Israele cerca di deportare una bambina di 5 anni con malattie potenzialmente letali

0
272

tratto da: https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/01/israele-cerca-di-deportare-un-bambino.html

L’autorità per l’immigrazione vuole l’espulsione immediata per Miranta Dibabe, nata in Israele, i cui genitori sono fuggiti dall’Etiopia perché “volevano una vita migliore”; “Come posso portarla in un paese che non ha cure mediche per lei?” dice sua madre

 

Hadar Gil-Ad

Miranta Dibabe, che da poco ha festeggiato il suo quinto compleanno, è nata in Israele con un disturbo cromosomico molto complesso e grave che minaccia la sua vita. Nonostante ciò, l’Autorità per l’immigrazione sta cercando di deportare lei e la sua famiglia in Etiopia.

Tra i tanti sintomi causati dal suo disturbo, Miranta soffre di insufficienza respiratoria e cardiaca, per questo è stato necessario un intervento chirurgico al cuore prima dei tre anni.

Soffre anche di danni cerebrali , gravi difficoltà respiratorie e apnea notturna che richiede un apparato respiratorio.

Miranta soffre anche di gravi disturbi cognitivi, non può parlare o capire le istruzioni e utilizza una sedia a rotelle dotata di una macchina per l’ossigeno.

Nonostante questi disturbi potenzialmente letali e il suo bisogno di cure 24 ore su 24 da parte di un team di professionisti, Miranta sta affrontando la deportazione nell’Etiopia devastata dalla guerra con suo padre Yedenkacho, sua madre Hiwat e i suoi due fratelli minori.

“Siamo venuti qui perché il luogo in cui vivevamo era pericoloso, volevamo una vita migliore”, dice Hiwat. “Mia figlia ha molti problemi e siamo sempre in ospedale. Deve essere collegata a un dispositivo di ossigeno o morirà.

Sono con lei tutto il tempo, controllando che respira e che stia bene. È viva grazie alle molte cure, ai molti medici e alle molte medicine. Come posso portarla in un paese che non ha cure mediche per lei? Che tipo di madre sarei per lasciare che mia figlia muoia quando so che in Israele sarà salvata?”

Mentre l’Autorità per l’immigrazione chiede l’immediata deportazione di Miranta e della sua famiglia, i tribunali hanno stabilito di non aver considerato tutte le implicazioni mediche del caso di Miranta e hanno ordinato che il suo caso fosse discusso da un comitato umanitario interministeriale.

Prof. Shlomo Mor-Yosef, Direttore generale dell’Autorità per l’immigrazione

Il comitato, presieduto dal direttore generale dell’Autorità, il prof. Shlomo Mor-Yosef, ha successivamente stabilito che il caso di Miranta non fosse particolarmente grave, nonostante le prove mediche presentate al comitato e ha concluso che non c’erano prove che Miranta non potesse ricevere cure adeguate in Etiopia.

Tomer Warsha, avvocato specializzato in immigrazione in Israele, ha dichiarato: “Siamo rimasti stupiti dall’insensibilità e dal disprezzo per la vita di una bambina di cinque anni. Le condizioni di salute di Miranta sono tra le più difficili che abbiamo visto. Il trattamento di cui necessita è multi-sistemico e complesso. È intollerabile che una bambina di cinque anni venga gettata verso la sua probabile morte dalle autorità di questo Paese”.

Tomer Warsha: Siamo rimasti sbalorditi dall’insensibilità e dal disprezzo per la vita di una bambina di cinque anni
( Foto: Anton Mislawsky )

L’Autorità per l’immigrazione ha dichiarato: “Un’indagine sul caso ha mostrato che si tratta di una coppia di genitori etiopi che si sono infiltrati in Israele in momenti diversi e che risiedono in Israele da molto tempo dopo aver chiesto asilo. Nel 2018, i due hanno chiesto lo status di asilo per motivi umanitari. La loro richiesta è stata respinta a vari livelli, ma alla fine si è deciso di deferirli alla commissione interministeriale. Abbiamo anche tenuto conto dell’opinione del ministero della Salute secondo il quale non è stato dimostrato che la bambina non avrebbe ricevuto cure adeguate nel suo paese di origine. Lo stato si è persino offerto di fornire alla famiglia le scorte di medicinali necessarie, durante la sua integrazione nel paese di origine, la loro patria.”

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/01/israele-cerca-di-deportare-un-bambino.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.