Israele – Anp: accordo a tutti i costi?

Il segretario di stato John Kerry punta a una intesa quadro che lasci a negoziati futuri l’intesa finale. L’Europa offre tanti soldi. Ma le pressioni sono solo sui palestinesi.

adminSito
mercoledì 18 dicembre 2013 09:12

immagine1

di Michele Giorgio 

Gerusalemme, 18 dicembre 2013, Nena News – Nei Territori occupati non c’è alcuna fiducia sull’esito delle trattative con Israele. Il senso di scetticismo che si avverte facendo un semplice giro nei centri abitati, scambiando qualche battuta con la gente, è confermato anche da un sondaggio del Palestinian Center for Public Opinion. Rispetto alla Cisgiordania e a Gerusalemme Est, Gaza è leggermente più ottimista – il 42,6% è favorevole al proseguimento dei negoziati, contro il 27,7 % nel resto dei territori palestinesi – ma questo dato non deve sorprendere. Nelle condizioni durissime in cui si trovano, gli abitanti di Gaza si aggrappano a qualsiasi speranza. Da parte sua l’opinione pubblica israeliana si mostra indifferente verso l’andamento delle trattative ma appoggia la linea del governo di destra guidato da Benyamin Netanyahu volta a negare ai palestinesi uno Stato sovrano e a continuare la colonizzazione dei Territori occupati.

Eppure, anche di fronte a un quadro tanto chiaro, gli Stati uniti e l’Unione europea spingono con forza per arrivare a quell’accordo “di pace” che in 20 anni di trattative, anche in periodi in apparenza più favorevoli, non è stato raggiunto. In verità le pressioni le fanno quasi tutte sui palestinesi, la parte più debole, quella che non può aspettare all’infinito la realizzazione di diritti che, è bene ricordarlo, sono sanciti dalle risoluzioni delle Nazioni unite.

L’Europa offre soldi in cambio della firma da parte di israeliani e palestinesi di un accordo, qualsiasi accordo. «L’Unione Europea fornirà un pacchetto di sostegno politico, economico e alla sicurezza a entrambe le parti, israeliana e palestinese, se saranno in grado di finalizzare la pace», hanno scritto i ministri degli esteri dell’Ue nel comunicato che hanno emesso due giorni fa.

Bruxelles è pronta a garantire a Israele e al futuro Stato di Palestina una “Partnership Privilegiata Speciale”, ossia l’ingresso facilitato nel mercato europeo, rapporti speciali nella cultura culturale e nelle scienze, investimenti dei Paesi europei. Ai palestinesi la proposta certo non dispiace ma Netanyahu difficilmente si lascerà incantare dalle sirene europee.

Da parte loro gli Usa non solo hanno presentato un piano di sicurezza per la Cisgiordania che include gran parte delle condizioni poste da Netanyahu, ma, a quanto pare, hanno in via definitiva anche accettato la posizione di Israele che qualsiasi accordo di pace dovrà includere il riconoscimento di Israele come Stato ebraico. È un punto critico. Tel Aviv, che non ha fatto questa richiesta ai due Paesi arabi con i quali ha firmato trattati di pace (Egitto e Giordania), sostiene che i palestinesi devono riconoscere ufficialmente il carattere ebraico dello Stato di Israele. Il presidente dell’Olp e dell’Anp Abu Mazen, lo esclude e ripete che spetta a Israele “definirsi”. In realtà è in gioco il diritto al ritorno dei profughi palestinesi e dei loro discendenti (5 milioni sparsi nel mondo arabo) ai centri abitati d’origine (in territorio israeliano) e, teme qualcuno, anche di una parte dei palestinesi con cittadinanza israeliana che potrebbe vedersi inclusa in uno scambio territoriale tra Israele-Stato del popolo ebraico e il futuro Stato di Palestina.

L’ultimo incontro a Ramallah tra John Kerry e Abu Mazen si è svolto in un’atmosfera difficile anche se poi il segretario di stato Usa ha riferito che i negoziati «hanno fatto dei passi in avanti» verso il possibile accordo di aprile. In realtà Kerry non punta all’accordo definitivo ma a un “accordo quadro” sulle principali questioni: sicurezza, il futuro di Gerusalemme e il destino dei rifugiati. Per poi lasciare a negoziati futuri l’intesa finale, magari tra 10 o 20 anni. Una prospettiva che, finora, Abu Mazen ha respinto chiedendo una soluzione definitiva subito e la fine dell’occupazione militare. Nena News

 

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=93477&typeb=0&Israele-Anp-accordo-a-tutti-i-costi-

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam