ISRAELE NASCONDE 300.000 DOCUMENTI SUI MASSACRI COMPIUTI CONTRO I PALESTINESI

0

Il giornalista ebreo israeliano Asaf Shalev che vive in California, ha scritto che Israele ha nascosto 300.000 documenti sui crimini commessi contro i palestinesi, migliaia di questi documenti  risalgono al 1800,  come riportato questa settimana su +972 Magazine.

Copertina: Memoriale di Kafr Qasem (*)

English version


Febbraio 2019

Shalev ha riferito nell’articolo che, la scorsa estate, gli archivi di stato israeliani hanno declassificato documenti segreti, inclusi quelli  che hanno più di un secolo di vita; tuttavia, ha detto, 300.000 documenti che precedono la creazione di Israele sono rimasti ancora classificati.

L’esistenza stessa dei 300.000 file classificati – i loro nomi, le date e l’origine all’interno della burocrazia statale – era stata tenuta segreta, fino ad ora, in questo articolo riporta che un quinto dei file,  giudicati ancora sensibili dal governo, sono stati esclusi dalla divulgazione.

Archivi palestinesi: un riflesso di una ricca storia

“C’erano molte persone preoccupate per l’apertura di questo catalogo”, come ha riportato l’archivista di stato israeliano Yaacov Lozowick in una dichiarazione che accompagna la pubblicazione.

Shalev ha notato che il più antico di questi documenti, rimasto classificato, intitolato “Parker Report” risale al 1821. Inoltre, ci sono 125 di quelli classificati risalenti al 19 ° secolo e circa 2000 documenti precedenti alla Nakba del 1948.

Ha aggiunto, secondo il  972 Magazine,  che non possiamo accedere ai file così che è impossibile dire perché questi sono ancora inaccessibili oltre 70 , e in alcuni casi, quasi 200 anni dopo.

Tra i documenti non ancora declassificati ci sono quelli su Deir Yassin e Kfar Qasim, i due massacri più noti portati avanti dalle forze israeliane.

(*)

Il massacro di Kafr Qasim si è svolto nel villaggio arabo israeliano di Kafr Qasim situato sulla linea verde, a quel tempo, il confine di fatto tra Israele e la Cisgiordania giordana il 29 ottobre 1956. È stato effettuato dalla polizia di frontiera israeliana (Magav), che ha ucciso civili arabi di ritorno dal lavoro durante il coprifuoco, imposto all’inizio della giornata, alla vigilia della guerra del Sinai, di cui non erano a conoscenza.  In totale sono morte 48 persone, di cui 19 uomini, 6 donne e 23 bambini di età compresa tra 8 e 17 anni. Le fonti arabe di solito danno il bilancio delle vittime a 49, in quanto includono il nascituro di una delle donne.

I poliziotti di confine coinvolti nella sparatoria sono stati processati e giudicati colpevoli e condannati a pene detentive, ma tutti hanno ricevuto il perdono e sono stati rilasciati in un anno. Il comandante della brigata fu condannato a pagare la multa simbolica di 10 prutot (vecchi centesimi israeliani).  La corte israeliana ha scoperto che il comando di uccidere i civili era “palesemente illegale”.

Issachar “Yiska” Shadmi – il più alto funzionario processato per il massacro – dichiarò, poco prima della sua morte, che il coprifuoco e il massacro erano pianificati come fasi all’interno di un’operazione per ripulire etnicamente gli arabi israeliani dalla regione, e che il suo processo era stato organizzato per proteggere l’élite politica e militare israeliana, incluso il primo ministro Ben Gurion, dall’assumersi la responsabilità del massacro.

https://en.wikipedia.org/wiki/Kafr_Qasim_massacre

 

ISRAELE NASCONDE 300.000 DOCUMENTI SUI MASSACRI COMPIUTI CONTRO I PALESTINESI

Israele nasconde 300.000 documenti sui massacri compiuti contro i palestinesi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.