Israele, così Netanyahu prepara la “vendetta” – di Umberto De Giovannangeli

0
256

tratto da: https://www.globalist.it/world/2021/06/29/israele-cosi-netanyahu-prepara-la-vendetta-2083222.html

Il primo ministro più longevo nella storia d’Israele sta meditando la rivincita. Come? A spiegarlo è Anshel Pfeffer, editor chief di Haaretz.

Netanyahu

Netanyahu

Umberto De Giovannangeli

29 giugno 2021

Due settimane dall’avvenuta “defenestrazione di “King Bibi”. Che fine ha fatto Benjamin Netanyahu? Di certo non si è ritirato dalla politica. Tutt’altro. Il primo ministro più longevo nella storia d’Israele sta meditando la rivincita. Come? A spiegarlo è Anshel Pfeffer, editor chief di Haaretz.

Propositi di “vendetta”

WSono passate due intere settimane da quando Naftali Bennett ha sostituito Benjamin Netanyahu come primo ministro e, stranamente, Israele è ancora qui. – esordisce Pfeffer – Ci stiamo persino abituando al nuovo titolo di ‘leader dell’opposizione Netanyahu’. Tutti noi, cioè, tranne Netanyahu stesso, i cui aiutanti hanno chiesto agli altri membri dell’opposizione di continuare a riferirsi a lui come ‘primo ministro’. Lui sorride benevolmente a quelli che lo fanno.

Va notato a questo punto che, a differenza degli Stati Uniti dove c’è una tradizione non ufficiale di continuare a chiamare gli ex leader del paese ‘Presidente tal dei tali’ anche dopo che hanno lasciato l’incarico, Israele non ha mai avuto una tradizione simile. I precedenti presidenti e primi ministri di Israele sono semplicemente Katzav, Barak e Olmert (e dato che due di loro sono andati in prigione, mantenere il loro titolo sarebbe stato piuttosto imbarazzante). In effetti, è una cosa americana che esiste a malapena altrove. Allora perché Netanyahu lo sta facendo? Ci sono alcune ragioni plausibili, sia personali che politiche. In primo luogo, dopo dodici anni in carica, Netanyahu sta ancora avendo difficoltà ad adattarsi ai capricci della democrazia e quelli vicini a lui stanno cercando di facilitare la sua transizione attenendosi al suo vecchio titolo per un po’. Dopo tutto, ha quasi 72 anni, quindi perché non mostrare un po’ di rispetto a un cittadino anziano?

Ci sono ragioni più sinistre, naturalmente. Netanyahu è ansioso di fare un altro ritorno, e per farlo sta delegittimando il primo ministro Bennett facendo sembrare che sia ancora lui il vero primo ministro. Ecco perché non solo si tiene stretto il titolo, ma mantiene anche, attraverso i suoi social media, un flusso costante di immagini di lui che saluta dignitari locali e stranieri in ambienti da statista. Allo stesso tempo, è stato a malapena visto al di fuori della Knesset e della residenza ufficiale (che ora dovrebbe lasciare il 10 luglio), con l’eccezione di una passeggiata sulla spiaggia di Bat Yam, gestita con il fedele sindaco del Likud Tzvika Brot e tra gli applausi degli spettatori. Si avventurerà solo in luoghi dove può ancora presentarsi come primo ministro; altrimenti gli israeliani potrebbero improvvisamente notare che non ha più la grande scorta di sicurezza e l’entourage che lo accompagnava. Pochi politici, se ce ne sono, sono così consapevoli dell’importanza dell’immagine visiva nel creare uno spettacolo politico, e Netanyahu è ansioso di non essere visto come un altro ex primo ministro, per non parlare di un comune civile. Per quanto tempo Netanyahu ha intenzione di continuare così? Ad un certo punto coloro che lo circondano si stancheranno della farsa. Anche lui alla fine si abituerà ad avere orari vuoti, il telefono che non squilla più costantemente con i capi della sicurezza in linea e gli aiutanti che non gli passano appunti ogni due minuti. Potrebbe imbarcarsi in un tour nelle roccaforti del Likud, dove gli è assicurata una fornitura costante di adulazione ancora per un po’, ma anche i Likudniks più incalliti hanno bisogno di qualcosa che li accenda, come un’elezione.

