Israele sapeva che l’uomo ucciso accusato di “terrorismo” era innocente

0
189

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2020/09/15/israele-sapeva-che-luomo-ucciso-accusato-di-terrorismo-era-innocente/

https://electronicintifada.net

15 settembre 2020      Maureen Clare Murphy

Raid della polizia israeliana a Umm al-Hiran, un villaggio destinato alla demolizione, 18 gennaio 2017. Un residente del villaggio e un agente di polizia sono stati uccisi durante il raid.

Di notte la polizia armata corre davanti alle auto con i fari accesi. Keren Manor ActiveStills

I gruppi per i diritti umani chiedono un’udienza urgente dell’alta corte israeliana sull’uccisione di un cittadino beduino da parte della polizia nel 2017.

Recenti resoconti dei media israeliani suggeriscono nuove prove riguardanti la morte di Yaqoub Abu al-Qiyan e un conflitto di interessi da parte del procuratore dello stato israeliano che ha chiuso le indagini sulla sua uccisione nel 2018.

La petizione all’Alta corte – presentata a nome della famiglia Abu al-Qiyan da Adalah e dal Comitato pubblico contro la tortura in Israele – chiede la riapertura di un’indagine sulle uccisioni e le accuse penali dei responsabili.

Yaqoub Abu al-Qiyan è stato ucciso mentre guidava lentamente il suo veicolo durante un raid violento e pesantemente militarizzato per la demolizione di case a Umm al-Hiran, un villaggio non riconosciuto dal governo israeliano.

Israele ha cercato di espellere i beduini dal villaggio nel deserto del Naqab per costruire al suo posto un insediamento per soli ebrei.

Abu al-Qiyan apparentemente ha perso il controllo del suo veicolo dopo essere stato colpito. La sua macchina ha deviato la sua corsa e ha colpito un agente di polizia israeliano, uccidendolo. Abu al-Qiyan è stato lasciato dissanguare mentre la polizia  impediva ai medici di aiutarlo.

“La vita di Abu al-Qiyan avrebbe potuto essere salvata”, secondo un’indagine di Forensic Architecture, un gruppo di ricerca con sede nel Regno Unito.

Imbrattato come un terrorista

Candida fotografia di un uomo sorridente
Yaqoub Abu al-Qiyan (Mossawa)

La polizia israeliana ha rapidamente dichiarato Abu al-Qiyan un terrorista che stava tentando di uccidere gli agenti quando è stato ucciso a colpi di arma da fuoco – un’accusa negata dai testimoni.

Le successive indagini di Forensic Architecture hanno gettato ulteriori dubbi sulle affermazioni di Israele e hanno suggerito un massiccio insabbiamento.

Il quotidiano di Tel Aviv Haaretz ha riferito all’inizio di questo mese che un alto funzionario dello Shin Bet – l’agenzia di intelligence interna israeliana – ha detto al ministero della giustizia del paese che non c’era motivo di credere che Abu al-Qiyan stesse tentando di attaccare la polizia quando è stato ucciso.

Lo Shin Bet ha stabilito due giorni dopo l’uccisione di Abu al-Qiyan che “non c’erano prove o indicazioni di un attacco terroristico”, ha rivelato Haaretz.

Nonostante questa determinazione, tenuta fuori dalla vista del pubblico fino a questo mese, alti funzionari israeliani hanno proceduto a diffamare Abu al-Qiyan come un terrorista che ha deliberatamente ucciso un agente di polizia e aveva legami con lo Stato islamico.

I funzionari che hanno avanzato queste affermazioni includono il primo ministro Benjamin Netanyahu, il portavoce della polizia Micky Rosenfeld e Gilad Erdan, ora rappresentante di Israele alle Nazioni Unite.

Stavano seguendo un copione spesso usato dopo la morte di un palestinese per mano di soldati e polizia israeliani, come nell’uccisione di Ahmad Erakat in un checkpoint della Cisgiordania occupata lo scorso giugno.

Erakat è stato lasciato morire dissanguato mentre le forze di occupazione gli negavano le cure mediche e impedivano ai medici palestinesi di raggiungerlo.

Il video dell’incidente mostra l’auto di Erakat che si schianta contro un posto di blocco militare israeliano nella Cisgiordania occupata, colpendo un agente della polizia di frontiera che è in grado di rialzarsi rapidamente.

Il video mostra che le forze israeliane hanno sparato a Erakat dopo che era sceso dall’auto con le braccia alzate e mentre si allontanava dagli ufficiali, non rappresentando più una minaccia imminente.

Rosenfeld, il portavoce della polizia israeliana, ha definito Erakat un “terrorista” su Twitter e Israele ha trattato l’incidente come un attacco di auto speronamento.

La famiglia di Erakat contesta le affermazioni di Israele. Il giovane stava facendo delle commissioni prima del matrimonio di sua sorella più tardi nel giorno in cui è stato ucciso.

Il suo corpo è tenuto da Israele, impedendo alla sua famiglia di seppellirlo

Corpi trattenuti
Human Rights Watch ha chiesto a Israele di rilasciare il corpo di Erakat lunedì dopo che Israele ha detto alla sua famiglia che non avrebbe restituito i suoi resti.

L’anno scorso, l’Alta corte israeliana ha approvato il trattenimento da parte del governo dei corpi dei palestinesi uccisi durante quelli che Israele sostiene siano attacchi a soldati e civili.

I membri della famiglia di Erakat sostengono in atti giudiziari di essere stati informati dalle autorità israeliane che il suo corpo non sarebbe stato trasferito per la sepoltura a causa di “considerazioni politiche”.

Erdan, l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, ha dichiarato al momento dell’approvazione della legge nel 2018 che “Per quanto ci riguarda, i corpi di questi terroristi maledetti marciranno”.

Erdan è uno dei principali fautori della politica di trattenere i resti dei palestinesi uccisi.

Ahmad Erakat

Israele sta attualmente trattenendo i corpi di 67 palestinesi uccisi dalle sue forze e ha ritardato il ritorno di oltre 250 corpi dall’attuazione della politica nel 2015. Più di 750 palestinesi sono stati uccisi da Israele dall’ottobre di quell’anno.

Gruppi per i diritti umani hanno affermato che la pratica di trattenere i corpi “equivale a tortura e maltrattamenti delle famiglie delle vittime”.

Israele giustifica la politica come deterrente contro futuri attacchi e cerca di utilizzare i corpi come merce di scambio per garantire il rilascio degli israeliani detenuti a Gaza.

Si ritiene che le autorità di Hamas a Gaza stiano trattenendo i resti di due soldati israeliani uccisi durante la battaglia nel territorio nel 2014, nonché di due civili israeliani con disabilità mentali che sono entrati nella Striscia nello stesso periodo.

I funzionari dell’Unione europea hanno ripetutamente espresso preoccupazione e “solidarietà” per i resti dei soldati israeliani che si ritiene siano detenuti a Gaza. Nel frattempo l’UE ha ignorato la difficile situazione delle famiglie dei civili palestinesi i cui resti sono stati trattenuti da Israele, nonostante abbia affermato di difendere i diritti umani per tutti.

A seguito di un accordo raggiunto nel 2011, centinaia di palestinesi tenuti prigionieri da Israele sono stati rilasciati in cambio di un soldato israeliano catturato  e detenuto a Gaza per cinque anni.

Israele detiene attualmente 4.500 palestinesi nelle sue prigioni e nei suoi centri di detenzione, compresi 140 bambini e 340 detenuti amministrativi detenuti senza accusa né processo.

Israele sapeva che l’uomo ucciso accusato di “terrorismo” era innocente

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.