Israele uccide 6 palestinesi in 24 ore

0

Di Maureen Clare Murphy
Rights and Accountability
18 settembre 2018

Martedì un uomo palestinese è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dalla polizia israeliana vicino alla Porta di Damasco nella città vecchia di Gerusalemme, in un presunto tentativo di accoltellamento all’inizio della festa dello Yom Kippur.

La polizia israeliana ha detto che l’uomo ha afferrato un ebreo, lo ha buttato a terra e poi è corso verso gli agenti che gli hanno sparato mentre agitava un oggetto appuntito.

Un testimone palestinese ha detto all’agenzia di stampa AFP che “il presunto aggressore non stava tentando di pugnalare nessuno, anzi “si stava difendendo da un civile ebreo”.

I media palestinesi hanno identificato l’uomo ucciso come Muhammad Yousif Alayan dal campo profughi di Qalandiya vicino alla città occupata di Ramallah, nella West Bank:

Diversi colpi di pistola possono essere ascoltati in più video dalla scena.

Altri video mostrano Alayan che giace immobile sulla strada perché nessun tentativo è fatto dalla polizia israeliana per prestargli il primo soccorso:

La polizia israeliana ha pubblicato un video che include riprese dell’incidente da parte della telecamera di sicurezza da più angolazioni. Il video mostra anche l’oggetto, apparentemente un cacciavite, che Alayan presumibilmente stava tenendo in mano quando gli hanno sparato.

Nessun israeliano è stato riportato ferito.

Alayan è il terzo palestinese ad essere ucciso quest’anno nel corso di un presunto attacco di coltello a Gerusalemme est occupata .

Abd al-Rahman Bani Fadel, 28 anni, ha pugnalato e ucciso un colono vicino all’ingresso della moschea di Al-Aqsa nella Città Vecchia di Gerusalemme, prima di essere ucciso a colpi di arma da fuoco dalla polizia a marzo.

Il mese scorso, Ahmad Mahamid, un cittadino israeliano palestinese di 30 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dopo aver tentato di pugnalare la polizia nella Città Vecchia. La sua famiglia ha detto che l’accoltellamento non era motivato politicamente e che Mahamid era malato di mente.

Domenica, un uomo americano con cittadinanza israeliana è stato pugnalato e ucciso da un palestinese di 16 anni in un insediamento in Cisgiordania. L’aggressore palestinese è stato colpito diverse volte, ma è sopravvissuto ed è attualmente detenuto in un ospedale israeliano.

Quattro uccisi a Gaza. Un bambino muore per le ferite

Sempre martedì, Muhammad Zaghloul al-Khatib al-Rimawi, 24 anni, è morto dopo essere stato picchiato dai soldati nella sua casa nella West Bank occupata.

Nel frattempo, le forze di occupazione israeliane hanno ucciso quattro palestinesi nella Striscia di Gaza nell’arco di 24 ore lunedì e martedì.

Martedì due palestinesi sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco da soldati israeliani nel nord di Gaza.

Il ministero della salute di Gaza ha identificato gli uomini uccisi come Muhammad Ahmad Abu Naji, 34 anni, e Ahmad Muhammad Muhsin Omar, 20 anni.

I due erano tra le centinaia che protestavano contro il blocco di Israele, ora all’undicesimo anno, vicino al checkpoint di Beit Hanoun / Erez.

Le proteste lungo il confine orientale di Gaza con Israele si sono intensificate nelle ultime settimane mentre i colloqui indiretti tra Hamas e Israele per porre fine al blocco si sono arrestati, e i leader di Hamas hanno promesso di rompere l’assedio con ogni mezzo necessario.

Lunedi notte, due palestinesi sono stati uccisi durante un raid aereo israeliano nel sud della Striscia di Gaza occupata.

Il ministero della salute di Gaza ha identificato gli uomini uccisi come Naji Jamil Abu Assi, 18 anni, e Alaa Ziyad Abu Assi, 21 anni.

I militari israeliani hanno affermato che gli uomini erano tra un gruppo di palestinesi che si erano avvicinati al recinto di confine tra Gaza e Israele e posto un oggetto sospetto nelle vicinanze.

Le forze di occupazione israeliane operano sotto l’apparente politica di sparare per uccidere nelle aree di confine di Gaza. La distanza esatta della zona non è dichiarata, ma è generalmente compresa entro 300 metri dal confine tra Gaza e Israele.

Le forze israeliane hanno ucciso circa 200 palestinesi a Gaza finora quest’anno, tra cui circa 135 colpiti e uccisi durante le proteste della Grande Marcia del Ritorno tenute lungo il confine orientale dal 30 marzo.

Quasi 30 bambini palestinesi sono stati uccisi dai soldati israeliani durante quelle proteste.

Sabato, il 16enne Suhaib Abu Kashif ha ceduto alle ferite subite il 3 agosto, quando un proiettile diretto “ha reciso il midollo spinale, paralizzandolo, così che non poteva respirare da solo”, secondo lDefense for Children International Palestine.

Due palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane durante le proteste di venerdì scorso, e un bambino di 12 anni è morto dopo essere stato colpito alla testa da un oggetto duro. Le circostanze della sua ferita rimangono poco chiare.

Una scuola UNRWA colpita da un proiettile israeliano

Sempre venerdì un proiettile di artiglieria sparato dalle forze israeliane ha colpito una scuola gestita dall’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i profughi palestinesi, nell’est di Khan Younis.

Il portavoce dell’UNRWA, Chris Gunness, ha dichiarato a The Electronic Intifada che “un’indagine preliminare suggerisce che un proiettile anticarro di 120 mm ha deviato da una struttura adiacente in una scuola elementare dell’UNRWA”.

L’ordigno inesploso trovato nella scuola è stato rimosso dal Gruppo di Azione Contro le Mine delle Nazioni Unite martedì mattina.

Nessun bambino era presente al momento dell’incidente, poiché è successo durante la serata del venerdì, che è un giorno di fine settimana a Gaza, ma ha costretto a sospendere le lezioni.

“Siamo seriamente preoccupati per questo incidente che avrebbe potuto mettere a rischio centinaia di bambini se ciò fosse avvenuto durante una giornata scolastica”, ha dichiarato Gunness. “Chiediamo a tutte le parti di rispettare i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale, compreso il pieno rispetto dell’inviolabilità dei locali delle Nazioni Unite”.

Ha aggiunto che “I danni sono stati riparati e la scuola ora funziona di nuovo.”

Fondi di emergenza per Gaza

Lunedì, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari ha annunciato lo svincolo di 1 milione di dollari in fondi per procurarsi carburante di emergenza necessario per prevenire il collasso degli ospedali e delle strutture idriche e igieniche di Gaza e per assicurare il loro funzionamento per un altro mese e mezzo.

“Sfortunatamente, ciò arriva in assenza di azioni da parte delle autorità competenti, che hanno la responsabilità del benessere dei cittadini di Gaza, o il prevedibile sostegno dei donatori”, ha dichiarato il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite Jamie McGoldrick.

Il suo ufficio ha affermato che occorrono almeno 2 milioni di dollari per assicurare il proseguimento dei servizi salvavita durante il resto dell’anno.

“Le strutture idriche e igieniche di Gaza hanno uno stock quasi zero di carburante di emergenza, mentre gli ospedali pubblici dispongono attualmente di carburante sufficiente per mantenere servizi essenziali per qualche settimana in più, con alcune strutture che affrontano rischi ancora maggiori”, ha affermato l’OCHA.

Le acque reflue stanno straripando nelle strade vicino a una stazione di pompaggio vicino a Gaza City.

Il razionamento del carburante significa che la raccolta dei rifiuti avviene solo una volta ogni cinque-sette giorni, “lasciando 40.000-50.000 tonnellate di rifiuti accumulati per strada, con rischi sanitari associati”, secondo l’OCHA.

I due milioni di abitanti di Gaza subiscono interruzioni di corrente fino a 20 ore al giorno dopo più di un decennio di assedio, molteplici assalti militari israeliani e un’impasse prolungata tra i governi palestinesi a Gaza e in Cisgiordania.

I finanziamenti umanitari per la Cisgiordania e Gaza sono rimasti criticamente bassi, mentre le donazioni promesse degli stati donatori sono diminuite anno dopo anno, e l’amministrazione Trump a Washington ha tagliato 500 milioni di dollari in aiuti ai palestinesi.

ELECTRONICINTIFADA.NET

Israel kills 6 Palestinians in 24 hours

Gaza child dies after being shot in spine by army sniper during protest.

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.