Intervista dell’ISM a Ilan Pappè – terza parte

27 Lug 2013

«Gli attivisti internazionali in Palestina dovrebbero essere VIP:

Visitare, Informare, Protestare» 

 
immagine1

Questa è la sezione finale; il ruolo della comunità internazionale e dell’attivismo solidale in Palestina.  International Solidarity Movement: Se, come ha detto nell’intervista precedente (sulla politica e società israeliana), il sostegno dell’Unione Europea e degli Stati Uniti non ha intenzione di smettere, cosa potrebbe fare o dovrebbe cambiare  la comunità internazionale per obbligare Israele ad attuare e rispettare gli standard internazionali?

Ilan Pappé: Abbiamo bisogno di una “primavera” europea. Nel senso che tutti noi sappiamo che se solo i leader politici europei rappresentassero ciò che i cittadini europei vogliono, la politica dei paesi europei sarebbe molto più dura nei confronti di Israele. Oggi, i governi non rispecchiano ciò che la gente vuole o pensa. Quindi la domanda è come trasferire i sentimenti filo-palestinesi dei cittadini europei  ai governi europei. Questa situazione è la stessa anche negli Stati Uniti.

Non credo che gli americani siano più pro-palestinesi rispetto agli europei, ma stanno iniziando ad averne abbastanza di Israele, e vorrebbero che gli Stati Uniti si concentrassero maggiormente sui crescenti problemi interni. Ma anche in questo caso, i leader politici non rappresentano questo desiderio. C’è stato lo stesso problema in Sud Africa, ci sono voluti 21 anni per il primo atto civile europeo contro l’apartheid sudafricano, venuto sotto forma di sanzioni economiche. Pertanto, è un processo molto lungo. Quello che la comunità internazionale deve fare è trovare il modo di convincere i propri leader politici che è eticamente e politicamente meglio adottare una politica molto più dura contro l’occupazione illegale israeliana. L’UE qui è un buon esempio perché ha forti legami e relazioni con Israele, che viene essenzialmente trattato come un membro dell’UE. Quando la campagna di boicottaggio è iniziata, proprio l’UE, per prima, cercò di spingere Israele ad agire in modo diverso. Questo è solo un inizio, c’è ancora molto da fare, ma per me, questa è la direzione giusta: un processo che spinge dal basso verso le élite politiche.  

ISM: Ci sono molti politici europei che vorrebbero che Israele fosse un membro dell’UE. Crede che questo sia attuabile, e se sì, a che cosa porterà tutto questo?

IP: Forse è una buona idea, perché Israele, in quel caso, dovrebbe necessariamente cambiare la sua intera politica governativa, che attualmente viola numerose leggi comunitarie. D’altra parte, potrebbe risultare in un problema perché vari governi dell’UE potrebbero essere portati ad accettare la crudeltà e violazioni di Israele. Io continuo a pensare che la strategia migliore sia quella di spiegare a questi politici pro-Israele che la storia li giudicherà davvero male a causa delle loro posizioni. Il problema è che i politici non tendono a guardare oltre al domani. L’unico modo è quello di spiegare loro che quando la situazione cambierà (nel nostro caso, quando l’occupazione finirà e quando la Palestina sarà libera), saranno dalla parte sbagliata nei libri di storia, perché erano i politici che avevano sostenuto l’apartheid.  

È simile a quei politici che sostenevano Benito Mussolini. Se i politici si sentono a loro agio a stare dalla parte sbagliata, va bene così. Ma se vogliono essere ritratti nei libri di storia come persone che hanno lavorato per la pace e la giustizia, allora devono cambiare le loro posizioni e le amicizie prima che sia troppo tardi. Israele è ancora in vita perché svolge molte funzioni strategiche e militari per l’Occidente, non per la sua moralità. La realtà non è nella visione dei sionisti cristiani, che pensano che Israele dovrebbe essere sostenuto perché rappresenta una sorta di valore morale. Oggi questo tipo di sostegno è stato superato, e anche grazie al lavoro della campagna BDS, ed è una delle poche vittorie che abbiamo ottenuto.  

ISM: In che modo la solidarietà internazionale è utile? Qual è o dovrebbe essere il ruolo degli attivisti internazionali in Palestina?

IP: Credo che gli aiuti internazionali, che è un po’ diverso da movimenti di solidarietà, siano spesso problematici. Da una lato, consentono ai palestinesi un certo livello di esistenza, ma dall’altra pagano per l’occupazione e per gli errori e le violazioni di Israele. Ma l’International Solidarity Movement è diverso: non si tratta di soldi ma di persone che vengono per aiutare altre persone. Finché questa ingiustizia sarà in atto, penso che sia davvero importante che i volontari ISM continuino a venire. Tutti gli attivisti internazionali che vengono in Palestina dovrebbero essere VIP. Voglio dire che dovrebbero visitare, dovrebbero informare e dovrebbero protestare. L’ISM fa tutte queste tre cose insieme, ma forse a volte alcune cose meno rispetto ad altro, a causa di circostanze particolari o per la mancanza di risorse, e questo è un peccato. Penso che sia essenziale farle tutti insieme.

Penso che il ruolo principale dell’ISM sia quello di essere l’ISM del mondo esterno . Una volta ho visitato i Paesi Baschi, e ho notato che c’era una certa distanza tra lìISM e il movimento di boicottaggio, il che è un peccato, perché è assolutamente necessario lavorare insieme. Ciò che l’ISM vede in Palestina è il risultato del lavoro del movimento BDS fuori della Palestina, e funziona. Non è solo solidarietà in loco, che è molto importante, ma anche solidarietà dall’esterno.

Non è possibile sostituire il movimento di liberazione – i palestinesi devono liberarsi, nessuno li può aiutare in questo, nemmeno io, ma possiamo e dobbiamo essere solidali con la loro liberazione. Questa solidarietà può essere mostrata in loco, ma soprattutto agendo nel paese da cui gli attivisti provengono. Si tratta di trovare il giusto equilibrio. Mi ricordo uno dei primi gruppi ISM che è venuto a Jenin, dopo il terribile massacro del 2002. Il fatto che qualcuno sia venuto, che era interessato, partecipe e solidale, ha significato molto per la gente.

Si può notare quanto impegno gli israeliani stiano mettendo per impedirvi di venire qui, e penso che sia un buon segno – la prova che si sta facendo qualcosa di giusto. Mi preoccuperei se domani Israele dicesse che i volontari ISM sono tutti benvenuti – vorrebbe dire che non si sta facendo qualcosa nel modo giusto.  

ISM: A proposito della campagna BDS,  pensa che un boicottaggio accademico e culturale potrebbe essere uno strumento efficace contro l’occupazione israeliana?

IP: Sono sempre stato un grande sostenitore del movimento BDS. Come è stato per il Sud Africa, anche qui svolge un ruolo determinante nel cambiare la realtà. Ma è un processo lungo e dobbiamo essere pazienti.

Nel caso di Israele, il boicottaggio accademico e culturale è particolarmente importante, perché Israele si considera un paese europeo e democratico nel bel mezzo del mondo arabo. ‘Europeo’ non per le relazioni economiche che ha con l’Europa, o perché vende pomodori in Olanda – tra le altre cose ha anche forti relazioni economiche con la Cina, la Russia e l’Africa – ma perché fa parte dell’élite culturale e accademica europea. Se le istituzioni accademiche e culturali europee dicessero che non vogliono lavorare con le istituzioni israeliane a causa del comportamento di Israele, penso che si manderebbe un messaggio molto forte.

Il boicottaggio culturale e accademico (a differenza di quello economico, che riguarda solo i territori occupati) ha un impatto enorme e diretto sulla società israeliana, e solo quando avverrà, gli israeliani parleranno di ciò che sta accadendo in Palestina. Ad esempio, l’unica volta che la stampa israeliana – e talvolta anche i media internazionali- parla dell’occupazione è quando qualcuno come Stephen Hawking dice che boicotterà un evento organizzato da personalità israeliane. Prima della diffusione del movimento di boicottaggio, era solo quando c’erano attentati in Israele che gli israeliani si ricordavano che c’era un’occupazione. Ora questa questione è cresciuta più regolarmente, cioè quando un gruppo pop o un autore si rifiuta di venire, o quando un’università importante negli Stati Uniti dice che non vuole lavorare con le università israeliane. Questo tipo di boicottaggio è molto importante, ed è la cosa più importante che la comunità internazionale può fare.

immagine1

I movimenti di solidarietà internazionale a volte pensano che dovrebbero avere un parere in merito, per esempio, alla soluzione a uno stato o a due stati, ma in realtà, questo non è il loro compito. Spetta ai palestinesi e agli israeliani decidere come vivere. Quello che movimenti internazionali possono fare è creare le condizioni per un dialogo ragionevole. Ma bisogna porre fine all’occupazione prima di iniziare a parlare di pace. Il trucco di Israele è stato per molti anni quello di cercare di convincere il mondo che la pace porrà fine all’occupazione. Ma noi sappiamo che in realtà questo funziona al contrario: prima finisce l’occupazione e poi inizieremo a parlare di pace. Penso che l’ISM, il movimento BDS ei movimenti di solidarietà palestinesi siano tutte le organizzazioni che non accettano lo slogan israeliano “la Pace porrà fine all’occupazione”. Queste organizzazioni non prendono parte ai colloqui di pace, ma lavorano per la fine dell’occupazione e dell’apartheid.  

ISM: Cosa direbbe alle persone che credono che gli eventi culturali e sportivi non dovrebbero essere politicizzate?

IP: Beh, è ​​stato molto efficace nel caso del Sud Africa. Infatti, i sudafricani bianchi cominciarono a pensare all’apartheid solo quando le grandi squadre sportive del Sudafrica non erano state invitate ad eventi sportivi internazionali. Credo, inoltre, che lo sport sia politica. Per esempio, Israele ospiterà la Coppa UEFA Under 21, e la squadra di calcio palestinese non è stata invitata. Giocatori palestinesi di Gaza non potranno neppure andare in Israele a vedere il torneo. Lo sport è politico, se c’è la libertà per tutti di partcipare.

L’accademia è anche evidentemente politica. Accademici israeliani, quando sono all’estero, pensano di essere gli ambasciatori di Israele. Le sinagoghe all’estero si sentono come se fossero ambasciate di Israele. Quando gli accademici israeliani si vedono come ambasciatori, e rappresentano qualcosa che le persone più decenti all’estero ritengono essere inaccettabile, allora le persone hanno il diritto di mostrare il proprio rifiuto.

E nessuno dice a queste persone che rappresentano Israele, se lo dicono loro stessi. C’è stato un grande dibattito nei Paesi Baschi sulla cantante israeliana Noah – se la gente dovrebbe boicottare il concerto o meno. La gente aveva visto sul suo sito che lei aveva scritto che rappresenta Israele nel suo tour. Lei non era andata lì solo come cantante, ma come rappresentante di Israele. Siamo nel 2013 e se dichiari così, significa che rappresenti ciò che Israele rappresenta, e ciò che Israele sta facendo oggi. Pertanto sei un legittimo obiettivo del boicottaggio.  

Questa è l’ultima di una serie di tre interviste: Ilan Pappé in conversazione con l’International Solidarity Movement.   Fonte: Palsolidarity Traduzione a cura di Associazione Zaatar.

Fonte: Palsolidarity

Traduzione a cura di Associazione Zaatar 

Inviato da admin il Sab, 27/07/2013 – 11:18

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/intervista-dellism-ilan-papp%C3%A8-terza-parte

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam