Israele: arrestati gli attivisti dell’Associazione israeliana ” Zochrot”. Proibito ricordare la Nakba

domenica 29 aprile 2012

 immagine1

Sintesi personale

L’ Università di Tel Aviv è stata costruita sulle rovine del villaggio palestinese di Sheikh Muwannis . All’angolo di Arlosoroff e Ibn Gvirol, dove sorge  la Torre , c’era il villaggio palestinese di Sommeil

Gli   attivisti del gruppo israeliano :” Zochrot ” volevano ricordare quanto è accaduto  nel giorno dell'”Independence Day”,ma  sono stati accusati di compiere  attività criminali.

Non appena hanno   tentato di uscire dal loro ufficio  per posizionare cartelli di piccole dimensioni  a Ibn Gvirol  , la polizia antisommossa li ha circondati  con porte in metallo bloccandoli all’interno. La polizia li ha informati,  in modo intimidatorio, che sarebbero stati arrestati se avessero  tentato di interagire con le folle che celebrava  la nascita di Israele

Anche se la repressione della polizia difficilmente può essere scusata, è plausibile  credere  che gli attivisti Zochrot avrebbero  potuto essere oggetto di violenza se  si fosse permesso loro di manifestare . Alcuni  passanti  hanno detto . “Siete  fortunati che  la polizia sia qui. Dovreste ringraziarli “,

Un altro personaggio ,che si è identificato come un membro della  51 unità dal corpo del paracadutista dell’esercito israeliano Brigata Golani,   ha urlato : “Siete   un gruppo di traditori.  “La dimostrazione si è conclusa con l’arresto     di tre   partecipanti. Un uomo è stato arrestato  per aver letto ad alta  voce i nomi dei villaggi palestinesi distrutti.

Il filmato è qui sotto:

La repressione, subita dall’associazione  ,evidenzia la volontà del   governo israeliano  di punire coloro che violano il codice del silenzio imposto sulla Nakba . L’anno scorso il governo ha approvato una legge che permette di non finanziare   quelle  ONG che partecipano alle  commemorazioni della tragedia palestinese. Nel 2009 è stato  vietato l’uso del termine “Nakba” nei libri di testo scolastici. Limor Livnat, membro  di destra della Knesset , ha dichiarato che  ,se si permettesse  agli studenti di conoscere l’espulsione di massa dei palestinesi  avvenuta tra il  1947 e il 1948 , ciò  li incoraggerebbe a lavorare contro lo Stato ebraico. E’ bene ricordare  questo passo di un libro ben noto :

. “Se una persona non può camminare nel mezzo della piazza ed esprimere il suo punto di vista per il timore  di essere arrestato o di subire  danno fisico,  allora quella persona vive in una società  di paura , non in una società libera . “

Il libro si chiama “The Case for Democracy”. Uno dei suoi autori, Natan Sharansky , era un ex dissidente sovietico che attualmente dirige l’Agenzia Ebraica, un personaggio  chiave dell’ occupazione . L’altro autore è Ron Dermer,  consigliere di Benjamin Netanyahu conosciuto come “cervello Bibi.” Ora sono  attivamente impegnati nel guidare  la discesa di Israele verso l’ autoritarismo.

Come fanno  Sharansky e Dermer  a non rendersi conto delle  loro azioni?   La  riflessione non è mai una scelta in una società dominata dalla  paura.

In a fear society, where some facts are crimes
Israel Criminalizes the Nakba

TEL AVIV: POLIZIA IMPEDISCE A ONG ISRAELIANA DISTRIBUZIONE VOLANTINI SU NAKBA
E. Bronstein, fondatore di Zochrot,che tenta di avvicinare gli israeliani alla Nakba

Israele: gli insegnanti introduranno la Nakba “illegalmente” nelle scuole?

Nurit Peled (israeliana) : Porterò il lutto per la Nakba

Yair Lapid : chi approva la legge sulla Nakba è vigliacco e antisionista
Gideon Levy :ebrei e israeliani dovrebbero insegnare anche la Nakba Day nelle scuole
Gideon Levy: riconoscere la responsabilità morale del 1948 e i confini del 1967
Jerry Haber : Tony Kushner e le regole del gioco cambiate negli Usa
Ilan Papper Una reinterpretazione della Storia d’Israele
Kim Chernin ” dal 1948 ad oggi.,una nuova visione del conflitto israeliano-palestinese

TOM SEGEV Critica il libro di BENNY MORRIS’’1948′

Israele : Bayt Jibrin – una bellezza rubata.

Le proprietà dei profughi palestinesi in una mappa interattiva

Medarabnews » Blog Archive » Il patrimonio occultato di Israele

Video :Testimonianza di Amnon Neumann sulla pulizia etnica del 1948
Gideon Levy : in Israele nulla è cambiato dal 1948

Pubblicato da  

http://frammentivocalimo.blogspot.com/2012/04/israele-arrestati-gli-attivisti.html
Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam