Israele, la partita elettorale si gioca a destra. Al peggio non c’è mai fine…

0
195

tratto da: https://www.globalist.it/occhiello/Il%20commento

Per coglierne la portata Globalist si affida ad una delle firme politiche più autorevoli del giornalismo israeliano: Anshel Pfeffer, columnist di Haaretz e corrispondente in Israele per The Economist

Netanyahu

Netanyahu

Umberto De Giovannangeli  26 dicembre 2020

Ormai è una partita che si gioca solo in una parte del campo: quello di destra. Perché l’altro, quello di sinistra, è assolutamente, malinconicamente, drammaticamente, irrilevante. Israele a destra una deriva senza freni. E, almeno per un futuro che si fa presente, irreversibile.

Un solo campo

Per coglierne la portata Globalist si affida ad una delle firme politiche più autorevoli del giornalismo israeliano: Anshel Pfeffer, columnist di Haaretz e corrispondente in Israele per The Economist

Ecco il racconto: “Sheffi Paz, leader della campagna razzista per liberare il sud di Tel Aviv dai richiedenti asilo, si è presa una breve pausa dall’irruzione negli asili e dal terrorizzare i bambini immigrati la scorsa settimana per twittare il suo apprezzamento per Gideon Sa’ar, il nuovo sfidante della premiership di Benjamin Netanyahu. Paz ha elogiato Sa’ar per il suo comportamento politico: ‘Nessun ministro degli Iinterni ha deportato più infiltrati di lui’.  Questo mercoledì Sa’ar ha dato il benvenuto a un altro disertore di alto livello del Likud al suo nuovo partito New Hope: Zeev Elkin, che come ministro incaricato dell’istruzione superiore è stato responsabile di aver recentemente spinto per la  nomina del suprematista ebreo Effi Eitam come prossimo presidente dell’autorità commemorativa dell’Olocausto dello Yad Vashem. L’appassionato discorso d’addio di Elkin del Likud, che scagiona Netanyahu per aver usato l’ufficio del Primo Ministro per proteggersi da accuse di corruzione, avrebbe potuto essere pronunciato da uno degli arrabbiati oppositori di Netanyahu sulla via Balfour di Gerusalemme. Che Sa’ar ed Elkin siano ora i leader della campagna anyone-but-Bibi, che – se i sondaggi sono qualcosa da seguire – ha una buona possibilità di realizzare il suo obiettivo, dice tutto quello che c’è da sapere sulla debolezza della sinistra israeliana.

Suicidio annunciato

“L’elezione della 24a Knesset di Israele il 23 marzo – annota Pfeffer – sarà la prima nella storia del Paese in cui i due partiti con le migliori prospettive di formare una coalizione e di guidare il prossimo governo sono entrambi di destra. Due partiti con ideologie e piattaforme quasi identiche, i cui membri sono cresciuti nello stesso movimento. A meno che i sondaggi non siano estremamente sbagliati, il vincitore delle elezioni sarà il Likud, o il Likud ‘ufficiale’, guidato da Netanyahu, o il Likud di Sa’ar, alias New Hope. Come per le precedenti elezioni, anche questa sarà una questione di sopravvivenza di Netanyahu o di abbandono definitivo della carica. Ma il fatto che la storica missione di porre fine al suo lungo governo sia ora sulle spalle dei suoi avversari a destra è un cambiamento importante.  Questo sarebbe normalmente il punto dell’articolo in cui  tirare fuori un carico di statistiche su come Israele sia andato a destra negli ultimi decenni, ma esse presentano solo una parte del quadro. E dato che le statistiche più affidabili che abbiamo sono le elezioni vere e proprie, va sottolineato che oltre il 45 per cento degli israeliani che hanno votato alle ultime elezioni, appena nove mesi fa, ha votato per una delle tre liste di centro-sinistra – Kahol Lavan, Labor-Gesher-Meretz e la Joint List. E’ più del 40 per cento che ha votato per i tre partiti di destra – Likud, Yamina e Yisrael Beitenu.  Sì, gli israeliani sono più di destra che in passato, ma la ragione principale per cui Netanyahu è rimasto primo ministro per così tanto tempo è che è semplicemente molto più bravo di chiunque altro a costruire coalizioni e ha un’alleanza quasi indissolubile con i partiti ultra-ortodossi. Questo, e la debolezza della sinistra israeliana, che, diciamolo, non è mai stata davvero molto sinistra.

Tornando alla fondazione di Israele, il Labour è sempre stato un partito nazionalista, orientato alla sicurezza, che vedeva Israele come parte integrante dell’Occidente a guida americana. L’unica ragione per cui ci aggrappiamo all’idea che il lavoro sia “lasciato” è che David Ben-Gurion e i suoi colleghi credevano che il modo più veloce per costruire un nuovo Stato ebraico sarebbe stato attraverso un’economia altamente sindacalizzata e, naturalmente, perché il lavoro e i partiti centristi che da allora lo hanno soppiantato hanno il Likud alla loro destra.  Quando il Likud ha vinto le elezioni per la prima volta nel 1977, e ha completato la sua evoluzione da perenne outsider a partito di potere, anche la ‘sinistra’ doveva evolversi. Ma il kibbutzim e le aziende di proprietà della federazione del lavoro di Histadrut che avevano effettivamente costruito lo Stato nei primi anni stavano tutte andando in bancarotta, quindi aveva bisogno di una nuova narrazione. Ci sono voluti 16 anni per svilupparsi. Quando Yitzhak Rabin acconsentì a seguire il processo di Oslo e ad imbarcarsi in un compromesso storico con i palestinesi, la sinistra ebbe finalmente la sua nuova narrazione – erano il ‘campo della pace.  Ma essere il campo della pace non ha funzionato quando non c’è molta pace con i palestinesi di cui parlare, e quando, sotto Netanyahu, Israele ha avuto, se non la pace, molta meno violenza negli ultimi anni rispetto ai precedenti governi Labour e Kadima. Inoltre, Israele ora ha ‘normalizzato’, o è in procinto di normalizzare, i rapporti con sei membri della Lega Araba. Cinque di loro (Egitto, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Sudan e Marocco) sono stati raggiunti sotto il Likud e solo uno (Giordania) sotto il Labour.

Il ‘campo della pace’ sostiene che Israele potrebbe solo evitare uno ‘tsunami diplomatico’ e fare un passo avanti nella regione attraverso concessioni ai palestinesi si è dimostrato falso. E poiché ha messo tutte le sue risorse retoriche e ideologiche in quell’unico paniere, non ha più nulla da offrire agli israeliani.  Non che non ci siano altri modi per cercare di convincere gli israeliani che la fine dell’occupazione di milioni di palestinesi è ancora necessaria. O che non c’è nessun altro programma per cui il centro-sinistra israeliano dovrebbe lottare. Ci sono molte questioni, ma nessuno ha pensato seriamente e si è sforzato di trovare un modo per articolarle. Il centro-sinistra non si definisce più ‘campo della pace’, sarebbe ridicolo in questo momento, ma invece di capire per cosa stia ancora lottando, si è involuto in un campo disfunzionale ‘chiunque tranne Bibi’, che non significa nulla.  In assenza di un coerente piano post-Oslo per porre fine al conflitto con i palestinesi e senza altre politiche da offrire agli elettori, il centro-sinistra ha perso la sua bandiera della pace a favore del Likud di Netanyahu e la leadership del campo ‘chiunque tranne Bibi’ a favore del Likud 2.0 anti-Netanyahu. A meno di tre mesi dalle elezioni e con il centro-sinistra disperatamente diviso in scaglioni di partiti, alcuni dei quali, soprattutto i laburisti, sembrano avere poche possibilità di varcare la soglia elettorale in questo momento, non c’è tempo per proporre un nuovo ordine del giorno. Il meglio che gli elettori di questo campo povero e demoralizzato possono sperare è che i cosiddetti leader di ciò che resta dei laburisti e di Meretz possano accettare che questa sia un’elezione ‘time-out’, poiché non hanno alcuna possibilità di influenzare il risultato, fondere le loro liste e annunciare un periodo di auto-riflessione.

Non sarebbe un danno per la sinistra ebraica della diaspora se anche loro facessero lo stesso. La loro preoccupazione per una sola questione quando si tratta di Israele – il conflitto con i palestinesi – non ha aiutato. Non perché non sia cruciale affrontare la questione. Lo è. Ma finché la sinistra israeliana non troverà il modo di affrontare anche altre questioni urgenti, continuerà a ridursi in irrilevanza. Gli alleati del campo della pace all’estero hanno commesso lo stesso errore di pensare di poter contribuire a generare pressioni su Israele per porre fine all’occupazione. Non è successo e non ci sono segni che funzioni in futuro.

La sinistra non è riuscita a raggiungere la pace ed è stata sconfitta da Netanyahu. Ora è la destra che, si spera, libererà Israele dalla sua maligna presa di potere. Dal momento che la sinistra non può più essere incaricata di farlo, dovrebbe prendersi il tempo necessario per capire come si rende di nuovo rilevante”.

La destra – è questa la dura verità – ha vinto perché ha fatto prevalere, nella coscienza collettiva, Eretz Israel, la Terra d’Israele, su Medinat Israel, lo Stato d’Israele. In questa visione, la Sacra Terra, proprio perché è tale, non è materia negoziabile e chi osa farlo finisce per essere un traditore che merita la morte. Questo, un traditore sacrilego, è stato Yitzhak Rabin per la destra israeliana che ha armato ideologicamente la mano del giovane zelota, Ygal Amir, che mise fine alla vita del premier-generale che aveva osato stringere la mano al “capo dei criminali palestinesi”, Yasser Arafat, riconoscendo nel nemico di una vita, un interlocutore di pace. Israele ha ottenuto successi straordinari in svariati campi dell’agire umano. E’ all’avanguardia mondiale quanto a start up, ha insegnato al mondo come rendere feconda anche la terra desertica e portato a compimento importanti scoperte nel campo della scienza, della medicina, dell’innovazione scientifica. Ma la modernizzazione sociale ed economica non ha mai interagito con la grande questione identitaria. Su questo terreno, la tradizione ha vinto e non ha fatto prigionieri.

Uno sguardo lungo

Così stanno le cose. Per provare a tornare ad una qualche rilevanza, la sinistra dovrebbe avere il coraggio delle idee, di saper andare controcorrente, e di dotarsi di una visione di lungo respiro. Quella delineata da un “Grande d’Israele”, recentemente scomparso: Zeev Sternhell. Così il grande storico israeliano ragionava in una intervista concessa, pochi mesi prima della sua morte, a chi scrive.

“Integrazione o apartheid: tertium non datur. Certo, sul piano dei principi resta la soluzione ‘a due Stati”, e qui c’è la responsabilità storica della comunità internazionale, non solo degli Stati Uniti e dell’Europa ma anche dei Paesi arabi, nel non aver forzato su questo punto quando ne era il tempo. Oggi, di fronte alla realtà degli insediamenti nella West Bank, ad una presenza di oltre 400mila israeliani-coloni, a me pare francamente improbabile, per non dire impossibile, realizzare questa soluzione. Ma a Gerusalemme come nella West Bank, non devono esistere due leggi e due misure, una per i cittadini ebrei e l’altra, penalizzante, per i palestinesi. Ritengo peraltro che la prospettiva di uno Stato binazionale democratico possa essere un terreno d’incontro, di iniziativa comune, tra quanti, nei due campi, credono ancora nel dialogo e nella convivenza. Mi lasci aggiungere che credere in uno Stato binazionale non significa che le comunità che ne fanno parte rinuncino alla propria identità. Integrazione non è sinonimo di omologazione, di azzeramento delle diversità. Io penso che siano nel giusto i Palestinesi a voler essere persone libere e di aspirare al benessere soprattutto per i giovani. Ecco, io credo che, nelle condizioni date, questa aspirazione sia più praticabile in uno Stato binazionale”.

Uno Stato binazionale di nome Israele guidato da un arabo…

“Per quel che conosco della realtà palestinese, non mi pare che sul piano politico sia un monolite, tutt’altro – fu la sua risposta -. E non mi riferisco solo alle divisioni tra le fazioni storiche, Hamas e al-Fatah, ma penso anche a quelle che separano laici e fondamentalisti. E per quanto riguarda Israele, non ne parliamo…Voglio dire che non va dato per scontato che in uno Stato binazionale il voto sia incardinato ad un principio assoluto di appartenenza etnica, che annulli totalmente visioni diverse, spesso opposte, di società, del rapporto tra Stato e religione, di parità di genere, di pluralità culturale che attraversano sia Israele che la società palestinese.  D’altra parte già oggi Israele è uno Stato che ha come terza forza parlamentare una Lista, che già nella sua definizione, Lista Araba Unita, fa riferimento esplicito ad una popolazione, quella araba israeliana, che rappresenta oltre il 20% del Paese. So bene le difficoltà, le resistenze, gli ostacoli da superare, che non sono solo politici ma culturali, identitari. Ma credo anche che questo sia il momento per un Nuovo Inizio. Sin qui si è detto: due popoli, due Stati. E’ tempo di affermare ‘due popoli, uno Stato. Democratico’”.

Le considerazioni di Sternhell dicono che ciò di cui la sinistra, non solo in Israele in verità, avrebbe bisogno, un bisogno vitale, esistenziale, è di trovare uno sguardo lungo, oltre la contingenza e oltre un tatticismo subalterno. Ma questa, per il momento, resta una speranza, da consegnare all’anno che sta per arrivare.

 

 

https://www.globalist.it/occhiello/Il%20commento

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.