ISRAELE DEVE LIBERARE TUTTI I BAMBINI DETENUTI PALESTINESI PER LA PANDEMIA DI COVID-19

0
366

tratto da: rete Italiana ISM

https://nwttac.dci-palestine.org/petition

Chiediamo alle autorità israeliane di agire immediatamente per liberare tutti i minori detenuti palestinesi nelle carceri e nei centri di detenzione israeliani a causa della crescente vulnerabilità creata a causa della rapida diffusione globale del virus COVID-19 e per salvaguardare il loro diritto alla vita, alla sopravvivenza, allo sviluppo e salute in conformità con il diritto internazionale.

I bambini palestinesi incarcerati dalle autorità israeliane vivono vicini l’uno all’altro, spesso in condizioni sanitarie compromesse, con accesso limitato alle risorse per mantenere le routine igieniche minime, secondo la documentazione raccolta dal DCIP.

la petizione da firmare al link

L’impatto di COVID-19 è aggravato da queste condizioni di vita che rendono i bambini palestinesi nelle carceri e nei centri di detenzione israeliani sempre più vulnerabili.

Non è in alcun modo possibile che le autorità penitenziarie israeliane possano garantire la salute e il benessere dei minori detenuti palestinesi fintanto che continuano a trovarsi in un luogo di detenzione detentiva.

In un ricapitolo a fine di dicembre 2019, 186 bambini palestinesi strano detenuti nelle carceri israeliane, secondo gli ultimi dati rilasciati dal servizio penitenziario israeliano.

Mentre il diritto internazionale impone che i bambini siano detenuti solo come misura di ultima istanza, la detenzione preventiva cautelare è la norma per i bambini palestinesi detenuti dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata.

COVID-19 nelle carceri israeliane e nelle strutture di detenzione
Quattro prigionieri palestinesi detenuti nel carcere israeliano di Megiddo, situato all’interno di Israele a nord-ovest della città occupata di Jenin in Cisgiordania, sono stati messi in isolamento dopo essere stati in contatto con un ufficiale israeliano positivo al COVID-19, secondo Ha’aretz.

Il carcere di Megiddo è una delle numerose strutture di detenzione situate all’interno di Israele, dove sono detenuti bambini “prigionieri di sicurezza” palestinesi.

A partire dal 19 marzo, 573 israeliani erano risultati positivi al virus COVID-19, secondo Ha’aretz.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha riferito, a partire dal 19 marzo, 47 casi confermati in Cisgiordania, principalmente a Betlemme e in due città vicine. Non sono stati segnalati casi nella Striscia di Gaza, secondo OCHA. Il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il territorio palestinese occupato il 5 marzo nel tentativo di contenere la diffusione di COVID-19.

A partire dal 18 marzo, in tutto il mondo ci sono 191.127 casi di COVID-19 e 7.807 morti, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità

 

Israele deve liberare tutti i bambini detenuti palestinesi per la pandemia di COVID-19

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.