ISRAELE STA PERDENDO LA BATTAGLIA PER OSCURARE IL SUO CARATTERE DI APARTHEID

0
249

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/41444

16/01/2021

Un nuovo rapporto del gruppo per i diritti B’Tselem renderà più difficile  accusare i critici di Israele di antisemitismo per aver sostenuto che Israele è uno stato razzista

Fonte: English Version

Jonathan Cook – 14 gennaio 2021

Immagine di copertina: Il muro di separazione israeliano fotografato l’11 febbraio 2020 (AFP)

Per più di un decennio, una manciata di ex politici israeliani e diplomatici statunitensi identificati con quella che potrebbe essere definita l’”industria del processo di pace” hanno avvertito a intermittenza che, senza una soluzione a due stati, Israele era  in pericolo di diventare uno “stato di apartheid” .

I più importanti tra loro includevano Ehud Barak ed Ehud Olmert, due ex primi ministri israeliani, e John Kerry, che è stato segretario di stato dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Il tempo sta rapidamente scadendo, hanno dichiarato tutti in passato.

La loro preoccupazione principale, a quanto pare, era che senza l’alibi di una sorta di stato palestinese – per quanto circoscritto e debole – la legittimità di Israele come “Stato ebraico e democratico” sarebbe stata sempre più sotto esame. L’apartheid arriverà, si sostiene, quando una minoranza di ebrei israeliani governerà sulla maggioranza dei palestinesi nell’area tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano controllata da Israele.

Soglia demografica

La minaccia dell’apartheid è stata esercitata dal cosiddetto “campo della pace” nella speranza di mobilitare la pressione internazionale sulla destra israeliana, guidata dal primo ministro Benjamin Netanyahu. L’obiettivo era quello di costringerlo a fare sufficienti concessioni affinchè la leadership palestinese acconsentisse a uno staterello smilitarizzato, o a staterelli, su frammenti della patria palestinese originale.

Nel frattempo, le tendenze demografiche sono continuate a ritmo sostenuto e la destra israeliana ha ignorato tutti gli avvertimenti, preferendo invece perseguire le proprie ambizioni del Grande Israele. Ma stranamente, il momento dell’apartheid non è mai arrivato per il “campo della pace” israeliano. Invece, le sue espressioni di preoccupazione per l’apartheid sono svanite nel silenzio, così come le preoccupazioni espresse per una maggioranza demografica palestinese.

 Che senso avrebbe avuto, nell’ex Sudafrica, affermare che l’apartheid esisteva solo nei Bantustan o nelle township nere, esentando le aree bianche?

Questo approccio del tutto cinico alla statualità palestinese è stato molto tardivamente spazzato via questa settimana con la pubblicazione di un rapporto di B’Tselem, il più importante e rispettato gruppo israeliano per i diritti umani. Ha rotto i ranghi per dichiarare ciò che era ovvio da molti, molti anni. Israele ha creato una realtà permanente in cui ci sono due popoli, ebrei e palestinesi, che condividono lo stesso spazio territoriale, ma “un regime di supremazia ebraica” è stato imposto dalla parte più forte. Questo si qualifica inequivocabilmente come apartheid, ha detto B’Tselem.

Contemporaneamente respinge il sofisma che l’apartheid si riferisca a una scadenza demografica egoistica – che non si materializza mai – piuttosto che alle pratiche e politiche esplicitamente segregazioniste che Israele ha applicato in tutti i territori che governa. Respinge anche le argomentazioni fatte dai partigiani di Israele all’estero secondo cui Israele non può essere uno stato di apartheid, perché non ci sono cartelli “solo bianchi” in stile sudafricano sulle panchine dei parchi.

Hagai El-Ad, direttore esecutivo di B’Tselem, osserva che la versione di Israele – “l’apartheid 2.0, se volete – evita certi tipi di bruttezza … Che le definizioni di Israele non dipendono dal colore della pelle non fa differenza sostanziale: è la realtà suprematista che è il nocciolo della questione. ” Il rapporto conclude che il limite per l’apartheid è stato raggiunto dopo aver considerato “l’accumulo di politiche e leggi che Israele ha escogitato per rafforzare il suo controllo sui palestinesi”.

