa preoccupazione per la campagna vaccinale e lo stesso reperimento di materiale sanitario, compreso l’approvvigionamento dell’ossigeno, la cui carenza da settimane fa morire cittadini perché  i malati gravi sono diventati milioni. E non si hanno spazi attrezzati dove poterli ricoverare. Il disastro era annunciato da mesi, ma si è andati avanti egualmente con la possibilità d’infettare sempre più gente, com’è avvenuto con queste elezioni. La situazione critica è generalizzata, però dove i presidi minimi vengono usati con maggiore attenzione (nel Maharashtra e Gujarat)  l’esplosione pandemica risulta più contenuta.

Pubblicato da Enrico Campofreda 10:59 

 

http://enricocampofreda.blogspot.com/2021/05/india-elettorale-dove-il-contagio.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.