Israele e Palestina : una settimana in foto dal 23 al 29 maggio

sabato 1 giugno 2013

 immagine1

Attivisti palestinesi si confrontono con  i soldati israeliani durante una manifestazione settimanale
contro l’occupazione e il muro di separazione   ad Al Ma’sara, 24 maggio 2013.
Il muro di separazione israeliano, se costruito come previsto, taglierebbe  il paese
fuori dalle sue terre agricole. (Foto di: Ryan Rodrick Beiler / Activestills.org)

immagine2

Rahat e Al residenti Araqeeb insieme con attivisti israeliani, gridano slogan contro
l’imminente decisione di approvare il Piano Prawer, Rahat, Israele, 25 maggio 2013.
(Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

immagine3

Poliziotti di frontiera israeliani stanno accanto a una barricata che brucia dopo aver invaso il villaggio,
durante la manifestazione settimanale a Kfer Qaddum, un villaggio della Cisgiordania
situato ad est di Qalqiliya, il Venerdì, 24 Maggio 2013.
Kfer Qaddum ha iniziato ad organizzare manifestazioni regolari nel luglio 2011
per protestare contro il blocco della strada principale  del villaggio che  collega Nablus.
(Foto di: Yotam Ronen / Activestills.org)

immagine4

Un setter israeliana detiene una bandiera israeliana come soldati stanno all’ingresso
del campo profughi di Al Aroub, nei pressi di Strada 60, nel corso
di una protesta da parte di setter israeliane per spingere
l’esercito a  sparare proiettili veri  contro i palestinesi che  lanciano  pietre
24 maggio 2013. (Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

immagine5

I soldati israeliani spingono un uomo palestinese  e bloccano  una macchina piena di setter israeliani
durante una protesta contro l’occupazione israeliana e gli insediamenti nei pressi
di al Hade, vicino alla strada 60, 24 maggio 2013.
.  (Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

immagine6

Un uomo palestinese  di Az-Zubeidat   a Gerico, si trova accanto alla sua auto
che è stata vandalizzata dai coloni israeliani il 29 maggio 2013.
Cinque altre auto sono state incendiate nel villaggio
in memoria del   colono israeliano Eviatar Borovzky
accoltellato a mort  da un palestinese, un mese fa, in Cisgiordania.
(Photo by ospite fotografo: Tali Mayer / Activestills.org)

immagine7

Itzik Menashe, di Givat Shmuel, barricatosi  nella sua casa il 26 maggio 2013.
Un mandato di sfratto è stato emesso per Itzik e la moglie Lili.
Gli attivisti e i vicini si sono riuniti
nelle prime ore del mattino per resistere allo sfratto e dimostrare i solidarietà
alla  famiglia. (Foto di: Yotam Ronen / Activestills.org)

immagine8

Rovine della casa appartenenti a Rashid Salem Salama Rizat. L’abitazione è stata demolita
dalleautorità israeliane nel piccolo villaggio di Al Jiftlik, Valle del Giordano, 28 mag 2013.
La casa è stata ricostruita solo un anno fa.
Tredici palestinesi sono attualmente  sfollati a seguito della demolizione.
La piccola comunità di Al Jiftlik soffre di demolizioni frequenti da parte delle autorità israeliane.
Molte delle loro case, stalle e recinti degli animali sono costantemente demoliti e così le cisterne
d’acqua  . L’obiettivo   è  spostare i palestinesi della Valle del Giordano.
(Foto di: Anne Paq / Activestills.org)

immagine9

Gli attivisti e residenti locali ricostruiscono  una casa nel villaggio non riconosciuto di Atir,
nel deserto del Negev, dopo che 15 case sono state demolite dall’amministrazione israeliana
due settimane fa, 25 maggio 2013. (Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

immagine10

I manifestanti marciano in Habima piazza a Tel Aviv, durante una protesta contro
la privatizzazione del gas naturale che si trova nel Mar Mediterraneo,
25 maggio 2013. (Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

immagine11

Una donna palestinese che soffre per l’  inalazione di gas lacrimogeni
è seduta  davanti a casa sua mentre i soldati israeliani invadono il campo profughi di Al Aroub
durante gli scontri con i giovani palestinesi, maggio 2013/05/24
. Per diverse settimane l’esercito israeliano ha ripetutamente invaso il campo
per arrestare alcuni giovani. (Foto di: Anne Paq / Activestills.org)

immagine12

Attivisti palestinesi distribuiscono gratuitamente “I Love Palestine” T-shirt
ai turisti di fronte alla Chiesa della Natività in Piazza della Mangiatoia,
Betlemme, West Bank, 24 maggio 2013.
L’azione mira a spiegare  agli  stranieri che Betlemme non si trova nello Stato di Israele,
come viene spesso presentato in mappe e altro materiale turistico.
(Foto di: Ryan Rodrick Beiler / Activestills.org)

immagine13

Gli ulivi di proprietà dei residenti palestinesi di Deir Jarir e Silwads  sono stati  abbattuti
dai coloni israeliani in uno dei loro attacchi dopo la presa in consegna
di una struttura in pietra trasformata in un nuovo avamposto a  Deir Jarir, 23 maggio 2013.
I coloni israeliani hanno creato una nuova avamposto sulle terre palestinesi
un paio di settimane fa  attaccando i pastori palestinesi e il loro gregge,
bruciando le auto dei residenti palestinesi e tagliando gli alberi.
I villaggi di Silwad e Deir Jarir hanno iniziato a organizzare proteste
settimanali contro il nuovo avamposto. (Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

immagine14

Un uomo palestinese si erge sulla cima di una struttura in pietra  usata da contadini palestinesi
nella zona  che i coloni israeliani hanno occupato a  ovest di Deir Jarir, 23 maggio 2013.

(Foto di: Oren Ziv / Activestills.org)

From displacement in the Negev to ‘price tag’ attacks: A week in photos – May 23-29

 

Pubblicato da  

 

http://frammentivocalimo.blogspot.it/2013/06/israele-e-palestina-una-settimana-in.html

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam