ISRAELE. Sei prigionieri palestinesi fuggono dal carcere di Gilboa

1
485

tratto da: http://nena-news.it/israele-sei-prigionieri-palestinesi-fuggono-dal-carcere-di-gilboa/

06 set 2021

I detenuti sono evasi intorno alle 3:30 ora israeliana. Tra di loro c’è Zakaria Zubeidi (ex capo dell’ala militare di Fatah, “Le Brigate dei Martiri di al-Aqsa”), e 5 membri del Jihad islamico

.

della redazione

Roma, 6 settembre 2021, Nena News – Proprio come in un film, sei prigionieri palestinesi sono riusciti a scappare stanotte dalla prigione di massima sicurezza di Gilboa nel nord Israele. A dare l’incredibile notizia è stato stamane il servizio penitenziario israeliano. Secondo le poche informazioni finora rilasciate alla stampa, i sei detenuti sono riusciti a evadere la struttura penitenziaria situata tra il mare di Galilea e non lontana dalla città palestinese di Jenin (Cisgiordania occupata) tra le 3:30 e le 4 ora israeliana (le 2:30-3 italiane) scavando un lungo tunnel. Fuori il carcere sono stati ritrovati i vestiti e le scarpe che molto probabilmente appartenevano ai detenuti.

Tra gli evasi c’è Zakaria Zubeidi, ex comandante dell’ala militare di Fatah (Le Brigate dei Martiri di al-Aqsa), condannato all’ergastolo per diversi attacchi armati. Gli altri cinque sono membri di Jenin del gruppo palestinese del Jihad Islamico. Anche loro scontavano l’ergastolo.

Ora è caccia ai fuggitivi: oltre a numerosi agenti di polizia, sono state dispiegate anche unità dell’esercito. I media locali riferiscono che potrebbero essere creati checkpoint nell’area di Jenin. A partecipare alle operazioni, c’è anche lo Shin Bet (i servizi segreti interni) secondo cui i 6 prigionieri potrebbero essere fuggiti a Jenin. Nena News

 

http://nena-news.it/israele-sei-prigionieri-palestinesi-fuggono-dal-carcere-di-gilboa/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

1 commento

  1. L’anelito di libertà è quello della Palestina, analogo al sentimento che pervade il popolo afgano non da oggi privato dei suoi diritti e tutte le genti oppresse dal dominio ingiusto e feroce del potere capitalistico coloniale occupante. Questi sei ergastolani per volere della micidiale entità sionista non stanno recitando un colossal bensì sono i partigiani di questo tempo e forniscono l’esempio di coloro i quali posseggono la dignità di non arrendersi consapevoli della legittimità della lotta intrapresa contro l’usurpatore.
    La peggiore genie inumana-IDF, Shin Bet,, Servizi ANP, collaborazionisti- darà loro la caccia e, una volta scovati, soddisferà per l’ennesima volta il proprio sadismo.
    Sia ben chiaro: nessuno di questi rifiuti umani potrà mai competere con il coraggio e la levatura di simili eroi.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.