Israele: processi segreti per la detenzione di un operatore di beneficenza palestinese non colpevole condannato con accuse false

0
466

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2020/09/06/israele-processi-segreti-per-la-detenzione-di-un-operatore-di-beneficenza-palestinese-non-condannato-con-accuse-false/

5 settembre 2020

https://www.middleeastmonitor.com/20200905-israel-secret-trials-to-detain-unconvicted-palestinian-charity-worker-on-bogus-charges/

di Asa Winstanley

Forze israeliane arrestano il 64enne palestinese Hayri Khanoun durante una protesta contro il previsto insediamento illegale nella regione, Shufa (Tulkarm), Cisgiordania, 1 settembre 2020 [Nedal Eshtayah / Agenzia Anadolu]

Il rilascio del principale attivista palestinese per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) Mahmoud Nawajaa il mese scorso è stato un gradito promemoria che il potere delle persone può funzionare.

Quando Nawajaa è stato rapito da una banda di soldati israeliani nel cuore della notte alla fine di luglio, il Comitato nazionale per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni in Palestina ha radunato i suoi sostenitori globali.

La chiamata è partita e le persone in tutto il mondo hanno risposto chiedendo il suo rilascio. È stato rilasciato dopo una detenzione di 19 giorni senza accusa né processo.

“L’occupazione israeliana e il regime dell’apartheid coloniale mi hanno arrestato per ostacolare il movimento BDS, distorcere la sua immagine e intimidire i suoi attivisti”, ha affermato Nawajaa.

“La pressione funziona. La pressione sostenuta a livello globale funziona ancora meglio. Sono profondamente grato a tutti coloro che hanno fatto pressioni su Israele, stato di apartheid, per la mia liberazione. La vostra solidarietà mi ha dato forza e mantenuto viva la mia speranza di essere riunito con la mia amorevole famiglia e la più ampia famiglia BDS”.

Per quanto felice sia stato questo evento, Nawajaa è solo uno delle migliaia di prigionieri politici palestinesi detenuti nelle più gravi condizioni nelle prigioni israeliane.

Il gruppo per i diritti dei prigionieri palestinesi Addameer afferma che attualmente ce ne sono 4.500, tra cui 160 bambini, e 360 ​​”detenuti amministrativi”, cioè quelli detenuti a tempo indeterminato senza accusa o processo.

Uno di loro era Daoud Talat Al-Khatib, morto mercoledì all’età di soli 45 anni, per un apparente ictus.

Il Palestinian Prisoners Club ha incolpato Israele per l’incuria medica di Al-Khatib. Mancavano solo pochi mesi alla fine della sua condanna a 18 anni.

È stato un duro promemoria che i prigionieri politici palestinesi sotto occupazione continuano a soffrire, anno dopo anno, mese dopo mese. Il mondo esterno dimentica i loro nomi, ma il popolo palestinese tiene nella massima considerazione i prigionieri della loro lotta di liberazione.

Questa lotta assume tutti i tipi di forme.

Ricordi il nome Mohammed El-Halabi?

E’ stato intrappolato nelle carceri israeliane negli ultimi quattro anni, per il “crimine” di lavorare per un ente di beneficenza.

Mohammed El-Halabi parla chiaro

El-Halabi è il direttore del programma di Gaza dell’associazione di beneficenza cristiana World Vision. Secondo la sua famiglia, El-Halabi è stato torturato perché “confessasse” di aver finanziato il “terrorismo” a Gaza.

Suo padre, Khalil El-Halabi, è un veterano dell’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. Ha detto a The Electronic Intifada di aver insistito sull’inclusione dell’insegnamento dei diritti umani e degli studi sull’Olocausto nelle scuole dell’agenzia.

“Alleviamo i nostri figli a rispettare l’umanità indipendentemente dalla razza o dalla religione”, ha spiegato. “Questo rispetto non è concesso a mio figlio, che è in prigione dove viene torturato fisicamente e psicologicamente per qualcosa che non ha fatto. È questa la pace di cui parla Israele?”

Il giornalista palestinese Amjad Ayman Yaghi ha riferito da Gaza che: “Khalil è convinto che Israele stia usando suo figlio per prendere di mira programmi umanitari a Gaza”.

Sarà molto più facile per Israele frenare i programmi di aiuto internazionale a Gaza se avrà una “confessione” da parte di El-Halabi (non importa quanto sia stato costretto), che si è appropriato indebitamente dei fondi di una grande organizzazione di beneficenza internazionale.

Le accuse di Israele contro El-Halabi sono chiaramente costruite a tavolino e non sono state testate in tribunale. È stato sottoposto a quasi 150 apparizioni in tribunale – per lo più segrete – negli ultimi quattro anni e il suo avvocato è stato sottoposto a restrizioni senza precedenti. Gli è stato offerto un patteggiamento, ma ha rifiutato.

Amnesty International ha condannato il suo internamento, affermando: “I processi segreti sono la più flagrante violazione del diritto a un’udienza pubblica. Tenere questi procedimenti giudiziari a porte chiuse rende infondate le condanne ottenute”.

Le accuse contro El-Halabi non furono nemmeno inventate con molto sforzo. Sono state inventate in modo chiaro e fittizio.

È stato accusato di aver deviato decine di milioni di dollari in aiuti finanziari ad Hamas, il partito politico palestinese al governo nella Striscia di Gaza, che ha anche un’ala armata.

Ma c’è un grosso buco in questa storia: secondo World Vision, l’importo che è stato accusato di rubare era in realtà più del doppio dell’intero budget del programma di beneficenza a Gaza.

Sarebbe stato impossibile che una tale somma “scomparisse”.

Sia World Vision che il governo australiano (che ha finanziato l’ente di beneficenza) hanno condotto indagini approfondite e forensi e hanno ritenuto infondate le accuse israeliane.

Nel 2017, il ministero degli Affari esteri australiano ha autorizzato World Vision ed El-Halabi. “Il nostro audit forense in corso non ha scoperto alcun denaro sovvertito e sentire DFAT [il ministero] dire che questo non è venuto fuori nemmeno dalla loro indagine è un’ottima notizia”, ​​ha rivelato il capo di World Vision Australia.

Per El-Halabi resistere così a lungo alla pressione dei suoi torturatori israeliani è un atto di resistenza al regime di occupazione israeliano, non meno eroico della resistenza armata.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Monitor.

Israele: processi segreti per la detenzione di un operatore di beneficenza palestinese non colpevole condannato con accuse false

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.