Analisi audace

Ciò che forse è più audace dell’analisi di B’Tselem è la sua ammissione che l’apartheid esiste non solo nei territori occupati, come in precedenza era stato osservato anche dall’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter. Descrive l’intera regione tra il Mediterraneo e il fiume Giordano – che comprende sia Israele che i territori palestinesi – come un regime di apartheid. In tal modo nega le affermazioni di Israele di essere uno stato democratico anche all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti.

B’Tselem ha abbandonato la pretesa che l’apartheid possa essere limitato ai territori occupati, come se Israele – lo stato che governa i palestinesi – fosse in qualche modo esente dall’essere classificato come parte integrante dell’impresa di apartheid che istituisce e supervisiona.

Questo è sempre stato ovvio. Che senso avrebbe avuto nell’ex Sudafrica affermare che l’apartheid esisteva solo nei Bantustan o nelle township nere, escludendo  le aree bianche? Proprio nessuno. Eppure, Israele se l’è cavata esattamente con questa chiara casistica per decenni – in gran parte aiutato dal “campo della pace”, incluso B’Tselem.

Lavoratori palestinesi attraversano il checkpoint di Nilin il 18 marzo 2020 (MEE / Mohammad Abu Zaid)

Ora, B’Tselem osserva: “Gli ebrei vivono la loro vita in un unico spazio contiguo dove godono di pieni diritti e autodeterminazione. Al contrario, i palestinesi vivono in uno spazio che è frammentato in più unità, ciascuna con un diverso insieme di diritti – dati o negati da Israele, ma sempre inferiori ai diritti accordati agli ebrei “.

L ‘”ideologia suprematista ebraica” di Israele si rivela nella sua ossessione per la terra “giudaizzante”, nelle sue leggi e politiche sulla cittadinanza bifronte che privilegiano solo gli ebrei, nei suoi regolamenti che limitano il movimento ai soli palestinesi e nella sua negazione della partecipazione politica ai palestinesi. Queste politiche discriminatorie, osserva B’Tselem, si applicano anche al quinto della popolazione israeliana che è palestinese e ha la cittadinanza israeliana nominale.

El-Ad conclude: “Non c’è un solo pollice quadrato nel territorio controllato da Israele in cui  un palestinese e un ebreo sono uguali. Qui le uniche persone di prima classe sono cittadini ebrei come me “.

Occupazione permanente

Ciò che B’Tselem ha fatto è far eco alle argomentazioni a lungo avanzate dagli accademici e dalla società civile palestinese, compreso il movimento internazionale di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS), secondo cui Israele è una società colonialista di coloni.

In una risposta via e-mail al rapporto, Omar Barghouti, uno dei fondatori del movimento BDS, ha detto che esso ha contribuito a porre fine alle “bugie viziose e profondamente razziste sulla non così perfetta democrazia israeliana,che ha un problema chiamato” occupazione ‘”.

Il rapporto B’Tselem osserva che, mentre l ‘”occupazione” dovrebbe essere una situazione temporanea, Israele non ha intenzione di porre fine al suo dominio militare sui palestinesi, anche dopo più di cinque decenni. Uno stato palestinese non è concepibilmente nell’agenda di nessun partito israeliano in  corsa per il potere e nessuno, che nella comunità internazionale abbia un qualche potere, ne chiede uno. La soluzione dei due stati è stata sommersa nell’oblio.

Per questo motivo, sostiene, tutto Israele e i territori palestinesi sotto occupazione sono organizzati “secondo un unico principio: avanzare e cementare la supremazia di un gruppo – gli ebrei – su un altro – i palestinesi”.

