Israele-Iran: LA GUERRA A BASSA INTENSITA’ CHE PUO’ FAR ESPLODERE LA POLVERIERA MEDIORIENTALE – di Umberto De Giovannangeli

544

tratto da: https://www.globalist.it/world/2021/04/19/israele-iran-la-guerra-a-bassa-intensita-che-puo-far-esplodere-la-polveriera-mediorientale-2078726.html

Benjamin Netanyahu fa sul serio. I piani di guerra contro l’Iran sono pronti da tempo e d’altro canto una guerra a “bassa intensità” è già iniziata.

Guerra

Umberto De Giovannangeli

19 aprile 2021

Quando sente aria di crisi e il suo “trono” “traballare, il “Re” si trasforma in “Condottiero”. E rigioca la carta del Nemico esterno, quello ce, nella sua narrazione, sta progettando la “Shoah nucleare”.

Guerra, non giochi.

Benjamin Netanyahu fa sul serio. I piani di guerra contro l’Iran sono pronti da tempo e d’altro canto una guerra a “bassa intensità” è già iniziata.

A raccontarne i caratteri sono due firme di Haaretz, Yossi Melman e Amos Harel.

“L’attacco alla nave spia delle Guardie Repubblicane nel Mar Rosso e il sabotaggio del sito di arricchimento dell’uranio di Natanz – scrive Melman – sono entrambi attribuiti all’intelligence israeliana e, presi insieme alle fughe di notizie su questi attacchi, mostrano che Israele, guidato dal primo ministro Benjamin Netanyahu, sta giocando con il fuoco. I portavoce ufficiali iraniani giurano che l’Iran risponderà. Sulla base dei precedenti, si può credere a loro. Non c’è dubbio che cercheranno una rappresaglia contro Israele, anche se il successo non è assicurato. A differenza degli attacchi aerei in Siria, dove Israele si sente abbastanza al sicuro, il conflitto tra Iran e Israele che va avanti da due anni e mezzo potrebbe andare fuori controllo, portando Israele in un ciclo di violenza in cui non ha necessariamente il sopravvento. Circa il 95% del commercio con Israele avviene via mare. La marina israeliana è relativamente piccola e la sua capacità di proteggere e assicurare il commercio marittimo è limitata, in particolare in aree come l’Oceano Indiano e il Mar Rosso, che sono lontani dalle coste di Israele. Citando una fonte israeliana, il New York Times riferisce che l’obiettivo dell’operazione era la vendetta. Se questo è vero, allora chi ha pianificato e approvato ha aggiunto la beffa al danno. Hanno deviato da quella che è stata la politica standard per decenni. Le agenzie di intelligence e di sicurezza si sono sempre vantate del fatto che le missioni segrete di assassinio e sabotaggio non sono guidate da una sete di vendetta, ma dal desiderio di distruggere, sventare e prevenire future operazioni contro Israele. Anche quando gli obiettivi erano terroristi “con le mani sporche di sangue” (una frase che detesto), la logica dietro la decisione di farli fuori, così si è sempre sostenuto, non era legata alla vendetta per le loro azioni passate. Le decisioni che ordinano operazioni militari, che inviano truppe che rischiano le loro vite, devono essere indipendenti da considerazioni esterne, politiche o di altro tipo, e non devono essere basate su emozioni o impulsi.

Due anni e mezzo fa, su raccomandazione dell’allora capo di stato maggiore dell’IDF Gadi Eisenkot, la leadership politica ha deciso di aumentare la pressione sull’Iran. Le operazioni che fino ad allora erano state condotte per via aerea e a terra – in Siria, al confine con l’Iraq, in Yemen e Libano, e nel cyberspazio, secondo i rapporti della stampa estera – si sono estese anche all’arena navale. I rapporti hanno detto che i commando navali israeliani, con l’aiuto di precise informazioni dell’intelligence militare israeliana e del Mossad, hanno sabotato decine di petroliere iraniane che trasportavano petrolio in Siria. I pagamenti per il petrolio, in sterline siriane, erano utilizzati dalla Forza Al Quds comandata dal generale Qassem Soleimani, assassinato dagli Stati Uniti nel gennaio 2020. Soleimani e i suoi uomini usavano il denaro per finanziare Hezbollah e le milizie sciite in Siria. Tutte le missioni di sabotaggio sono state eseguite con precisione chirurgica. Erano progettate per danneggiare le petroliere senza affondarle e infliggere vittime, ma causando all’Iran un danno economico sostanziale. Si stima che queste operazioni abbiano causato un miliardo di dollari di danni diretti e indiretti alla Forza Al Quds. Israele ha anche sfruttato due opportunità quando aveva informazioni attuali e precise per sabotare armi trasportate su navi iraniane a Hezbollah. La maggior parte delle missioni di sabotaggio si sono svolte nel Mar Mediterraneo, mentre una minoranza si è verificata nel Mar Rosso. Queste operazioni avevano anche un valore psicologico, danneggiando il morale dei comandanti di Al Quds. Queste operazioni sono state coronate da un successo perché l’amministrazione Trump, che è stata messa al corrente dei piani, le ha incoraggiate, e anche perché la segretezza è stata preservata. Le informazioni non sono trapelate in Israele, negli Stati Uniti o in Iran, che ha stretto i denti e ingoiato il suo orgoglio. Dopo il cambio di amministrazione a Washington e con l’avvicinarsi delle elezioni in Iran, i leader di Teheran hanno deciso di non trattenersi più. Il risultato è stato un sabotaggio senza causare grossi danni – una specie di occhio per occhio – a una nave in parte di proprietà del magnate israeliano dell’automobile e delle spedizioni Rami Ungar. Qualche tempo dopo, un lungo articolo apparve sul Wall Street Journal, dicendo che Israele aveva sabotato una dozzina di petroliere iraniane. In risposta, le Guardie Rivoluzionarie colpirono di nuovo, questa volta una nave di proprietà dell’uomo d’affari Udi Engel. Nel frattempo, i rapporti hanno cominciato a moltiplicarsi anche nei media israeliani. Avrebbe dovuto essere chiaro ai decisori in Israele – il primo ministro Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Benny Gantz, il capo di stato maggiore dell’IDF Aviv Kochavi e il capo del Mossad Yossi Cohen – nel momento in cui è apparso il rapporto del Wall Street Journal, che le chiacchiere avrebbero esacerbato le tensioni con l’Iran proprio quando l’amministrazione Biden vuole abbassare le fiamme, in modo da poter negoziare con l’Iran il ritorno all’accordo nucleare originale del 2015 e la rimozione delle sanzioni. Ma in Israele, a quanto pare, non capiscono i suggerimenti, oppure volano con il pilota automatico. Le tensioni con l’Iran sono salite di una tacca questa settimana dopo l’esplosione a Natanz, che ha danneggiato gravemente le centrifughe di arricchimento dell’uranio. Secondo i rapporti interni iraniani, l’esplosione è stata causata dal sabotaggio dei sistemi elettrici del sito.

Va sottolineato che l’idea di sabotare le linee elettriche dell’impianto nucleare è nata circa 20 anni fa: il giornalista americano James Risen ne ha scritto nel suo libro del 2006, “State of War: The Secret History of the CIA and the Bush Administration”. Egli sostiene che la CIA e il Mossad considerarono di sabotare le linee elettriche che portano ai siti nucleari iraniani usando camion carichi di esplosivi che sarebbero stati fatti esplodere da segnali elettromagnetici. La missione di penetrazione fu assegnata al Mossad, che avrebbe dovuto utilizzare i suoi agenti in Iran per lo scopo. Esperti per conto della CIA si recarono in Nevada per testare un modello del sistema elettrico iraniano. Dopo l’esperimento, la CIA concluse che il piano era troppo rischioso e inefficiente, e non poteva e non doveva essere fatto. Il piano fu annullato.

Questa volta, con l’esplosione del sistema elettrico e del suo backup nel sito sotterraneo di Natanz, sembra che il piano sia stato annullato.

Gli episodi oscuri di sabotaggio in Iran, che combinano guerra cibernetica e agenti segreti, sono molto efficienti. L’amministrazione di Biden potrebbe conviverci e persino applaudirvi tacitamente. Ma questo vale solo finché la segretezza viene mantenuta. Le chiacchiere gratuite, che hanno origine dalla fuga di notizie al New York Times, che è diventato una sorta di lavanderia a gettoni per le fughe di notizie israeliane di alto livello, sia in ambito politico che militare, per il proprio arricchimento o per ragioni interne a Israele, sono pericolose.

Una cosa è vedere Netanyahu farlo, perché ha un interesse politico misto a una convinzione messianica di affrontare l’Iran per sventare la possibilità di un accordo diplomatico. Ma perché Gantz e Kochavi stanno dando una mano a questo? Anche Cohen, il capo del Mossad, che si dimette tra poche settimane, ha cambiato il suo approccio combattivo e ora sostiene la necessità di ridurre l’attrito con l’amministrazione americana, nella speranza di convincerla a formulare un nuovo accordo nucleare che sia migliore di quello originale. Nel frattempo, in barba alle operazioni israeliane, l’Iran ha annunciato che da mercoledì inizierà ad arricchire l’uranio al livello del 60 per cento di purezza, dal 20 per cento. Si tratta di una mossa senza precedenti. L’Iran non aveva mai superato la soglia del 20 per cento, né prima dell’accordo del 2015 né dopo, e porterà l’Iran più vicino alla capacità di produrre materiale fissile: una bomba nucleare ha bisogno del 93 per cento. Eppure, gli esperti continuano a credere che l’Iran non aspiri davvero a produrre una bomba: lo sta usando come un’altra merce di scambio nei negoziati per un accordo. Quello che resta è sperare che dopo il sabotaggio della nave, e il clamoroso errore di far trapelare la notizia – che come minimo indica una grave negligenza che avrebbe potuto costare delle vite – Israele concluda che deve smettere di gettare benzina sul fuoco”.

Nella staffetta dell’analisi, ora è il turno di Amos Harel.

“Nelle ultime settimane, secondo i media stranieri, Israele ha accelerato la serie di attacchi contro l’Iran – esordisce Harel-. Dopo una serie di attacchi di commando contro petroliere iraniane che contrabbandavano petrolio in Siria, c’è stata un’esplosione in una nave che fungeva da centro di comando e controllo della Guardia Rivoluzionaria iraniana nel Mar Rosso. E nell’impianto nucleare di Natanz qualcuno ha piazzato una bomba che ha causato gravi danni alle centrifughe per l’arricchimento dell’uranio, un momento dopo che gli iraniani avevano tenuto una celebrazione in onore della Giornata Nazionale del Nucleare.

Ma se questi attacchi sono stati progettati per distogliere gli iraniani dalla loro strada, e per costringerli a fare concessioni durante i rinnovati negoziati sul trattato nucleare, è difficile trovare prove che il metodo stia funzionando. Inoltre, sembra che anche le grandi potenze mondiali non siano convinte. Negli ultimi giorni, sia i membri della delegazione iraniana ai colloqui che i rappresentanti degli Stati Uniti stanno segnalando progressi nei contatti a Vienna, che sono destinati a ripristinare l’accordo nucleare, originariamente firmato nel 2015 dall’Iran e il gruppo di potenze mondiali: Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Cina, Russia e Germania.

Nel frattempo a Beirut, l’agenzia di stampa russa Sputnik ha riferito in arabo che la Russia e l’Iran hanno concordato di costruire una sala operativa congiunta che garantirebbe il movimento delle navi verso la Siria nel Mediterraneo. Se il rapporto si rivelerà affidabile, Israele potrebbe avere difficoltà a continuare gli attacchi, che probabilmente causeranno attriti tra le forze israeliane e le navi russe. Questi due sviluppi possono indicare che Israele, nonostante la sua impressionante capacità operativa, non sta giocando su un campo vuoto e non può dettare da solo l’andamento degli eventi. Non è solo l’Iran ad avere una sua strategia e una caparbia capacità di aderire ai suoi obiettivi. Anche le potenze mondiali non subordinano le loro considerazioni all’agenda del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Per quanto riguarda gli iraniani, c’è stato un accumulo di azioni israeliane che probabilmente richiederanno una risposta ad un certo punto. Ma allo stesso tempo, c’è un obiettivo strategico che la leadership iraniana è determinata a raggiungere – un ritorno degli Stati Uniti al trattato nucleare, una revoca delle sanzioni imposte all’Iran e la garanzia di un accordo che non imponga limitazioni troppo severe sul programma nucleare. Tutte queste cose hanno probabilmente una priorità maggiore del regolamento di conti.

Nel frattempo, il ritiro americano dal trattato nel 2018 (a cui hanno contribuito le pressioni israeliane sull’amministrazione del presidente Donald Trump), ha effettivamente avvicinato l’Iran al nucleare in una certa misura. Se il raggio d’azione iraniano per produrre una bomba era stimato in circa un anno al momento della firma del trattato nel 2015, ora l’accumulo di uranio arricchito (in violazione del trattato) accorcia il raggio a pochi mesi.

