Israele, la Russia e l’Ucraina

618

Articolo pubblicato originariamente su Haaretz e tradotto in italiano da Beniamino Rocchetto

Di Gideon Levy

Israele non ha il diritto di criticare la Russia. Un paese che più di una volta si è comportato esattamente come la Russia, scatenandosi, non ha il diritto di criticare aggressioni e invasioni. Un paese che ha imposto un’occupazione violenta per più di 50 anni non può criticare un’occupazione di tre giorni.
La giustificazione della Russia per un’invasione, la propaganda e le bugie, sembrano prese dal manuale di Israele ogni volta che ha invaso Gaza o il Libano. Israele si sente sempre minacciato, proprio come la Russia, ed entrambi negano i diritti nazionali delle persone che occupa. Gli ucraini non sono un popolo, e nemmeno i palestinesi. Israele ha un diritto ancestrale sulla Cisgiordania e la Russia ha un diritto simile sull’Ucraina, e agli occhi di entrambi, questo significa il diritto mendace alla sovranità. Anche la demonizzazione è simile: gli ucraini sono nazisti, i palestinesi sono terroristi; queste sono entrambe menzogne propagandistiche.
Il comico sollievo in questa maledetta guerra è stato fornito dal Ministro degli Esteri Yair Lapid: “L’attacco russo all’Ucraina è una grave violazione dell’ordine internazionale”, ha affermato. Lapid, a quanto pare, non prova vergogna in quelle parole. Potrebbe essere che la sua consapevolezza sia così bassa, o forse è il cinismo, l’ipocrisia e le doppie misure che hanno raggiunto nuove vette?
In ogni caso, l’ordine internazionale secondo Israele è molto flessibile. Un’invasione russa dell’Ucraina è ovviamente una violazione dell’ordine internazionale. Al contrario, l’invasione e l’occupazione israeliana del Libano 18 anni fa è il massimo dell’ordine internazionale. L’ordine internazionale è costituito dalle frequenti invasioni di Gaza, per non parlare dell’evidente ordine internazionale in cui Israele controlla un altro popolo e detiene con la forza i territori occupati per decenni, contrariamente a quanto sostengono tutte le istituzioni internazionali, di fatto, del mondo intero.
Il mondo si oppone ed è sconvolto dall’invasione dell’Ucraina. Si oppone ed è non meno scioccato dall’occupazione di Israele. Il fatto che Israele sminuisca le decisioni della comunità internazionale lo colloca nella stessa categoria della Russia e gli nega il diritto di criticare. La differenza: la Russia apparentemente sarà isolata e penalizzata da dure sanzioni. Israele non è mai stato punito per la sua aggressione e non ha pagato alcun prezzo per aver ignorato le decisioni della comunità internazionale.
La destra in Israele ora critica l’Occidente, che non offre assistenza all’Ucraina. Israele ha mai immaginato di aiutare un altro paese in tempo di guerra, a parte l’invio di ospedali da campo, sempre un bel servizio fotografico? Ci sono israeliani che accetterebbero che i loro giovani combattano per la giustizia ucraina? In caso contrario, come possiamo pretendere questo dai genitori dei giovani americani, francesi o tedeschi?
L’atteggiamento in Israele nei confronti della violenta opposizione all’occupazione grida con doppi criteri. Le azioni del popolo ucraino contro l’occupazione non sono solo legittime, ma anche eroiche. Nessuno immagina di criticare un giovane ucraino che lancia una bottiglia incendiaria contro un carro armato russo. Israele esulterà, elogerà quel giovane come merita. Quel giovane è un eroe e un patriota. E che dire del giovane palestinese che fa la stessa cosa? Ovviamente dovrebbe essere ucciso, è nato per uccidere ebrei innocenti, è un animale, crudele e spregevole. Perché il cuore israeliano è rivolto ai rifugiati ucraini e alle vittime dell’orrore e della paura lì, ma è indifferente alla sofferenza e alla paura a Gaza e all’espulsione dei palestinesi che sono diventati profughi?
La Russia ha promesso che non intende occupare l’Ucraina e colpirà solo obiettivi militari. Suona spaventosamente familiare. La Russia chiede la smilitarizzazione dell’Ucraina e la sostituzione del suo regime. Non è esattamente ciò che Israele chiede a Gaza prima di intraprendere un ennesimo ciclo di uccisioni non intenzionali di centinaia di bambini? Anche il sostegno alla guerra nei media russi ricorda qualcosa. E dopo tutto questo, Israele dovrebbe unirsi al mondo e condannare la Russia? Con quale coraggio?
Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato pubblicato da Verso.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.