Israele-Palestina: l’ordine naturale dell’occupazione sta volgendo al termine

0
313

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/06/09/israele-palestina-lordine-naturale-delloccupazione-sta-volgendo-al-termine/

https://www.middleeasteye.net/

9 giugno 2021               David Hearst

Una nuova generazione di palestinesi, nata dopo Oslo e scollegata dalla leadership di Ramallah, sta alimentando un cambiamento fondamentale

Un ritratto di Benjamin Netanyahu e Mahmoud Abbas (Illustrazione di Hossam Sarhan/MEE)

I perdenti della guerra di Gaza – Israele e l’Autorità Palestinese (AP) – hanno risposto ciascuno alle manifestazioni che hanno avuto luogo a Gerusalemme, Ramallah e in tutta la Cisgiordania occupata durante quegli 11 giorni con l’uso della massima forza. La “calma” è stata ripristinata nei quartieri palestinesi di città e villaggi in Israele e nella Cisgiordania occupata attraverso arresti di massa.

Secondo l’ultimo conteggio, le forze israeliane avevano arrestato più di 2.100 palestinesi all’interno di Israele, 1800 nella Cisgiordania occupata, a Gerusalemme e all’interno di Israele dallo scorso aprile. Inoltre, il Lawyers for Justice di Ramallah riferisce che 20 palestinesi sono stati arrestati dalla sicurezza preventiva dell’AP, principalmente per “incitamento a conflitti settari” e “calunnia” contro l’AP.

La polizia della stazione di Nazareth ha creato quella che Adalah, il centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, ha chiamato una “sala delle torture”. Secondo quanto riferito, i detenuti sono stati condotti in una stanza sul lato sinistro del corridoio d’ingresso della stazione e costretti a sedersi sul pavimento ammanettati e ad abbassare la testa verso il pavimento.

Gli agenti di polizia poi “hanno iniziato a picchiarli su tutte le parti del corpo, usando calci e mazze, sbattendo la testa contro muri o porte e altro ancora. Gli agenti hanno ferito i detenuti, li hanno terrorizzati e chiunque avesse osato alzare la testa ha rischiato di essere picchiato di nuovo dagli agenti. Secondo gli affidavit, il pavimento della stanza era coperto di sangue dalle percosse”, ha osservato Adalah.

Secondo l’Autorità per gli affari dei prigionieri e degli ex detenuti palestinesi, i recenti arresti in tutto il paese “sono stati accompagnati da attacchi brutali, inclusi insulti, percosse e atti di vandalismo sui contenuti delle case e delle proprietà dei cittadini”.

Ma né Israele né l’AP sono ancora riusciti a ristabilire l’ordine nel modo in cui hanno tradizionalmente inteso il concetto. Questo perché stanno scoprendo che non c’è una “nuova normalità” a cui tornare; qualcosa è radicalmente cambiato.

Il mito dei due stati si sgretola
Lo status quo che per decenni ha servito gli interessi espansionistici di Israele e quelli dei suoi sostenitori occidentali, che hanno nutrito il mito che una soluzione a due stati potrebbe essere raggiunta con il giusto allineamento delle stelle, si sta sgretolando.

Questo status quo è consistito in un ciclo completo del combustibile nucleare: sfratti palestinesi e insediamenti ebraici a fette di salame; brevi campagne di bombardamenti per “falciare il prato” della resistenza armata palestinese; e colloqui che estraggono concessioni cumulative dalla leadership palestinese, ponendo le basi per ulteriori insediamenti, poiché i negoziatori palestinesi avevano già ceduto sul punto.

Molto prima del piano di Netanyahu di annettere gli insediamenti nella Gerusalemme Est occupata, il defunto negoziatore palestinese Saeb Erekat aveva già offerto al suo omologo israeliano, Tzipi Livni, “il più grande Yerushalayim [Gerusalemme] della storia”.

L’ordine naturale dell’occupazione sta volgendo al termine. Sia da parte israeliana che palestinese, il crollo di questo ordine sta avvenendo simultaneamente in processi collegati, ma ancora indipendenti l’uno dall’altro.

Dopo quattro elezioni inconcludenti, lo stesso Israele è in fermento. Al primo ministro designato, Naftali Bennett, e al suo vice a Yamina, Ayelet Shaked, è stata assegnata una protezione extra della polizia poiché il capo dello Shin Bet, il servizio di sicurezza interna di Israele, ha avvertito che l’aumento dell’incitamento sui social media potrebbe portare a “azioni violente” .

Si stanno facendo parallelismi con l’assassinio di Yitzhak Rabin – ma a differenza di quei giorni, quando Israele era dominato da due partiti principali, Laburista e Likud, oggi la Knesset è divisa in vari piccoli partiti. Il più grande è il Likud, che ha vinto 30 seggi nelle ultime elezioni.

Proprio a destra
L’incitamento è orchestrato dal clan attorno al primo ministro uscente, Benjamin Netanyahu. Hagi Ben-Artzi, fratello di Sara Netanyahu, la moglie del primo ministro, ha affermato che l’intenzione di Bennett di collaborare con il centrista Yair Lapid ha incontrato la definizione biblica di “tradimento”. Il figlio di Netanyahu, Yair, ha visto i suoi account Instagram e Twitter sospesi temporaneamente dopo aver pubblicato l’indirizzo di casa di Nir Orbach, un membro della Knesset del partito Yamina.

Facendo eco al rifiuto dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump di riconoscere la sconfitta, Netanyahu ha affermato che Israele è stato testimone della “più grande frode elettorale” della storia. Netanyahu sta trattando la sua imminente cacciata come una minaccia esistenziale per lo stesso Israele, invocando persino la storia di Mosè; quelli che gli si opponevano furono puniti da Dio quando la terra si aprì e li inghiottì.

Eventi apocalittici simili attendono lo stesso Israele. Netanyahu ha descritto il nuovo governo guidato dall’estrema destra di Bennett come un “pericoloso governo di sinistra” sostenuto da “sostenitori del terrore” che sarebbero incapaci di resistere ai nemici di Israele, come l’Iran (uno di quei “sostenitori del terrore” , Mansour Abbas, è un membro palestinese della Knesset che Netanyahu stesso ha assiduamente curato.)

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e Naftali Bennett, allora ministro della Difesa, sono ritratti sulle alture del Golan nel 2019 (AFP)

Meron Rapoport, analista politico, veterano e commentatore di MEE, ha affermato che mentre Netanyahu ha costruito la sua base politica su un’estrema polarizzazione, il discorso dell’odio sta ora mangiando la stessa destra.

“L’incitamento è molto, molto aggressivo. Ma ciò che è interessante è che questo discorso di polarizzazione è entrato nel campo giusto”, ha detto Rapoport, osservando che Netanyahu crede che il suo unico modo per mantenere il potere sia chiamare Bennett un traditore, mentre allo stesso tempo i suoi sostenitori minacciano di uccidere membri della Knesset. “Poiché provengono dallo stesso campo di destra ed erano vicini l’uno all’altro, la rabbia e il senso di tradimento sono ancora più forti”.

Un altro commentatore di MEE, Orly Noy, ha osservato: “Netanyahu ha rotto tutto ciò che era considerato di proprietà statale, come il sistema giudiziario e la polizia. Ciò significa caos completo in tutti i sistemi. Ha rotto tutti gli strumenti che un tempo preservavano lo stato ebraico. E ora stiamo vedendo i frutti del suo lavoro”.

Per Orit Malka Strook, membro della Knesset per il Partito Sionista Religioso, se Netanyahu riuscirà a distruggere il governo di coalizione prima che abbia prestato giuramento, Israele stesso diventerà uno stato fallito. “La metà degli israeliani che hanno votato per il cambio di governo penserà che il governo di Netanyahu sia illegittimo in una situazione che è vicina a come i palestinesi vedono il regime in Israele”, ha detto. “Israele si avvicinerà alla disintegrazione, quindi siamo in un momento drammatico. Se cerca di impedire il cambio di governo, penso che le istituzioni siano abbastanza forti da sovrapporsi a Netanyahu, ma non è certo. È [un] momento molto drammatico e uno dei membri della Knesset potrebbe essere ferito”

Crollo della leadership
Il crollo della leadership politica non è meno significativo da parte palestinese a Ramallah. La leadership dell’AP in generale, e il presidente Mahmoud Abbas in particolare, sta tentando di soffocare un’ondata di rabbia a tutti i livelli di Fatah. La maggior parte sta circolando su gruppi WhatsApp privati.

Un lealista di Fatah, che un tempo ricopriva una posizione di alto livello e parlava in condizioni di anonimato, ha detto a MEE: “La gente di Fatah è molto arrabbiata. Ciò che Hamas sta facendo ora è ciò che fece Fatah durante la Prima Intifada. Fatah credeva nella lotta contro l’occupazione, nella liberazione, nella lotta armata. Ciò che Abu Mazen ha fatto è svuotare Fatah di qualsiasi significato, scopo, lotta per la libertà o la liberazione.

“I tanzim di Fatah sul campo non sono contenti di Abu Mazen e della sua gente. La leadership vuole mantenere lo status quo perché vuole i soldi; vogliono preservare i loro investimenti in accordi di terra. Vogliono mantenere l’occupazione così com’è, perché senza di essa non hanno alcun ruolo”.

Per Biden e Blinken il messaggio è chiaro: sono finiti i giorni in cui la leadership del popolo palestinese poteva essere fissata in anticipo da un candidato gradito a loro e a Israele.
La maggior parte di quella frustrazione è sotto la superficie, ma parte di essa è pubblica. Nasser al-Qudwa, ex membro del comitato centrale di Fatah, rappresentante palestinese presso le Nazioni Unite e ministro degli esteri, è stato espulso da Fatah per essersi rifiutato di candidarsi in una lista guidata dal presidente palestinese, ma si considera ancora membro di “Fatah fino all’osso”. È il nipote del defunto leader palestinese Yasser Arafat.

Gli ho chiesto se l’85enne Abbas fosse ancora in grado di guidare il suo popolo dopo aver rinviato quelle che sarebbero state le prime elezioni palestinesi in 14 anni. Qudwa ha risposto: “Beh, non vorrei personalizzare le cose, ma penso che la situazione attuale sia insostenibile. Abbiamo bisogno di cambiare, e cambiare nella mia mente significa cambiare persone, personalità; cambiare le politiche, così come cambiare le posizioni. La continuazione di ciò che abbiamo ora porterà solo a più problemi e più catastrofi per il popolo palestinese».

Se quelle elezioni fossero andate avanti, Qudwa non ha dubbi che la sua lista avrebbe fatto meglio di quella di Abbas – e che se fossero seguite le elezioni presidenziali e Marwan Barghouti avesse presentato il suo nome dalla prigione israeliana, avrebbe vinto.

I fallimenti di Abbas
Un altro segno dell’autorità prosciugante di Abbas è stata una recente lettera che lo invitava a dimettersi, scritta da importanti accademici palestinesi. Da allora ha raccolto più di 3000 firme. Era, ovviamente, più di una semplice lettera; fu l’inizio di una campagna per ricostruire l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP).

La loro dichiarazione ha rilevato che Abbas è stato l’assente più significativo durante gli eventi recenti, tra cui una rivolta a Gerusalemme per gli sfratti a Sheikh Jarrah e le incursioni di coloni armati nella moschea di al-Aqsa.

“Dopo che la battaglia era finita, Abbas ha aggiunto al suo curriculum politico un altro fallimento non mostrando solidarietà con la sofferenza del popolo palestinese”, affermava la lettera. “Non si è preoccupato di visitare le famiglie dei martiri a Gaza e in Cisgiordania. È stata un’occasione nazionale e d’oro per visitare la Striscia di Gaza, cogliendo questo momento e considerandolo l’inizio della fine della divisione, ma invece ha rivelato la profondità dell’autoparalisi in cui si è messo il presidente».

Una nuova generazione di palestinesi sta alimentando questo cambiamento. Sono nati dopo Oslo e sono completamente disconnessi da Ramallah e dalla sua leadership. Anche Ramallah, considerata la Tel Aviv della Cisgiordania occupata, ha visto manifestazioni di migliaia di palestinesi in un visibile affronto al suo presidente silenzioso e assente. Questo fa male perché è vero, e non viene da Hamas.

Questa generazione si considera un popolo dal fiume al mare. Mentre Abbas chiede il permesso a Israele ogni volta che si sposta con i suoi servizi di sicurezza all’interno della Cisgiordania occupata, questa generazione non si limita ai muri e ai posti di blocco imposti dalla potenza occupante. I gerosolimitani e i palestinesi del 1948 non sono sotto il controllo di Abbas, per non parlare di quello di Fatah o della defunta OLP.

Messaggio chiaro
Abbas non ha nulla da dire a questi palestinesi perché non ha ottenuto nulla per loro. Tre decenni di colloqui dopo il riconoscimento palestinese di Israele non hanno ottenuto altro che la disintegrazione di tutte le istituzioni palestinesi coinvolte nel dialogo: il Consiglio nazionale palestinese, l’OLP e il Consiglio centrale.

“Abbiamo il diritto di fermarci ora e chiederci: qual è il risultato? E cosa ha ottenuto il presidente per il suo popolo? Che diritti ho?” chiedeva la dichiarazione degli accademici palestinesi.

Abbas dovrebbe davvero andare, se non altro per preservare l’eredità di Fatah come organizzazione di liberazione. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo segretario di Stato Tony Blinken – altri due proprietari assenti del conflitto palestinese – non lo salveranno, né lo salverà tutto il denaro delle tasse che Israele gli dà e tutto il patrocinio che ne deriva.

Per Biden e Blinken il messaggio è chiaro: sono finiti i tempi in cui la leadership del popolo palestinese poteva essere fissata in anticipo da un candidato gradito a loro e a Israele. Il modo più rapido per porre fine a questo conflitto è permettere alla leadership di rinnovarsi e lasciare che rappresenti il popolo palestinese.

Abbas e l’intera attuale leadership dell’AP non possono fare né l’uno né l’altro. Mantenerli al potere significa mantenere uno degli ingredienti essenziali dell’occupazione israeliana.

 

 

Israele-Palestina: l’ordine naturale dell’occupazione sta volgendo al termine

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.