Israele ha bisogno di demolitori di blocchi

SABATO 28 GENNAIO 2012

 

 

Uri Avnery – giornalista e pacifista israeliano

 

Israele non ha una politica estera, solamente una politica interna”, Henry Kissinger lo sottolineò, una volta.

Questo è probabilmente, più o meno, vero per tutti i Paesi del mondo dall’avvento della democrazia. In Israele sembra essere ancora più vero. (Ironicamente si potrebbe dire che gli Stati Uniti non hanno una politica estera, solo una politica interna israeliana.)

Per capire la nostra politica estera dobbiamo guardarci nello specchio. Chi siamo? Com’è la nostra società?

In un classico sketch che tutti i vecchi israeliani conoscono, due arabi sono in spiaggia, guardando un battello pieno di viaggiatori ebrei russi che remano verso DI loro: “ Che possa la vostra casa essere distrutta”, li maledicono.

Poi, nello stesso posto, ci sono due viaggiatori ebrei russi che urlano maledizioni in russo a una barca piena di immigranti yemeniti.

In seguito i due sono yemeniti, che maledicono rifugiati ebrei tedeschi in fuga dai nazisti. Quindi ebrei tedeschi che maledicono i marocchini che arrivano. Quando lo sketchuscì per la prima volta, questa era l’ultima scena. Ma ora possono essere aggiunti due marocchini che malediscono gli immigranti dall’Unione Sovietica, e poi due russi che maledicono gli ultimi arrivati: gli ebrei etiopici.

Ciò può essere vero per gli immigranti di tutti i paesi, dagli Stati Uniti all’Australia. Ogni nuova ondata di immigranti è salutata da dileggio, disprezzo e perfino da aperta ostilità da quelli arrivati prima. Quando ero bambino, nei primi anni ‘30, molte volte ho sentito gente gridare ai miei genitori: “Ritorna da Hitler!

Il mito dominante era, ancora, quello del calderone etnico. Tutti gli emigranti sarebbero stati gettati dentro lo stesso calderone, ripuliti delle loro caratteristiche estranee e quindi fatti riemergere come una nuova nazione omogenea, senza nessuna traccia delle origini.

Questo mito morì qualche decennio fa. Israele è ora una specie di federazione di grandi blocchi demografico-culturali che dominano la nostra vita sociale e politica.

Chi sono? Ci sono (1) i vecchi aschenaziti (ebrei di origine Europea); (2) gli ebrei orientali (o sefarditi); (3) i religiosi (in parte aschenaziti, in parte sefarditi); (4) i “russi”, immigranti da tutti i paesi della ex Unione Sovietica; e (5) i cittadini arabo-palestinesi, che non vengono da nessun posto.

Questa è, naturalmente, una presentazione schematica. Nessuno di questi blocchi è completamente omogeneo. Ogni blocco ha vari sottoblocchi; vi sono delle sovrapposizioni e matrimoni tra appartenenti a blocchi differenti. Ma nell’insieme l’immagine è accurata. Il genere non gioca nessun ruolo in questa divisione.

La scena politica è esattamente lo specchio di queste divisioni. Il Partito Laburista fu, nei suoi giorni di gloria, il principale strumento del potere aschenazita. I suoi resti, assieme a Kadima e Meretz, sono ancora aschenaziti. Israel Beytenu di Avigdor Liebermann è composto principalmente da russi. Ci sono tre o quattro partiti religiosi. Quindi ci sono due partiti esclusivamente arabi e il Partito Comunista, che è prevalentemente arabo. Il Likud rappresenta il grosso degli orientali, sebbene la maggior parte dei suoi leaders siano aschenaziti. Le relazioni tra i blocchi sono spesso tese. Proprio ora nell’intero paese c’è dell’agitazione perché a Kiryat Malachi, una città meridionale abitata principalmente da orientali, i padroni di case hanno firmato un impegno a non vendere appartamenti agli etiopi, mentre il Rabbino di Safed, una città settentrionale abitata principalmente da ebrei ortodossi, ha proibito al suo gregge di affittare appartamenti agli arabi.

Ma, oltre la spaccatura tra ebrei e arabi, il problema principale è il risentimento degli orientali, dei russi e dei religiosi contro quello che chiamano l’“elite Ashkenazi”.