Ci sono buone ragioni per cui B’Tselem  ha scagliato il proiettile adesso, dopo decenni di equivoci sia da parte sua che dal resto del campo pacifista israeliano. In primo luogo, nessuno crede veramente che Israele subirà pressioni dall’esterno affinché conceda uno stato palestinese. Il cosiddetto “piano di pace” di Trump, svelato un anno fa, ha dato a Netanyahu tutto ciò che voleva, compreso il sostegno per l’annessione di aree della Cisgiordania su cui sono stati costruiti insediamenti illegali.

Quattro anni di Trump e il reclutamento di gran parte del Golfo dalla parte di Netanyahu, hanno spostato molto il discorso dagli sforzi per garantire lo stato palestinese. Ora, l’attenzione è sul modo migliore per ritardare il passaggio di Israele verso l’annessione formale. Il presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden cercherà nella migliore delle ipotesi di riportare le cose allo stato in cui si trovavano prima che Donald Trump entrasse in carica. Nel peggiore dei casi, acconsentirà tranquillamente a tutti o alla maggior parte dei danni che Trump ha inflitto alla causa nazionale palestinese.

Profondamente isolato

In secondo luogo, B’Tselem e altri gruppi per i diritti umani sono ora più isolati che mai in Israele. Semplicemente nel Paese non c’è un collegio elettorale politico che sostenga la loro ricerca sugli abusi sistematici dei palestinesi da parte dell’esercito e dei coloni israeliani. Ciò significa che B’Tselem non ha più bisogno di preoccuparsi di messaggi che potrebbero inimicarsi la sensibilità della cosiddetta “sinistra sionista” di Israele, perché non è rimasto alcun campo di pace significativo da alienare.

La scomparsa di questo campo pacifista, per quanto inaffidabile, è stata sottolineata dalle elezioni generali israeliane previste per la fine di marzo. La battaglia per il potere questa volta è combattuta tra tre o quattro partiti di estrema destra che sostengono tutti l’annessione, se pure a vari livelli.

Gli apologeti di Israele dovranno ora affrontare il difficile compito di dimostrare che B’Tselem è antisemita, insieme agli attivisti della solidarietà palestinese che citano il suo lavoro

La sinistra israeliana ha cessato di esistere a livello politico. Comprende una manciata di gruppi per i diritti umani e legali, per lo più visti dal pubblico come traditori che si suppone si intromettano negli affari di Israele per conto degli interessi “europei”. In questa fase, B’Tselem ha poco da perdere, in quanto è quasi del tutto irrilevante all’interno di Israele.

In terzo luogo, e di conseguenza, l’unico pubblico per l’attenta ricerca di B’Tselem che denuncia gli abusi israeliani è all’estero. Questo nuovo rapporto cerca di innescare  un dibattito su Israele, in parte tra gli attivisti della solidarietà palestinese all’estero. Le loro campagne sono state ostacolate dall’incapacità della leadership palestinese di Mahmoud Abbas di segnalare dove dirigere gli sforzi, ora che le prospettive per uno stato palestinese sono svanite.

Gli attivisti sono stati anche costretti al silenzio dalle calunnie delle lobby pro Israele negli Stati Uniti e in Europa, che hanno definito  qualsiasi critica a Israele come antisemita. Questi insulti sono stati implacabilmente lanciati contro il partito laburista britannico di Jeremy Corbyn a causa del suo sostegno alla causa palestinese.

Rompere un tabù

Definendo Israele uno stato di apartheid e un “regime di supremazia ebraica”, B’Tselem ha smentito l’affermazione della lobby israeliana – sostenuta da una nuova definizione promossa dall’International Holocaust Remembrance Alliance – secondo la quale  è antisemita suggerire che Israele sia una “entità razzista”.

B’Tselem, una veterana organizzazione ebraica israeliana con una profonda esperienza in diritti umani e diritto internazionale, ha ora dichiarato esplicitamente che Israele è uno stato razzista. Gli apologeti di Israele dovranno ora affrontare il difficile compito di dimostrare che B’Tselem è antisemita, insieme agli attivisti della solidarietà palestinese che citano il suo lavoro.

Manifestanti palestinesi affrontano soldati israeliani durante una protesta nella Cisgiordania occupata il 29 gennaio 2020 (AFP)

Il rapporto ha anche lo scopo di raggiungere i giovani ebrei americani, che sono più disposti dei loro genitori a mettere in primo piano i maltrattamenti dei palestinesi e a rinunciare all’idea sionista che Israele sia  il loro rifugio in tempi di difficoltà.

È significativo che il rapporto B’Tselem sia uscito sulla scia di due saggi rivoluzionari pubblicati la scorsa estate dall’influente giornalista ebreo americano Peter Beinart. In essi, Beinart ha infranto un tabù nel mainstream ebraico degli Stati Uniti dichiarando morta la soluzione dei due stati e invocando un unico stato democratico per israeliani e palestinesi.

Senza dubbio, è servito come campanello d’allarme per gruppi israeliani come B’Tselem il fatto che il dibattito su Israele stia  proseguendo negli Stati Uniti e stia diventando molto più polarizzato. I gruppi israeliani per i diritti umani devono impegnarsi in questo dibattito, non evitarlo.

Battaglia per l’uguaglianza

C’è una possibile lacuna nella posizione di B’Tselem. Il rapporto rivela una reticenza a concentrarsi sui risultati. Da nessuna parte è esclusa la soluzione dei due Stati. Piuttosto, il rapporto osserva: “Ci sono vari percorsi politici per un futuro giusto”. Le dichiarazioni di El-Ad a Middle East Eye indicano che la sua organizzazione potrebbeancora sostenere un quadro di pressione internazionale per un cambiamento incrementale e frammentario nelle politiche israeliane che violano i diritti umani palestinesi.

Questo è ciò a cui gli Stati occidentali, in particolare l’Europa, hanno prestato voce per decenni, mentre l’apartheid israeliano si radicava.

B’Tselem spera forse che le sue critiche all’apartheid si dimostreranno più efficaci degli avvertimenti di Barak e Olmert sull’apartheid, galvanizzando finalmente la comunità internazionale all’azione per spingere per uno stato palestinese? In tal caso,  ciò che farà Biden dovrebbe presto dissipare tali illusioni. El-Ad osserva che l’obiettivo ora è “un rifiuto della supremazia, costruito su un impegno per la giustizia e sulla nostra umanità condivisa”.

Ciò non può accadere nel quadro dei due Stati, anche nell’insostenibile presupposto che la comunità internazionale si mobiliti seriamente a favore della statualità palestinese, contro la volontà di Israele. Allora perché non dirlo esplicitamente? I migliori scenari a due stati che ci sono sul tavolo sono per uno stato minuscolo, diviso, smilitarizzato, pseudo-palestinese senza controllo sui suoi confini, spazio aereo o frequenze elettromagnetiche.

Ciò non offrirebbe “giustizia” ai palestinesi né riconoscerebbe la loro “umanità condivisa” con gli ebrei israeliani.

Per quanto sia gradito il nuovo rapporto, è tempo che B’Tselem – così come gli attivisti della solidarietà palestinese che guardano all’organizzazione – respingano esplicitamente qualsiasi ritorno a un “processo di pace” premesso sulla fine dell’occupazione. La logica di un’analisi dell’apartheid deve essere seguita fino in fondo. Ciò richiede l’adesione inequivocabile a uno Stato unico democratico che garantisca uguaglianza e dignità per tutti.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Eye.

Jonathan Cook, giornalista britannico con base a Nazareth dal 2001, è l’autore di tre libri sul conflitto israelo-palestinese. Ha vinto in passato il Martha Gellhorn Special Prize for Journalism. Il suo sito web e il suo blog possono essere trovati su: www.jonathan-cook.net

 

Trad: Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” –Invictapalestina.org

 

Israele sta perdendo la battaglia per oscurare il suo carattere di apartheid

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.