A Netanyahu piacerebbe naturalmente guidare il Likud in un’altra elezione (sarebbe la sua undicesima elezione come leader del partito, battendo il record di 10 di Menachem Begin). Tuttavia, nonostante la sua ripetuta promessa nelle ultime due settimane che ‘rovesceremo questo pericoloso governo di sinistra, fraudolento’, egli sa meglio di chiunque altro quanto possa essere difficile rimuovere un primo ministro che ha già i piedi sotto la scrivania. Ci vuole un voto di sfiducia costruttivo, uno in cui ci sia una maggioranza per un primo ministro alternativo, e attualmente non ha alcuna prospettiva di una tale maggioranza a suo favore. Tra un mese, la Knesset farà una pausa di due mesi prima di tornare in ottobre per una battaglia sul nuovo bilancio. Supponendo che il governo Bennett-Lapid possa vincere, e che tutti gli otto partiti della coalizione siano pienamente investiti nel far passare quel bilancio in modo da poter presentare qualche risultato ai loro elettori, le sue possibilità di sopravvivere almeno fino all’inizio del 2023 aumenteranno drammaticamente. È improbabile che Netanyahu attenda altri 16 mesi di lavoro in opposizione per la sua prossima occasione. Non che stia rinunciando a questa possibilità. Vuole solo fare altre cose nel frattempo. Finché è ancora un legislatore, a Netanyahu è proibito guadagnare qualsiasi altro reddito oltre al suo stipendio parlamentare. Non può nemmeno accettare inviti a volare all’estero per parlare senza ricevere il permesso di un comitato della Knesset. Pensate a tutti gli ingaggi a 6 cifre, ai viaggi di lusso, alle vacanze all’estero pagate da miliardari amici, alle cariche direttive e alle consulenze che si sta perdendo ora, quando il suo potenziale di guadagno è ancora alto. Se il bilancio viene approvato entro novembre, la tentazione sarà troppo grande.

C’è un modo in cui Netanyahu può assicurarsi di guidare ancora il Likud alle prossime elezioni (supponendo che avvengano prima di un verdetto nel suo processo, che probabilmente andrà avanti per almeno altri due anni) ma ha la libertà di godersi un po’ la vita fino ad allora. Non c’è nulla nello statuto del Likud che dica che il leader del partito deve essere anche un membro della Knesset. E proprio per assicurarsi che nessuno abbia l’idea di spodestarlo, Netanyahu sta progettando di tenere una primaria per la leadership del Likud prima di dimettersi dalla Knesset. Questo gli darà la scusa per girare il paese, radunare le truppe e vincere un’altra frana. Poi potrà nominare qualche lealista non minaccioso, probabilmente Yariv Levin, come presidente del parlamento e leader dell’opposizione, mentre il vero leader si dimette dal suo posto alla Knesset e vola via fino alle prossime elezioni. Questo non significa che Netanyahu scomparirà dalla vita politica. Farà delle apparizioni e rilascerà interviste durante le sue soste in Israele e continuerà a fare il ‘signor primo ministro’ ogni volta che sarà nei paraggi. Lo aiuterà anche nei suoi giri di conferenze negli Stati Uniti, dove amano questo tipo di ritenzione del titolo. Ma finché la situazione è ancora buona, Netanyahu si metterà presto in moto”, conclude Pfeffer.

Una previsione che scuote Israele. Perché Netanyahu è un combattente come nessun’altro nell’arena politica israeliana e si sente vittima di una cospirazione che ha delegittimato il voto popolare. Lui non conosce avversari ma solo “nemici” e “traditori”. E il “traditore” capo è colui che tra poco lo sloggerà da Balfour Street, la residenza ufficiale del primo ministro d’Israele: Naftali Bennett. “Bibi” sa che la sua è una corsa contro il tempo e che più dura il “governo del cambiamento” e più si assottigliano le possibilità di un suo ritorno sul “trono” d’Israele. Lui deve  rinsaldare le fila dei suoi fedelissimi, mantenere calda la piazza, lavorare ai fianchi i parlamentari di destra che a fatica hanno votato il governo con dentro i pacifisti del Meretz e un partito arabo israeliano. Per provare a rivincere, “Bibi” deve radicalizzare lo scontro, fomentare la “tribù” degli haredim (gli ultraortodossi) contro un governo avvertito come nemico dell’ebraismo ultraortodosso. Ma Netanyahu sa bene che l’arma più efficace da utilizzare è quella del potere. Un’”arma” che lui ha saputo usare come nessun altro politico israeliano. Senza potere il “Re” è nudo.

 

 

 

https://www.globalist.it/world/2021/06/29/israele-cosi-netanyahu-prepara-la-vendetta-2083222.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.