Ipocrisia occidentale: Khashoggi e Murtaja due giornalisti scomparsi, ma il mondo ne ricorderà solo uno

0

La fermezza del mondo nel trattare con gli assassini di Jamal potrebbe ben dissuadere altri stati dal commettere crimini contro giornalisti, tranne forse Israele. Nessun paese dovrebbe poter agire al di sopra della legge, incluso Israele.

Kamel Hawwash, 30 ottobre 2018

 

Copertina – Rushdi Sarraj [r], co-fondatore di Ain Media e Yaser Murtaja, ucciso da un cecchino israeliano ad aprile

 

Yaser Murtaja era un fotoreporter palestinese, era andato alla recinzione di Gaza con Israele per coprire il secondo venerdì della Grande Marcia del Ritorno. È stato ucciso da un cecchino dell’IDF il 7 aprile. C’è stata una modesta copertura della sua morte avvenuta in quel secondo venerdì della Grande Marcia del Ritorno. Il mondo si è turbato per il deliberato attacco da parte di cecchini israeliani altamente qualificati su civili palestinesi che non rappresentavano una minaccia, ma i governi occidentali si sono mostrati riluttanti a criticare Israele per aver preso di mira uomini, donne, bambini, medici e giornalisti. La giovane infermiera, Razan Al-Najjar, è stata colpita da colpi di arma da fuoco e uccisa alcune settimane dopo mentre si prendeva cura dei feriti alla recinzione di Gaza. Nello stesso momento, Nikki Haley progettava di mettere a tacere una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU per proteggere i civili palestinesi.

Nella sua atrocità più recente, Israele ha preso di mira e ucciso tre bambini a Gaza. Sono stati identificati come Khaled Bassam Mahmoud Abu Saeed, di 14 anni; Abdul Hameed Mohammed Abdul Aziz Abu Zaher, 13 anni; e Mohammed Ibrahim Abdullah Al-Sutari, 13 anni.

Non conoscevo Yasir, Razan, Khaled, Abdul Hameed o Mohammed. Tuttavia, la loro perdita e il dolore che ho provato per la loro morte sono vivi in me ancora oggi. Perché il mondo non ha sanzionato Israele per averli uccisi? Perché Israele ottiene un lasciapassare quando viola i diritti umani fondamentali mentre altri stati sono tenuti a renderne conto?

La reazione alle loro uccisioni è in netto contrasto con la sparizione e il poi confermato omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi il 2 ottobre, che ha attirato l’attenzione del mondo intero. Non ho incontrato una sola persona che non fosse a conoscenza della storia o che non abbia seguito con orrore assoluto i sordidi dettagli che emergono da fonti del governo turco riguardo al suo omicidio e alla possibile mutilazione del suo corpo. Richieste di sanzioni all’Arabia Saudita hanno avuto una gran diffusione, spaziando dai normali cittadini ai governi.

Ho avuto la fortuna di incontrare Jamal e presiedere una sessione alla conferenza di Middle East Monitor sugli Accordi di Oslo il sabato precedente al suo ritorno a Istanbul per completare alcuni documenti al Consolato saudita che gli permettessero di sposare la sua fidanzata Hatice Cengiz. Mai né io né nessuno di noi poteva immaginare la piega che avrebbeo preso gli eventi ore dopo.

 

FOTO – Il giornalista saudita Jamal Khashoggi (R) alla Oslo 25 Conference di Londra, il 29 settembre 2018 [Jehan Alfarra / Middle East Monitor]

Sono molte le ragioni per la copertura ricevuta dall’omicidio di Jamal, che lo distingue da altri giornalisti presi di mira per i loro scritti o la copertura di importanti eventi mondiali tra cui quelli in Siria, Iraq e Libia, per citarne solo alcuni. Era un fedele cittadino saudita che era stato strettamente legato alla famiglia reale, ma uno che voleva sentirsi libero di parlare anche sotto il vigente dominio del principe ereditario Mohammed Bin Salman che ha imposto restrizioni. Era un editorialista del Washington Post.

L’omicidio di Khashoggi ha contrapposto i due principali stati musulmani – Arabia Saudita e Turchia – l’uno contro l’altro. L’omicidio non è stato compiuto per le strade di Istanbul ma all’interno di una missione diplomatica. Ci sono state fughe di notizie e smentite. Ci sono state diverse versioni di ciò che era successo tirate fuori dall’Arabia Saudita, che nel migliore dei casi erano incoerenti e che si sono poi rivelate bugie. C’è stato il teatro del discorso ampiamente pubblicizzato del presidente della Turchia Erdogan, che prometteva molti dettagli ma ha finito per essere un capolavoro di prudenza politica privo di nuove informazioni. Il destino del principe ereditario saudita e persino della monarchia saudita, così come lo conosciamo, è in bilico.

Fino ad oggi, il corpo di Khashoggi non è stato recuperato. Le domande rimangono senza risposta su chi ha ordinato l’omicidio, come è stato eseguito, che ne è stato del corpo e quali prove concrete ha la Turchia, lasciando molto spazio alla speculazione. La Turchia stava spiando il consolato saudita e quindi l’omicidio è stato registrato in audio o video?

Queste sono alcune delle ragioni per cui l’omicidio di Jamal ha solleticato il mondo intero nelle ultime due settimane e lo farà man mano che maggiori dettagli trapeleranno o nel caso la Turchia decidesse finalmente di rendere pubbliche le sue prove, che potrebbero includere l’identificazione di chi era nella gerarchia saudita la persona più in alto che ha ordinato l’uccisione di Khashoggi.

I paesi occidentali hanno iniziato a imporre sanzioni a individui sospettati di far parte della squadra degli assassini, cancellando in modo efficace i visti che potrebbero detenere e hanno chiesto di imporre un embargo sulle armi all’Arabia Saudita, specialmente in Europa. Sebbene questi siano stati controbilanciati dall’importanza strategica del commercio con l’Arabia Saudita, è almeno un’indicazione che i paesi occidentali possono agire per fare pressione sugli altri Stati accusati di aver commesso crimini.

Il mondo si è mosso per imporre sanzioni alla Russia e all’Iran, e la storia mostra che altri paesi hanno dovuto affrontare sanzioni, tra cui l’Iraq e la Libia.

FOTO -Giornalisti palestinesi arrestati da Israele – Cartoon [Sarwar Ahmed / MiddleEastMonitor]

Tuttavia, sembra che il mondo sia riluttante a sanzionare Israele qualunque cosa faccia. In effetti, molti paesi occidentali giustificano i suoi crimini come un mezzo necessario di “autodifesa”. Non si parla di imporre un embargo a doppio senso sulle armi a Israele. Gli americani non hanno preso in considerazione la fine dell’aiuto militare annuale da 3 miliardi di dollari per l’uccisione di Razan o Yaser. Sarebbe morale, ma anche un risparmio per il contribuente americano che non può scegliere se l’amministrazione americana decide di finanziare uno stato che si autodichiara di apartheid, con metà del suo budget di aiuti internazionali.

Il mondo fa bene a indignarsi per l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi e per come è stato eseguito. È giusto chiedere la verità e poi imporre sanzioni ai responsabili del suo orribile omicidio. Tuttavia, l’ipocrisia del mondo nel criticare con tanta moderazione Israele per aver ucciso giornalisti palestinesi gli fornisce l’impunità di cui ha goduto e che continua a godere. La vita di un giornalista palestinese, saudita o israeliano dovrebbe avere lo stesso valore.

La fermezza del mondo nel trattare con gli assassini di Jamal potrebbe ben dissuadere altri stati dal commettere crimini contro giornalisti, tranne forse Israele. Nessun paese dovrebbe poter agire al di sopra della legge, incluso Israele.

 

Traduzione: Simonetta Lambertini – Invictapalestina. Org

Fonte:https://www.middleeastmonitor.com/20181030-western-hypocrisy-khashoggi-and-murtaja-two-deceased-journalists-but-the-world-will-only-remember-one/?fbclid=IwAR3s9gDltcaM6okMam71S6ISOzx5im13ZcrumE-i77Xpc8NQ0asZcbkvz8s

 

Ipocrisia occidentale: Khashoggi e Murtaja due giornalisti scomparsi, ma il mondo ne ricorderà solo uno

Ipocrisia occidentale: Khashoggi e Murtaja due giornalisti scomparsi, ma il mondo ne ricorderà solo uno

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.