Israele bloccato in un loop infinito e sanguinante con Hamas . Il malinteso dell’IDF ha scatenato l’attacco a Gaza e a Sderot – di Amos Harel

0

 

Amos Harel srael’s Groundhog Day in Gaza: Stuck in Endless, Bloody Loop With Hamas

 Sintesi personale

Quando si arriva allo scontro con Hamas nella Striscia di Gaza, Israele sembra trovarsi in una situazione come quella di Bill Murray nel film “Ricomincio da capo”. Murray interpreta un meteorologo televisivo che, dopo aver coperto un evento il 2 febbraio, viene catturato in un loop temporale, ripetendo all’infinito quanto è accaduto in quel giorno, intrappolato in un circolo vizioso che nessuno, a parte lui, nota.

Questo è più o meno quello che sta succedendo a Israele a Gaza. Dal 30 marzo, quando sono iniziate le dimostrazioni settimanali palestinesi lungo la barriera di confine, le tensioni nella Striscia sono notevolmente aumentate. Hamas lancia centinaia di razzi contro le comunità israeliane sul confine di Gaza (di solito in reazione all’uccisione di membri della sua ala militare). Israele risponde con dozzine di attacchi aerei, e l’Egitto e l’inviato delle Nazioni Unite in Medio Oriente, Nickolay Mladenov , intervengono e raggiungono un cessate il fuoco parziale – fino al prossimo turno.

Questo è quello che è successo anche questa settimana, ma questa volta è il risultato di un malinteso da parte israeliana. Martedì mattina, alti funzionari di Hamas, apparentemente provenienti dall’estero, sono  venuti a Gaza per consultazioni sugli sforzi internazionali finalizzati a raggiungere un accordo provvisorio con Israele. Hanno  visitato un avamposto navale di Hamas nella Striscia settentrionale. Erano lì per osservare una dimostrazione  sulle  capacità dei commando.

Una vedetta dell’esercito israeliano ha notato due cecchini su una torre e li ha visti aprire il fuoco. Sebbene la torre si trovi a circa 2 chilometri dalla recinzione, c’erano preoccupazioni (che si sono rivelate sbagliate) che la sparatoria potesse mettere in pericolo le truppe israeliane lungo la recinzione. I comandanti israeliani del settore hanno deciso di colpire, e i due cecchini di Hamas  che sono stati uccisi dai  carri armati.

Palestinians inspect the damaged house hit by an Israeli airstrike that killed a 23-year-old pregnant mother, Enas Khamash and her 18 month-old daughter Bayan, in Deir el-Balah, central Gaza Strip, Thursday, Aug. 9, 2018. I palestinesi ispezionano la casa danneggiata colpita da un attacco aereo israeliano che ha ucciso una madre incinta di 23 anni, Enas Khamash e sua figlia Bayan di 18 mesi, a Deir el-Balah, il 9 agosto 2018. Khalil Hamra, AP

L’ERRORE  dell’intelligence israeliana che ha contribuito all’incidente è preoccupante. L’intelligence militare avrebbe dovuto conoscere una simile esercizio, o almeno tenere traccia dei movimenti dei funzionari di Hamas dall’estero. L’esercito ammette che se avesse saputo che si trattava di un esercizio di Hamas, non avrebbe aperto il fuoco.

  La scusa che l’avamposto è “dietro un’alta collina” non è convincente. Ci si può aspettare di più  da un paese che investe miliardi di dollari ogni anno in intelligenza.

Hamas ha minacciato una risposta e mercoledì ha attaccato:  prima con il fuoco  di un cecchino alla recinzione che non ha causato vittime e in seguito con raffiche di razzi per tutta la sera e la notte.

Giovedì mattina erano stati sparati 180 missili; una donna dal lato israeliano è stata moderatamente ferita. Più di 20 civili sono stati ricoverati in ospedale per ferite da schegge e shock. Questo è stato il bombardamento più massiccio di Israele negli ultimi mesi.

Hamas sta ancora parlando di “sparatorie calcolate”. Giovedì Al Jazeera ha anche considerato l’escalation come parte dei negoziati. Anche la risposta israeliana è stata misurata. Sebbene i portavoce militari puntino ai molti obiettivi attaccati da Israele – quasi 150 – il piccolo numero di vittime palestinesi e il fatto che non ci sia stato alcun tentativo di colpire gli alti comandanti militari di Hamas attestano la moderazione.

Aftermath of a rocket attack from Gaza, Sderot, August 8, 2018Conseguenze di un attacco missilistico da Gaza, Sderot, 8 agosto 2018 Eliyahu Hershkovitz

Un alto funzionario dello Stato Maggiore ha detto ai giornalisti giovedì sui passi che l’esercito stava compiendo: dispiegamento di ulteriori batterie anti-razzo Iron Dome, una piccola mobilitazione di riservisti per rinforzare le batterie, preparativi per l’invio di ulteriori forze di terra al Comando Meridionale, istruzioni severe ai residenti delle comunità vicino a Gaza per usare cautela e, se necessario, anche  preparativi per evacuare le persone da queste comunità.

L’atmosfera vicino a Gaza è tesa. I razzi sono molto più pericolosi degli incendi che sono stati lanciati dagli aquiloni e dai palloncini incendiari negli ultimi mesi.

Forse la cosa peggiore sono le dozzine di sirene di allarme al culmine delle vacanze estive, quando i bambini sono a casa. Di recente alcuni fine settimana hanno visto un tranquillo esodo dalle comunità di confine.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha tenuto una serie di consultazioni giovedì mattina, terminando con una riunione di gabinetto. Nonostante le minacce contro Hamas, Israele non sta cercando una guerra nella Striscia. leader politici sono preoccupati per le conseguenze dell’invio di fanteria e carri armati nel cuore di un’area densamente popolata, dove ci sarebbero perdite israeliane. Si stanno chiedendo se alla fine di una simile guerra la situazione sarebbe migliore di adesso.

D’altra parte Netanyahu e il ministro della Difesa Avigdor Lieberman stanno affrontando crescenti critiche da parte della destra, e persino della sinistra, per la debolezza che mostrano nei confronti di Hamas. Sotto la pressione dell’opinione pubblica e dei media, potrebbero approvare un’azione più ampia da parte dell’esercito.

Giovedì a mezzogiorno le fazioni palestinesi hanno annunciato la fine dell’attuale round di ostilità. Tre ore dopo un razzo è stato sparato da Gaza verso Be’er Sheva, a circa 40 chilometri di distanza. Questa è stata la prima volta che la città è stata presa di mira dalla guerra di Gaza del 2014. Come nei casi precedenti, sembra che Israele stia ignorando le dichiarazioni delle fazioni in modo da non ammettere che sta negoziando, anche se attraverso mediatori,con organizzazioni terroristiche.

  Se la fine dei lanci di razzi palestinesi viene soddisfatta dalla fine degli attacchi israeliani, sapremo che il round è finito davvero , fino alla prossima volta, ovviamente.

Se lo scambio continua,  la ragionevole direzione possibile è una dimostrazione  di più giorni di ciò che le forze  israeliane sono in grado di fare  per rendere chiaro ad Hamas  le conseguenze se  continua  le ostilità. Al momento, Hamas crede che stia dettando gli  eventi e apparentemente non si sente sufficientemente minacciato. C’è ancora una gamma di scelte nello spettro tra moderazione e guerra.

Il pericolo, come sempre, sta nella legge delle conseguenze inaspettate, che funziona straordinariamente durante il combattimento. Le perdite da parte israeliana o un omicidio volontario di massa di civili palestinesi durante un attacco aereo, potrebbero portare a un deterioramento peggiore,.

  Se l’Egitto e le Nazioni Unite non riescono a raggiungere un “piccolo accordo” vincolante – un completo cessate il fuoco in cambio di concessioni sul movimento di merci nella Striscia insieme all’ampliamento della zona di pesca di Gaza e forse l’inizio di concessioni economiche – Israele intraprenderà ulteriori azioni militari per forzare un accordo su Hamas. Non è ancora guerra a Gaza, ma potremmo andare lentamente in quella direzione.

Amos Harel

Amos Harel

Corrispondente di Haaretz

 

Israele bloccato in un loop infinito e sanguinante con Hamas . Il malinteso dell’IDF ha scatenato l’attacco a Gaza e a Sderot – di Amos Harel

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2018/08/amos-harel-israele-bloccato-in-un-loop.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.