Tutti i segni sembrano indicare che gli Stati Uniti sono determinati a continuare nel canale diplomatico per firmare un nuovo trattato. Questo è l’obiettivo posto dal nuovo presidente, Joe Biden, al suo ingresso alla Casa Bianca in gennaio. Durante il fine settimana, il Washington Post ha descritto le relazioni tra Biden e Netanyahu come “meno calde” rispetto alle relazioni con la precedente amministrazione, e ha notato che l’attacco a Natanz ha trasformato la disputa bollente tra le parti in un problema acuto. La mossa israeliana, sostiene il giornale, è vista come un atto di sabotaggio volto a minare i negoziati tra l’Iran e le potenze mondiali. Tutto ciò trasforma le relazioni con Israele in una questione personale per Biden, il cui prestigio è in bilico, perché ha promesso durante la sua campagna elettorale di ripristinare il trattato nucleare.

Nel suo discorso alla vigilia della Giornata della Memoria, Netanyahu ha attaccato ancora una volta l’accordo che si sta formulando e ha dichiarato che Israele non sarà vincolato da esso. Non ha detto se Israele continuerà a cercare di impedirne la firma e l’attuazione. Nel frattempo, ci sono segni di crepe nella coalizione anti-iraniana. Negli ultimi anni si è parlato molto del riavvicinamento tra Israele e l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, con l’incoraggiamento dell’amministrazione Trump. Nel caso degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrein, le cose sono finite con accordi di piena normalizzazione con Israele l’anno scorso.

Ma apparentemente i sauditi stanno già annusando i segni del cambiamento regionale e stanno agendo di conseguenza. Domenica il quotidiano britannico Financial Times ha riferito che per la prima volta in cinque anni ci sono stati colloqui diretti tra i principali funzionari sauditi e iraniani, con la mediazione irachena, alla luce dei cambiamenti nell’amministrazione di Washington e il rinnovo dei colloqui sul nucleare. Un altro importante evento ha avuto luogo domenica. Per la prima volta da mesi il gabinetto di sicurezza di Israele si è riunito a Gerusalemme per discutere gli sviluppi della questione iraniana. La riunione ha avuto luogo solo dopo forti pressioni da parte del ministro della difesa Benny Gantz e del procuratore generale Avichai Mendelblit. Forse loro, come molti altri, temono che Israele venga trascinato in un drammatico cambiamento di politica verso l’Iran senza un sufficiente chiarimento delle questioni.

Tuttavia, il grado di serietà del forum, durante il mandato di un governo di transizione quasi perenne, può apparentemente essere valutato anche dal seguente fatto: nel Likud è stato concordato domenica che i ministri Yoav Gallant e Miri Regev serviranno alternativamente nel gabinetto – una volta lui sarà un membro e lei un’osservatrice, e la volta successiva il contrario. Una soluzione logica, dopo tutto: Il maggior generale (della riserva) che si stava già preparando a diventare capo di stato maggiore, ed era al corrente di tutti i più importanti segreti di Israele, è uguale per importanza alla persona incaricata delle cerimonie. Ma forse questo dimostra che Netanyahu attribuisce a entrambe le loro opinioni lo stesso grado di importanza che attribuisce alle opinioni degli altri ministri del Likud (quasi zero).

Gideon Frank, ex direttore generale della Commissione Israeliana per l’Energia Atomica, ha detto che non vede nessun pensiero strategico al momento in Israele sulla questione iraniana, solo un pensiero tattico. Intervistato domenica alla radio Kan Public Broadcasting Corporation, Frank ha detto che pensa che Israele debba concentrarsi sui tentativi di influenzare la posizione degli Stati Uniti nei negoziati, piuttosto che sulla determinazione dei fatti sul terreno.

L’intervistatore ha chiesto se è preoccupato. “Molto preoccupato”, ha risposto Frank – e la sua risposta sembra rappresentare molti altri ex alti funzionari, che stanno seguendo gli eventi delle ultime settimane con un certo grado di sorpresa, al limite del panico”.

Basta e avanza, è la conclusione che si trae da queste due documentate analisi, per fa scattare l’allarme rosso. La guerra a bassa intensità tra Israele e Iran può far esplodere la polveriera mediorientale.

https://www.globalist.it/world/2021/04/19/israele-iran-la-guerra-a-bassa-intensita-che-puo-far-esplodere-la-polveriera-mediorientale-2078726.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.