Informatore per caso

0

4 giugno 2012          09.00

Amira Hass

È una giornalista israeliana. Vive a Ramallah, in Cisgiordania, scrive per il quotidiano Ha’aretz e ha una rubrica su Internazionale.

D e G, una coppia gay di cui ho parlato la settimana scorsa, sono stati convocati dallo Shin Bet (i servizi segreti israeliani) dopo essere stati fermati mentre camminavano a Gerusalemme, secondo la polizia senza il permesso giusto. L’agente “Alon” ha incontrato D, il palestinese, a Gerusalemme. D è arrivato tardi perché era indeciso se presentarsi o meno e perché ha perso tempo al checkpoint. G, l’israeliano, ha incontrato l’agente “Shavit” a Tel Aviv, ma il colloquio è stato poco significativo.

Alon ha chiesto a D di non raccontare a nessuno i contenuti della loro conversazione, ma lui è stato felice di raccontarmi tutto. “Perché sei in ritardo?”, ha esordito Alon con tono severo. “Dopo tutto quello che abbiamo fatto per te”. D ha capito subito che voleva farlo sentire in colpa. Come prevedibile, l’agente ha proposto a D di ricambiare “l’aiuto” (il permesso di entrare in Israe­le) fornendo informazioni sulle manifestazioni antisraeliane in Cisgiordania, e soprattutto sui partecipanti. Alon gli ha anche chiesto cosa avrebbe fatto se fosse venuto a sapere di una missione assassina. Per quanto ingenuo, D ha evitato il più possibile le risposte dirette. La sua omosessualità non è stata usata esplicitamente come strumento per convincerlo.

Appesa a un muro della stanza di Alon c’era una foto di una barca a vela in mare. “Che bella”, ha detto D, che non vede il mare da anni. “Hai davvero bisogno di rilassarti. È bella la libertà”, ha risposto Alon.

Traduzione di Andrea Sparacino.

Internazionale, numero 951, 1 giugno 2012

http://www.internazionale.it/opinioni/amira-hass/2012/06/04/informatore-per-caso/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.