Israele infuriato per il film di Netflix che ritrae la pulizia etnica della Palestina

576

Articolo pubblicato originariamente su Palestine Chronicle

Un film di Netflix che ritrae le milizie sioniste che uccidono o sfollano centinaia di migliaia di palestinesi durante la Nakba (“Catastrofe”) ha suscitato indignazione in Israele, come riporta The New Arab.

Il film “Farha”, del regista giordano Darine Sallam, ha iniziato ad essere trasmesso su Netflix giovedì, nonostante gli attacchi dei politici israeliani.

Il film è basato su una storia vera, che racconta di una ragazza di 14 anni che assiste all’uccisione della sua famiglia attraverso un buco nel muro di casa sua, dopo che il padre l’aveva nascosta da una milizia sionista scatenata.

In alcune interviste, Sallam ha dichiarato di aver realizzato il film per far luce sulle cause del conflitto e dell’occupazione dei territori palestinesi.

“La storia ha viaggiato negli anni fino a raggiungermi. È rimasta con me. Da bambino avevo paura dei luoghi chiusi e bui e continuavo a pensare a questa ragazza e a quello che le era successo”, ha dichiarato Sallam.

La Nakba ha visto 750.000 palestinesi espulsi dalle loro case dalle milizie sioniste in una campagna che comprendeva omicidi, stupri e minacce di morte.

GUARDA IL TRAILER

 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.