Poiché furono i primi ad arrivare molto prima della fondazione dello Stato d’Israele, gli Ashkenazi controllano la maggior dei centri di potere sociale, politico, culturale e tutto il resto. Generalmente appartengono alla parte più affluente della società, mentre gli orientali, gli ortodossi, i russi e gli arabi generalmente appartengono agli strati socio-economici più bassi.

Gli orientali hanno profondi rancori contro gli ashkenazi. Pensano, non senza giustificazione, che sono stati umiliati e discriminati dal loro primo giorno nel paese e ancora lo sono, sebbene molti di loro abbiano raggiunto ragguardevoli posizioni economiche e politiche. L’altro giorno un direttore di primo livello di uno dei più prominenti istituti finanziari ha provocato uno scandalo per aver accusato i “Bianchi” (leggi Ashkenazi) di dominare tutte le banche, i tribunali e i media. È stato immediatamente licenziato e il fatto ha provocato un’altro scandalo.

Il Likud prese il potere nel 1977, detronizzando il Partito Laburista. A parte brevi interruzioni è stato al potere fin da allora. La maggior parte dei membri del Likud pensa ancora che gli Askenazi governano Israele, emarginandoli. Ora dopo 34 anni l’ondata oscura di leggi antidemocratiche provocata dai deputati del Likud è giustificata con lo slogan “Dobbiamo iniziare a governare”.

La scena mi ricorda il cantiere di costruzione di un edificio, circondato da una recinzione in legno. L’imprenditore furbo ha lasciato dei buchi nella recinzione, così i passanti curiosi possono gettare un’occhiata dentro. Nella nostra società tutti gli altri blocchi si sentono come estranei che guardano attraverso i buchi, pieni di invidia per l’“élite” Ashkenazi che sta all’interno e che ha tutte le buone cose. Odiano tutto ciò che associano con questa “élite”, la Corte Suprema, imedia, le organizzazioni dei diritti umani e specialmente il campo della pace. Tutto questo è definito di sinistra, una parola, abbastanza curiosamente associata, con “élite”.

Come “pace” è diventata una parola che si associa con i dominatori e dominanti Ashkenazi.

Questa è una delle grandi tragedie del nostro paese.

Gli ebrei hanno vissuto molti secoli nel mondo musulmano, dove non hanno mai esperimentato le terribili cose commesse dall’antisemitismo cristiano. L’animosità tra musulmani ed ebrei cominciò solo un secolo fa con l’avvento del sionismo e per ovvie ragioni.

Quando gli ebrei iniziarono ad arrivare in massa in Israele dai paesi musulmani, erano impregnati di cultura araba. Ma qui furono ricevuti da una società che disprezzava ogni cosa araba. La loro cultura araba era “primitiva”, mentre la cultura reale era quella europea. Inoltre vennero identificati come musulmani assassini. Così agli immigranti fu richiesto di abbandonare la propria cultura, le loro tradizioni, il loro accento, i loro ricordi, la loro musica. Al fine di dimostrare che erano diventati dei veri israeliani, dovevano odiare gli arabi.

È un fenomeno naturale in tutto il mondo che, in un paese multinazionale, la classe più oppressa della nazione dominante è anche il nemico più nazionalista e radicale della nazione minoritaria. Il risultato è, frequentemente, un razzismo virulento e la xenofobia.

Questa è una delle ragioni per cui gli orientali furono attratti dal Likud, per il quale il rigetto della pace e l’odio degli Arabi erano virtù supreme. Inoltre, essendo stato all’opposizione per lungo tempo, il Likud era visto come il rappresentante degli esclusi e di chi combatteva coloro che erano integrati. Il caso è ancora questo.

Il caso dei “russi” è differente. Erano cresciuti in una società che disprezzava la democrazia e ammirava i capi energici. I “bianchi” russi e ucraini disprezzavano e odiavano la gente “scura” del sud – armeni, georgiani, tartari, uzbeki e simili. ( Una volta ho inventato la formula: “Bolscevismo–Marxismo uguale Fascismo”. )

Quando gli ebrei russi vennero a raggiungerci, portarono con loro un nazionalismo virulento, un completo disinteresse per la democrazia e un odio automatico per gli arabi. Non capiscono proprio perché permettiamo loro di stare qui. Quando questa settimana una signora deputato da San Pietroburgo (sebbene la parola “signora” potrebbe essere un eufemismo) ha svuotato un bicchiere d’acqua in faccia a un deputato arabo, nessuno si è molto sorpreso (qualcuno tirò fuori la battuta:” Un arabo buono è un arabo bagnato”). Per i seguaci di Liebermann, “pace” è una parola sporca, e anche “democrazia”.

Per i religiosi di tutte le sette – dagli ultra–ortodossi ai coloni nazional-religiosi – non ci sono assolutamente problemi. Dalla culla in avanti imparano che gli ebrei sono il Popolo Eletto; che l’Onnipotente ci ha personalmente promesso questa terra, che i gentili, arabi compresi, sono esseri umani inferiori.

Può essere proprio detto, giustamente, che io generalizzo. È vero, lo faccio proprio per semplificare la materia. Veramente, ci sono un mucchio di orientali, specialmente la generazione più giovane, che provano repulsione per l’ultranazionalismo e per il Likud, e ancor di più per il neo-liberismo di Benyamin Netanyahu (che Simon Peres una volta chiamò “capitalismo da maiali”) che è in aperta contraddizione con gli interessi basilari della loro comunità. Ci sono anche molti religiosi corretti, liberali, amanti della pace (mi viene in mente Yeshayahu Leibovitz). Alcuni russi stanno abbandonando il ghetto che si sono autoimposti. Ma questi sono gruppi minoritari nelle loro comunità. Il grosso dei tre blocchi – orientali, russi, religiosi – sono uniti nella loro opposizione alla pace e nella loro più genuina indifferenza alla democrazia.

Tutti questi, insieme, costituiscono la coalizione di destra contro la pace che sta adesso governando Israele. Il problema non è solo una questione di politica, è molto più profondo e molto più scoraggiante.

Molta gente accusa il movimento democratico per la pace di non aver riconosciuto il problema all’inizio e di non fare abbastanza per attrarre la gente dei vari blocchi agli ideali di pace e di democrazia. Inoltre, si dice che non abbiamo mostrato che la giustizia sociale sia direttamente connessa con la democrazia e la pace.

Devo accettare la mia parte di colpe per questo fallimento, anche se potrei sottolineare che, sin dall’inizio, ho cercato di mettere in chiaro questo rapporto. Ho chiesto ai miei amici di concentrare i nostri sforzi sulla comunità orientale, ricordando loro l’età dell’oro della comunità giudaico–musulmana in Spagna, dell’enorme e mutuo impatto tra scienziati, poeti, pensatori religiosi musulmani ed ebrei.

Pochi giorni fa sono stato invitato a dare una lezione in facoltà agli studenti dell’Università Ben Gurion in Beer Sheva. Ho descritto la situazione più o meno con le stesse parole e concetti. La prima domanda che mi è stata rivolta da un pubblico molto numeroso composto da ebrei, sia orientali che aschenaziti, arabi, specialmente beduini, è stata: “Quindi, che speranza c’è? Di fronte a questa realtà, come possono vincere le forze di pace?

Ho detto loro che pongo la mia fiducia sulla nuova generazione. L’estate scorsa il grande movimento sociale di protesta, che fece improvvisamente irruzione e radunò centinaia di migliaia persone, ci fece vedere che sì, può accadere qui. Il movimento unì aschenaziti e orientali, gli accampamenti spuntarono nelle città, a Tel Aviv e Beer Sheva, dappertutto.

Il primo nostro lavoro primo è rompere le barriere tra i blocchi, cambiare la realtà, creare una nuova società israeliana. Abbiamo bisogno di demolitori di blocchi.

Certo è un lavoro spaventoso, ma credo si possa farlo.

*********

Uri Avnery è uno scrittore israeliano, fondatore del movimento per la pace Gush Shalom. Avnery fu deputato del parlamento israeliano, Knesset dal 1965 al 1974 e dal 1979 al 1981.

**********************************************

Fonte: Israel Needs Blockbusters

23.01.2012

Traduzione a cura di FRANCESCO CECCHINI

Pubblicato da  01:35
http://frammentivocalimo.blogspot.com/2012/01/di-uri-avnery-israele-ha-bisogno-di.html

 

 

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam