Israele : perché mi rifiuto di servire l’IDF.Moriel Zachariah Rothman.

MERCOLEDÌ 17 OTTOBRE 2012

Moriel Zachariah Rothman.

Il mio nome è Moriel Zachariah Rothman. Ho 23 anni e vivo a Gerusalemme. Ho vissuto per la maggior parte della mia vita negli Stati Uniti, ma sono nato a Gerusalemme (e sono ebreo) e sono quindi stato un cittadino israeliano sin dalla nascita. In quanto tale, io, come la maggior parte dei [] altri ebrei israeliani, dovrei servire nell’ IDF. Mi sono trasferito a Gerusalemme lo scorso anno, e di recente ho ricevuto una comunicazione della IDF. Dopo molto pensare, lottare e ricercare, e traendo ispirazione dalla mia comunità e da molti di coloro che hanno fatto la stessa scelta prima di me, ho deciso di rifiutare di prestare servizio nell’esercito.

 

Prima di spiegare la mia decisione, voglio riconoscere sia il mio privilegio sia il fatto che io sono qui per scelta. Per quanto riguarda il primo, sono profondamente consapevole dei privilegi che ho rispetto a molti altri israeliani – privilegi di istruzione, di garanzia finanziaria, di pelle chiara, di circostanza – e quindi voglio chiarire che non vedo la mia decisione di rifiutare come rendermi in qualche modo “più morale” o comunque superiore ai miei coetanei israeliani che hanno scelto di servire. In molti, se non nella maggior parte dei casi, la decisione di servire era appunto una scelta, ed è stata più un prodotto di 18 anni di educazione, di pressione sociale, di propaganda, di minaccia di carcere o pena e la minaccia forse più devastante di stigmatizzazione e di metaforico / spirituale esilio. Mentre ho immensa ammirazione per quei 18enni che hanno effettivamente rifiutato, nonostante tutto quanto sopra, è chiaro che se fossi stato qui quando avevo 18 anni, avrei servito nell’esercito, e probabilmente in un’unità di combattimento , e quindi è probabile nei territori occupati, nonostante le riserve e i conflitti interni (che ho certamente avuto allora, ma che si sono sviluppati e intensificati nel corso degli ultimi cinque anni, grazie a uno studio accademico, l’esposizione diretta a storie diverse, la contemplazione spirituale, le influenze della comunità e molti altri prodotti del mio privilegio).Dunque voglio precisare che la mia decisione di rifiuto è stata strettamente collegata al privilegio e alle circostanze, e quindi che si tratta di un atto di protesta contro ciò che io considero un sistema ingiusto e crudele, e non contro le persone . Tutto ciò detto, mi auguro che la mia azione possa essere un esempio per gli altri (compresi altri immigrati provenienti dagli Stati Uniti che hanno privilegi e opportunità simili), che si porti via un po ‘ di paura e lo stigma che circonda l’idea di rifiuto, e che gli altri saranno, infatti, a seguire lo stesso percorso, così come sto seguendo il percorso di coloro che hanno rifiutato di prestare servizio militare prima di me, qui e nel resto del mondo. 

 

E una parola sulla mia scelta di essere qui: mi sono trasferito qui, in Israele / Palestina, come milioni di altri ebrei nel corso del secolo scorso, perché mi sento in connessione con il popolo e la terra. Ho scelto di essere qui. Ho scelto di condividere il mio destino con il popolo ebraico, nel luogo della terra in cui le decisioni ebraiche – nel bene e nel male – hanno il maggiore impatto. Voglio essere una parte di questa società, e voglio dare il mio contributo alla sicurezza di questa società, con la speranza che si possa liberare dal ciclo di violenza in cui il popolo ebraico è stato collettivamente lanciato, e vivere fino in fondo gli ideali etici scolpiti nei nostri libri sacri e nelle nostre memorie storiche.

 

Invece di aggiungere ancora una goccia alla già schiumosa piscina traboccante di violenza qui, farò del mio meglio per obbedire al comandamento biblico che appare più volte di qualsiasi altro, e cioè cercare di amare e fare giustizia con lo straniero (es. Deut. 10,18;. Zach 7:10). È così che voglio passare la mia vita, e voglio farlo nel paese in cui i valori biblici della giustizia per primi hanno messo radici.

 

Allora perché sto rifiutando?

 

In breve, i motivi sono i seguenti: Dio / Amore, Non violenza, e l’occupazione militare israeliana dei Territori palestinesi.Dio / Amore. 

 

L’umanità è stata creata a immagine di Dio (Gn 1,27). Prendere la vita di una persona è distruggere parte di Dio e diminuire l’Unità che è l’Umanità. Per altre persone decise e imbavagliate – o altri popoli – è dissacrare Dio.Violare la dignità umana è diminuire la santità di Dio. L’unico modo per elevarsi realmente a Dio è attraverso l’amore degli altri. Io cerco costantemente, e costantemente fallisco, e costantemente continuo a cercare di vivere una vita con Dio / gli altri, l’amore al centro. Faccio amare gli altri: anche se questo amore non si manifesta in tutte le mie azioni, e forse neanche in tutti i miei giorni, esiste da qualche parte dentro di me, come penso che sia per tutti. Amo le loro risate, e le loro canzoni, e la morbidezza dei loro occhi. Sono spesso sopraffatto da altri, spazzato via dal divino e da come tutti gli umani sono umani, dal modo in cui siamo tutti confusi, per quanto piccoli. David Foster Wallace, nel suo discorso alla classe di laurea del Kenyon College, nel 2005, sosteneva la necessità di empatia come base comune dell’ umanità e fondamentale non-conoscenza della vita degli altri:

 

“Si può scegliere di guardare in modo diverso a questa grassa, occhimorti, troppo fatta signora che ha appena urlato al suo bambino in fila alla cassa. Forse non è di solito così. Forse lei è stata fino a tre notti di seguito a tenere la mano di un marito che sta morendo di cancro alle ossa. O forse questa signora ha un salario molto basso come addetta al reparto di veicoli a motore, che proprio ieri ha aiutato il vostro coniuge a risolvere un orribile problema di burocrazia, facendola infuriare, attraverso qualche piccolo atto di gentilezza burocratica. Naturalmente, niente di tutto questo è probabile, ma non è neanche impossibile. Dipende da cosa si vuole prendere in considerazione.”

 

Mi rendo conto che potrebbe sembrare come sto andando per la tangente citando quel passo in una lettera del rifiuto, ma sfrutterò un altro privilegio che ho (cioè un soggetto politicamente rilevante e molto controversa che è forse PR & MC abbastanza per convincere alcuni di voi a leggere tutte queste sette pagine) e vi chiedo di stare con me: penso che ci sia una sorta di logica in tutto questo, un filo – di amore, forse, o di devozione, o solo l’umanità, a seconda di come si sceglie di mettere le parole di questa cosa che è – che collega la donna in fila alla cassa al soldato al posto di blocco, e questo mi porta ad un rifiuto deciso a odiare ogni singolo soldato o parteumana del sistema, come io rifiuto di diventare un soldato e parte di un sistema che odio. Davvero: non lo so.

 Una donna palestinese mostra il suo ID di un ufficiale israeliano della Polizia di Frontiera al checkpoint Qalandiya. (Foto: Oren Ziv / Activestills.org)

Non lo so.

Un altro elemento della mia fede in Dio è la inconoscibilità. Il Dio unico che so è un Dio che è quasi del tutto inconoscibile, misterioso, Dio forse in qualche modo si manifesta nel concetto del rabbino Abraham Joshua Heschel di “stupore radicale” alla inconoscibilità mozzafiato di ogni momento e “meraviglia” per il fatto stesso che siamo in grado di meravigliarci. Come Dio è inconoscibile, una profonda umiltà è richiesta a noi mentre cerchiamo di camminare in ciò che pensiamo / sentiamo / senso / credo sia la via di Dio.. Questa inconoscibilità si collega direttamente alla seconda ragione del mio rifiuto, che è un impegno alla non-violenza.

 

Nonviolenza. 

 

C’è la possibilità in ogni momento che tutti noi sbagliamo completamente ed interamente . Che, come la mia amica Sarah mi disse una volta, è parte del motivo per cui dobbiamo scegliere la nonviolenza. Mentre siamo alle prese con la consapevolezza che possiamo sbagliare circa tutto ciò che “sappiamo” o crediamo – anche questa lettera e il mio atto di rifiuto in sé – almeno possiamo essere certi che non stiamo attivamente eliminando dal mondo coloro che potrebbero in realtà essere nel giusto, come misurati da Dio, la giustizia, la storia o qualche altra forza, o mezza giustizia, o l’insieme di coloro con i quali abbiamo trovato un certo grado di giusto.La vera nonviolenza, sulla base di ipotesi plausibili moralmente intuite da parte dei suoi sostenitori su ciò che è giusto, deve essere accompagnata dall’ umiltà. Martin Luther King Jr., nelle sue riflessioni sulla sua visita in India, affermò la necessità di abbracciare il “pacifismo realistico”, un pacifismo che non incornicia la nonviolenza come “senza peccato”, ma piuttosto come “il male minore date le circostanze.” Anzi, se mi rifiuto o no, la gente continuerà a uccidere altre persone – in particolare quelli che sono sicuri di avere ragione. La società israeliana rimarrà afflitta dal militarismo, dalla paura e dalla violenza strutturale dilagante in tutte le società occidentali. Io non mi assolvo da qualsiasi di queste ingiustizie o “pulisco le mie mani” semplicemente rifiutandomi di servire una delle manifestazioni di violenza sociale. Anche il pacifista ha sangue sulle sue mani. Come ebraico – e sionista, anche se in modo molto diverso rispetto alle forme di razzismo e di iper-nazionalismo del sionismo che prendono il centro della scena oggi – il filosofo Martin Buber ha scritto, in un saggio del 1932 dal titolo ‘E se non ora, quando? ‘: “ci può essere vita senza ingiustizia. ” . Così, Buber continua, l’imperativo è di non fare ingiustizia più di ciò che dobbiamo. Ciò vale sia a livello individuale che a livello comune, perchè “ciò che è sbagliato per l’individuo non può essere giusto per la comunità.”

 

Sono giunto a credere, come hanno fatto molti prima di me, sia qui che altrove, che impegnarsi nella nonviolenza è l’unico modo per terminare il ciclo della violenza che ha brutalizzato e continua a distruggere il nostro mondo, questa regione e l’umanità. In altre parole, solo la nonviolenza può porre fine alla violenza. Questa affermazione sembra semplice e poco pericolosa, eppure riecheggia nelle orecchie di molti come minacciosa e sovversiva, porta alcune persone a chiamarmi con orribili nomi e mi dicono che non ho posto in questa società. Nel corso della storia e in tutto il pianeta, tenere ferma la non-violenza è costato spesso un prezzo, dal dolore fisico al pericolo per estraneità dalla società, dalle questioni di lavoro alla perdita di talune libertà e il carcere.nche in questo caso però: il fatto che sono arrivato a un punto in cui io sono disposto a pagare un certo prezzo personale (e si tratta di un prezzo relativamente piccolo rispetto a quello che una tale decisione comporterebbe in gran parte del mondo, il peggior scenario probabile di essere un breve periodo di tempo in prigione militare israeliana) per le mie convinzioni non mi fa “più morale” dei miei coetanei, e, si deve rilevare, è in un certo modo formato dal mio Ego e dalla concezione inflazionata del sé, che certamente si scontra con l’umiltà che mi porta a credere nella nonviolenza, che è una contraddizione che non ho ancora risolto e non so come risolvere – se questa fosse puramente di umiltà, potrei rifiutare in silenzio, e tuttavia, se mi fossi rifiutato in silenzio, l’ azione non avrebbe sicuramente alcun effetto sugli altri, e sarebbe quindi una decisione puramente auto-orientata, che poi sarebbe anche la traduzione di un atto egoistico. E così. Lascio questa contraddizione irrisolta, per ora, ma l’ ho riconosciuta.

 

Per tornare alla non-violenza: le mie idee in merito e l’ammirazione per la non-violenza sono state profondamente influenzate dalla mia ammirazione infantile per il Movimento americano per i diritti civili (una ammirazione promossa e nutrita, interessante, dalla comunità ebraica consolidata, così come la mia famiglia incredibile e la città natale nell’ Ohio ). La mia ammirazione infantile del movimento si sciolse in una esplorazione adolescente testuale che, come molti altri prima di me, mi hanno portato alle opere di Martin Luther King, Jr., così come altri, un po ‘meno noti, ma altrettanto stimolanti come Bob Moses, Fannie Lou Hamer, Vernon Dahmer, Diane Nash e le migliaia e migliaia di eroi non ricordati, e anche gli attivisti ebrei che costituivano una parte sproporzionata dei non-neri cavalieri della libertà e dei diritti civili . King, che ha funzionato come una sorta di portavoce del movimento, ha scritto nel suo libro sul boicottaggio del Montgomery Bus, che la vera violenza “evita non solo la violenza fisica esterna, ma anche la violenza interna dello spirito. L’oppositore nonviolento non solo si rifiuta di colpire il suo avversario, ma si rifiuta anche di odiarlo. “. Mickey Schwerner, uno degli attivisti ebrei assassinati nel Mississippi nel 1964 dai membri del KKK , è stato registrato per aver detto, proprio prima di essere ucciso da un membro del Klan, “Signore, so come lei si sente.”

 

 

Io affermo esplicitamente, se ciò non fosse già stato chiarito, che io non odio i soldati, né odio i coloni. Odio molte delle loro azioni, odio il sistema che sostengono e da cui sono sostenuti, io odio l’oppressione e il razzismo e la separazione e il fatto che oggi il regime di Israele appare, per molti versi, devastante come quello negli Stati Uniti negli anni 1950 e 1960. E io odio, con tutta la mia anima, la peggiore manifestazione di razzismo della mia società, la violenza e l’oppressione, impresa principale della IDF e lo scopo, oggi, nel 2012: l’occupazione militare israeliana dei Territori palestinesi. Il mio rifiuto non è “selettivo. “Mi rifiuterei di servire allo stesso modo nell’esercito degli Stati Uniti i, o nell’esercito turco, o nell’esercito palestinese, se mai succedesse una cosa del genere. Detto questo, è stato mediante la testimonianza della violenza delle azioni dell’esercito israeliano nei territori palestinesi occupati, sia fisici che strutturali, che la mia opposizione di principio alla violenza sistematica è stata forgiata e cementata, ed è stata la professione che mi ha portato alla mia convinzione che gli eserciti non solo sono formati al fine di mettere in atto la violenza, ma in realtà, quando sono immessi in una situazione di tensione, creano, avviano e necessitano di violenza.

 

Occupazione militare israeliana dei Territori palestinesi   

Ho scelto di scrivere per ultimo questo fattore nella mia decisione non perché è in qualche modo meno importante per me – al contrario, è molto più urgente e meno teorico rispetto agli altri due – ma perché è stato creato, nel gran conflitto tra Israele e le comunità del mondo ebraico, da coloro che vedo come i miei interlocutori principali di questa azione e, in generale, di una cultura di negazione radicale, di una istintiva chiusura delle orecchie e del cuore alla maggior parte delle discussioni sull’ occupazione israeliana, e anche per la parola stessa , che sembra, per me, la parola “occupazione” , sia un modo piuttosto docile e sterile per descrivere la situazione attuale in Cisgiordania e Gerusalemme Est (e Gaza. Anche se si tratta di un caso diverso rispetto alle due precedenti aree, Gaza è ancora occupata da aria e da acqua, è economicamente soffocata e dipendente, e i palestinesi che vivono a Gaza collettivamente subiscono la costante minaccia di violenza devastante, più orribilmente illustrata dall’ “Operazione Piombo Fuso” nel 2009. Tutto ciò detto, non sono mai stato a Gaza, e quindi la mia comprensione della occupazione è ampiamente formata dalle mie esperienze in Cisgiordania e Gerusalemme Est e la discussione che segue si concentrerà lì). L’occupazione è il compito primario della IDF, ed è resa possibile dal supporto per l’IDF e delle sue azioni dai conservatori israeliani in tutto il mondo ebraico e liberale allo stesso modo.

 

La mia speranza è che coloro che hanno capito fino a questo punto della lettera, si renderanno conto, almeno a un certo livello, che la mia opposizione alla professione e al ruolo centrale dell’attività dell’IDF discende direttamente dai miei valori ebraici e universali, e avrò quindi un’ apertura po ‘ più ampia nei loro cuori durante la lettura di questa sezione finale di questa lettera.

 

Ma non si può dire con leggerezza, il tempo è da tempo passato per il linguaggio delicato e retorico : l’occupazione è la crudeltà e l’ingiustizia manifesta.

 

L’occupazione è anti-Dio, anti-Amore e incredibilmente, sempre violenta.

 

L’occupazione si basa su un sistema di separazione razziale / etnica che , di fatto, assomigliano all’apartheid in Sud Africa e la segregazione nel sud degli Stati Uniti fino al 1960.E questa occupazione “temporanea” non è “sulla sua via d’uscita”, ma sta piuttosto crescendo in forza ogni singolo giorno.

 

Non vi è quasi nulla di volontà politica all’interno del governo di Israele di farla finita, e l’opinione pubblica israeliana ha ampiamente accettato lo status quo, in cui l’occupazione è fondamentalmente una questione teorica, e di cui molti si sono stancati. Ma l’occupazione può essere solo teorica se non sei occupato, e quindi il mio rifiuto di sostenere l’occupazione servendo nell’ IDF è anche un atto di solidarietà con i palestinesi che vivono sotto l’occupazione, la cui vita e la sofferenza non riesco a capire veramente, proveniente dal privilegio dal quale vengo (se / quando andrò in galera, sarà un’esperienza fondamentalmente meno spaventosa, più privilegiata, più prevedibile, e tutto intorno più facile che le esperienze delle migliaia e migliaia di palestinesi, tra i quali i bambini e gli innocenti, che hanno trascorso del tempo nelle carceri israeliane), e le cui forme di resistenza nonviolenta all’occupazione mi hanno stupito e mi hanno ispirato, sia per mezzo di proteste, o attraverso scioperi della fame, o attraverso lo sviluppo della comunità e l’arte e la cultura, o attraverso l’atto fondamentale di mantenere dignità e bellezza di fronte alla storica ingiustizia e alla sofferenza che i palestinesi hanno dovuto affrontare, continuamente, dal momento della Nakba del 1948, e soprattutto dopo l’inizio dell’occupazione nel 1967.

 

Non ho intenzione di scrivere in modo approfondito sulle specifiche dell’ occupazione in questa lettera (per il mio specifico e nei pensieri di profondità sull’ occupazione, vedere il mio blog, The Wall Leftern , e altri articoli e poesie che ho scritto). Non credo che questa lettera, però lunga e dettagliata, potrebbe da sola spostare il punto di vista di qualcuno che non vede l’occupazione come un disperato, schiacciante male o di chi crede che le azioni dell’IDF nei territori palestinesi sono giustificate o ” necessarie. ”

Ma io credo che si può piantare un seme di discussione in qualche cuore e poche anime. In quanto tale, mi limiterò a raccontare una storia, la cui potenza, a mio avviso, è di gran lunga superiore a abusati argomenti accademici o intellettuali, e dare alcuni consigli di lettura / visione dei materiali che hanno avuto un profondo impatto su di me.Lo scorso inverno, nel villaggio di Silwan a Gerusalemme Est, ho incontrato un ragazzo di quattordici anni, un ragazzo che si chiama “S.” “S” è di altezza media, e ha i capelli corti scuri e occhi color mandorla. E ‘ un po’ schivo e ha un sorriso dolce e avrebbe dovuto finire il suo anno di nono grado. Ma quando ho incontrato “S”, era appena uscito da 30 giorni in una prigione israeliana, dove era stato fisicamente ed emotivamente torturato e abusato, separato dai suoi genitori e dalla famiglia, minacciato con un coltello e con “strumenti elettrici,” a volte tenuto in isolamento. Quattordici anni. Quando è stato rilasciato, è stato subito messo agli arresti domiciliari, e quando l’ho incontrato, gli mancava la fine dell’anno scolastico. Era eccitato di incontrarmi, “S”, e mi chiese se potevo aiutarlo a raccontare la sua storia, e magari aiutarlo a tornare a scuola, e se si potesse fare una foto insieme sul suo cellulare.

 

E poi arriva la domanda: Ma che cosa ha fatto?

 

E la risposta: non importa. Solo in un sistema pieno di discriminazione e di violenza, come l’occupazione, potrebbe consentire ad un ragazzo – che non è nemmeno un cittadino di Israele – di essere tenuto in condizioni terribili. Solo sotto l’occupazione potrebbe esserci una storia del genere, non solo credibile per i palestinesi e per chi lavora con loro, ma in realtà non sorprendente.

 

Per coloro che non hanno avuto il privilegio / onere di assistere in prima persona a questa realtà, però, queste storie sono difficili da digerire. Molte volte ho raccontato questa storia, e la reazione è stata: “Non ci credo”, o come vorrei che non fosse vero “questo non è vero.”.o è. Come lo sono migliaia e migliaia di storie come questa, raccontate e indicibili. L’occupazione, che si basa sulla disparità di trattamento, e soggioga l’intera popolazione palestinese con la forza, non solo permette tali atti di crudeltà, come l’arresto e aver abusato di un ragazzo di 14 anni e poi lo blocca a tornare a scuola: ha bisogno di loro. Ha bisogno di schiacciare i palestinesi alla sottomissione, per tenerli in un costante stato di paura e di incertezza, di trattarli come se fossero in qualche modo meno umani, come se fossero meno meritevoli di diritti e della dignità e della sicurezza. Questo è il compito primario della Forze di Difesa israeliane nei Territori occupati (e quindi il compito primario del periodo di IDF): mantenere i palestinesi in un costante stato di paura, “sh’lo yarimu rosh,” che non è permesso loro di alzare la testa, per mantenere una costante minaccia di violenza e punizioni contro l’intera popolazione.

 

Mi rifiuto di sostenere un sistema che tratta tutti i bambini come se non fossero esseri umani.

 

Parte del mio lavoro è che i lettori , anche se parti di questa lettera risuonano a prendere il tempo per saperne di più circa l’occupazione, sfidino le loro opinioni sulla IDF (e degli eserciti e la violenza in generale) e il suo ruolo nel perpetrare l’ingiustizia. Credo che il modo migliore per conoscere l’occupazione è quello di testimoniare, e ho subito uno dei miei cambiamenti più fondamentali dopo il tour di Gerusalemme Est occupata e Hebron occupata (entrambi, curiosamente, organizzati da ex soldati combattenti). C’erano anche un paio di libri e film che veramente mi hanno aperto e mi hanno dato la possibilità di ascoltare una storia in modo diverso da quella che avevo sentito da fonti ufficiali israeliane ed ebree da bambino, tra i quali Martin Buber “Una terra di due popoli , “(a cura di Paul Mendes-Flohr), S. Yizhar il” Khirbet Khizeh, “Edward Said” A Question of Palestine “, i film” Budrus “di JustVision e” La legge da queste parti “di Ra’anan Alexandrovich e molte poesie di Mahmoud Darwish, in particolare, in questo contesto, “Un soldato sogna di gigli bianchi:”

 

Voglio un bambino sorridente in questo giorno  non un problema della macchina da guerra.

 

Sono venuto qui perché ho pensato a un sole
che si stava avvicinando allo zenit e non al tramonto 

 

Quindi mi rifiuto. Mi rifiuto di servire nell’esercito, di mettermi una divisa, di prendere una pistola. Mi rifiuto di contribuire al ciclo di violenza e di disumanizzazione che affligge questo luogo che amo. Mi rifiuto perché mi piace, e perché credo nella possibilità di una realtà migliore, e perché credo in Dio e nell’umanità e nella nonviolenza e sia perché, come insegna R. Heschel, la disperazione è la cosa più egoista che si possa fare , per dire “questo è difficile per me , “o” sembra a me che la situazione non cambierà mai “, e di essere quindi in grado di servire Dio servendo gli altri. Credo che la situazione possa cambiare. Credo che il mio rifiuto è un piccolo, piccolo, piccolo contributo ad una realtà in cui la violenza è meno normale, meno diffusa, meno accettata. Cerco di rifiutare con più umiltà che riesco a raccogliere, perché io non lo so, su questo o su qualsiasi cosa. Mi rifiuto in solidarietà con i palestinesi che vivono sotto occupazione, e nella speranza che le increspature della mia azione raggiungano i cuori di alcuni membri delle mie società israeliane, ebree e americane ebree. Mi rifiuto di odiare coloro che hanno scelto in modo diverso, e mi auguro che il rifiuto di odiare sarà ricambiato da coloro che non sono d’accordo con la mia decisione.

 

Nella speranza, tristezza, un po ‘ di paura, e l’amore,

Moriel Zachariah Rothman.

Why I Refuse: On God/love, nonviolence and the occupation

traduzione

(angry)

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam