“Infiltrati” o rifugiati: uno sputo in faccia alla storia ebraica

0

13 Giu 2013

Duemila uomini, donne, bambini e neonati sono tenuti in quello che può essere descritto solo come campo di concentramento (tenendo in considerazione la differenza tra campo di concentramento e campo di sterminio). Secondo l’emendamento alla legge contro gli infiltrati adottata nell’ultima legislatura e attualmente pendente alla Corte Suprema, Israele può detenere a tempo indeterminato ogni persona che entra illegalmente nel suo territorio per chiedere asilo. Questi rifugiati, per lo più provenienti da Sudan e Eritrea, chiedono il minimo: tornare nel loro Paese significherebbe per loro la condanna a morte.

immagine1

Richiedenti asilo eritrei in Israele protestano contro la deportazione nel loro Paese d’origine (Foto: Physicians for Human Rights – Israel)

 

Il comportamento israeliano è barbaro. Da una parte, costruisce reti elettriche per impedire l’ingresso a persone in fuga dalla fame o dalla morte; dall’altra arresta chi riesce ad entrare e li detiene fino a quando firmano un documento con il quale accettano “volontariamente” la deportazione.

“Una simile legge macchia l’intero sistema legislativo israeliano – si legge in un editoriale di Ha’aretz del mese scorso – trasformando un rifugiato in un criminale”. Israele ha firmato la Convenzione delle Nazioni Unite sullo Status di Rifugiato, ma è ossessionato dalla questione demografica e dal mantenere il carattere ebraico dello Stato. Per risolvere tale contraddizione, Israele nega con cinismo l’etichetta di “rifugiato” a uomini, donne, bambini che sono ovviamente rifugiati e, al contrario, li definisce “infiltrati”. “Infiltrati” era la stessa definizione data negli anni Cinquanta e Sessanta ai gruppi armati palestinesi che tentavano di passare il confine.

Come tanti altri crimini commessi dalle autorità israeliane, anche questo è uno schiaffo in faccia alla nostra storia: migliaia di ebrei provarono a fuggire dalla Germania nazista verso altri Paesi europei, in particolare in Svizzera, ma invano. Le autorità negarono loro lo status di rifugiato a persone che cercavano di fuggire alle persecuzioni e alla morte certa, trattandole come infiltrati.

Come scrive il direttore di Ha’aretz, “il nuovo emendamento non solo viola la legge israeliana e il diritto internazionale, ma contraddice i valori fondamentali di etica e giustizia. La legge contro gli infiltrati e i trattamenti umilianti verso chi fugge dal pericolo macchia l’immagine dello Stato di Israele”. Questa legge è anche uno sputo in faccia alla nostra storia di ebrei.

 

Michael Warschawski,

Alternative Information Center

Inviato da aicitaliano il Gio, 13/06/2013 – 09:08

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/aic/%E2%80%9Cinfiltrati%E2%80%9D-o-rifugiati-uno-sputo-faccia-alla-storia-ebraica

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.