Ivanka Trump e Jared Kushner: i controversi poteri della figlia e del genero del presidente

254

tratto da: INVICTA PALESTINA

Trump ha nominato sua figlia e suo genero come consiglieri della Casa Bianca

Versión en español


2 luglio 2019

FOTO – Ivanka Trump, figlia del presidente americano, e suo marito Jared Kushner, alla Casa Bianca, nel 2017

 

NEW YORK – Ivanka Trump è nell’occhio di un nuovo ciclone da quando il governo francese ha diffuso un video che i media statunitensi continuano a descrivere come un “momento imbarazzante”.

Nella foto, Ivanka Trump appare mentre conversa con i leader del Canada, Justin Trudeau, della Francia, Emmanuel Macron, e dalla Gran Bretagna, Theresa May, oltre all’amministratrice delegata del Fondo monetario internazionale (FMI), Christine Lagarde.

 

FOTO – Ivanka Trump seduta tra i leader dei paesi del G20 durante il vertice tenutosi in Giappone.

 

Il video, registrato durante il vertice del G20 di Osaka e che dura pochi secondi, non ci consente di cogliere cosa stanno dicendo o il contesto in cui si svolge il discorso. E non è nemmeno chiaro il perché Ivanka Trump sia lì.

Il semplice fatto che la figlia e consigliera del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, dialoghi con quattro dei pesi massimi della politica mondiale ha attirato l’attenzione di molti.

“Il ruolo di primo piano di Ivanka nell’incontro del G-20, in cui si è seduta accanto al presidente durante i servizi fotografici e si è mescolata con i leader mondiali, è senza precedenti”, commenta a BBC Mundo Anthony Zurcher, corrispondente della BBC negli Stati Uniti.

“Può essere scioccante per alcuni, ma essere la figlia di qualcuno in realtà non è una qualifica professionale. Danneggia la nostra posizione diplomatica che Trump tenga tale comportamento”, ha scritto Alexandria Ocasio-Cortez, deputata democratica di New York.

La ripresa è stata solo il culmine di una serie di momenti in cui Ivanka Trump ha avuto un ruolo sorprendentemente visibile nell’incontro tra le più grandi economie del mondo.

Ha partecipato con suo padre a diversi incontri e riunioni a porte chiuse del G-20 ed è rimasta per una foto con i leader del mondo in cui era l’unica a non essere capo di stato o di governo.

Quando il presidente degli Stati Uniti ha incontrato a sorpresa il leader nordcoreano Kim Jong-un, era lì: ha partecipato alla conversazione privata tra loro, ha attraversato persino la Corea del Nord e definito la visita “surreale”.

La Casa Bianca, d’altra parte, ha respinto le critiche e si rammarica che non si tenga conto di ciò che considera il vero ruolo di Ivanka Trump al vertice.

“È triste, ma non sorprende, che gli haters (odiatori, n.d.t.) scelgano di attaccare Ivanka Trump (…) quando promuove gli sforzi degli Stati Uniti tesi a dare potere alle donne attraverso partenariati strategici con leader mondiali”, ha dichiarato Jessica Ditto, vicedirettrice delle Comunicazioni alla Casa Bianca.

Il ruolo della figlia di Trump durante il vertice, tuttavia, ha riportato il dibattito sul suo ruolo nel governo di suo padre, una designazione che ha condiviso negli ultimi due anni con il marito, il consigliere della Casa Bianca Jared Kushner.

Una coppia controversa

 

Una legge del 1967 contro il nepotismo vieta alla famiglia del presidente degli Stati Uniti di occupare cariche federali. Ma con una decisione che ha generato polemiche, poco dopo aver assunto la presidenza, Trump ha nominato sua figlia e suo genero come consiglieri della Casa Bianca, due posizioni per le quali, ha affermato, non avrebbero ricevuto alcun compenso, e quindi, non si potevano considerare in posizioni ufficiali all’interno del suo governo.

Tuttavia, ha assegnato un ufficio a ciascuno nell’edificio più importante di Washington. “Durante tutta la sua carriera professionale Donald Trump ha mantenuto una ristretta cerchia di alleati fidati intorno a sé, e i più vicini sono sempre stati i suoi figli”, spiega Zurcher.

 

FOTO – Jared Kushner e Ivanka Trump, durante l’insediamento di Trump, a gennaio 2017 Fonte: Archivio

 

Infatti, sia Ivanka Trump che Kushner hanno avuto un ruolo di primo piano nella campagna di Trump e una volta che il presidente è arrivato al 1600 di Pennsylvania Avenue, il ruolo dei due non è stato da meno.

“Il ruolo ufficiale di Ivanka è “consigliere del presidente”, un titolo che condivide con suo marito, ma chiaramente sono molto più di questo”, afferma Zurcher.

Nei primi mesi di governo, mentre Melania Trump era rimasta a New York – in attesa che suo figlio Barron finisse l’anno scolastico – Ivanka Trump assunse le funzioni di first lady e molto presto il presidente le concesse il titolo informale di “first daughter”.

Kushner, d’altra parte, ha detto che avrebbe affrontato questioni – quali siano ancora non è molto chiaro – che andavano da quelle commerciali a quelle relative a Israele e alla pace in Medio Oriente, attraverso accordi tra il governo e il settore privato.

Una presenza crescente

I critici dell’amministrazione Trump affermano che le posizioni dei membri della sua famiglia erano solo l’inizio di una carriera politica in ascesa, che non è stata estranea a controversie e alla contestazione della sua legittimità.

Pochi mesi dopo l’arrivo alla Casa Bianca di suo padre, Ivanka Trump, che in precedenza era nota solo per avere una società di moda con il suo nome, si è incontrata con il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe, e con i leader di Facebook, Apple , Google e altri giganti della Silicon Valley.

E al primo vertice del G20 a cui ha partecipato Donald Trump nel 2017 ad Amburgo, condusse un incontro su salute e migrazione in Africa, si è unita a suo padre in colloqui e incontri bilaterali e ha iniziato a richiamare l’attenzione per la sua maggiore visibilità rispetto a qualsiasi altro membro del governo.

I meme Getty Images con Ivanka in storiche situazioni hanno iniziato ad apparire sui social network.

Da allora, è stata vista nella maggior parte delle visite ufficiali o incontri di alto livello che Trump ha tenuto, così come in quegli eventi internazionali in cui dovrebbe essere tradizionalmente presente la first lady.

All’inizio dell’anno, ha lanciato un’iniziativa da 50 milioni di dollari per promuovere l’emancipazione delle donne e, dal mese scorso, ha avviato una campagna per diffondere gli sforzi della Casa Bianca per sostenere lo sviluppo del lavoro nel paese.

“Dall’insediamento di Trump, Ivanka ha ricevuto finanziamenti, in forma anonima, per incoraggiare il presidente a lanciare attacchi di rappresaglia contro la Siria per l’uso di armi chimiche e per ridimensionare la sua politica di separazione delle famiglie migranti al confine tra Stati Uniti e Messico”, afferma Zurcher.

“La sua preoccupazione per il riscaldamento globale, tuttavia, non ha dissuaso il presidente dal tagliare le normative ambientali e dal ritirarsi dall’Accordo sul Clima di Parigi”, aggiunge.

Il suo ruolo nel governo è stato così evidente da dare adito a speculazioni su una sua possibile nomina come ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite o addirittura come capo della Banca mondiale.

“Tutti vogliono che Ivanka Trump sia la nuova ambasciatrice presso le Nazioni Unite. Sarebbe fantastico, ma mi sembra già di sentire i canti di nepotismo!”, ha scritto Trump su Twitter.

Il caso Kushner

Sebbene il ruolo del marito di Ivanka sia stato meno commentato, ha comunque sollevato sospetti e domande tra i critici dell’attuale governo degli Stati Uniti, sin dall’inizio del mandato di Trump.

In realtà, Kushner è l’unico funzionario ancora alla Casa Bianca che ha partecipato alla controversa riunione con un gruppo russo nella Trump Tower, nel giugno 2016, che è stata uno degli elementi che ha portato a pensare ad una possibile collusione della campagna di Trump con il Cremlino.

L’indagine del procuratore speciale Robert Mueller non ha trovato prove, ma il fatto ha mostrato da allora il ruolo centrale di Kushner nella famiglia Trump.

Sebbene sia stato meno visibile di Ivanka, le sue funzioni sono passate dall’essere responsabile dell’aggiornamento tecnologico della Casa Bianca alla proposta del piano americano per i conflitti in Medio Oriente, il cosiddetto Piano del Millennio che è stato presentato la scorsa settimana senza la presenza di palestinesi.

Come sua moglie, Kushner è stato notato anche in numerosi incontri internazionali di alto livello e, secondo varie fonti, ha persino assunto ruoli propri di alti funzionari del governo ed è stato dietro alcuni licenziamenti, come quello del consigliere presidenziale Stephen Bannon.

La scorsa settimana, la pubblicazione di un’audizione davanti al Congresso dell’ex Segretario di Stato Rex Tillerson, ha mostrato la portata del potere di Kushner nel governo degli Stati Uniti.

In uno dei momenti più sorprendenti della sua testimonianza, Tillerson ha detto che si rese conto che la sua controparte messicana in quel momento, Luis Videgaray, era a Washington quando entrò in un ristorante e lo trovò a cena con Kushner.

L’ex segretario di Stato ha detto di essersi avvicinato per salutarli e avere visto sbiancarsi in volto il messicano (che apparentemente aveva negoziato il nuovo accordo di libero scambio con il genero di Trump).

“Volevo solo salutarti. Non voglio interromperti. Chiamami la prossima volta che vieni in città”, Tillerson assicura di avere detto a Videgaray. In un’altra occasione, secondo Tillerson, né lui né James Mattis – allora segretario alla Difesa – erano a conoscenza del fatto che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti avevano pianificato di bloccare il loro rivale regionale, il Qatar.

Ma Kushner e Bannon ne erano stati informati durante una cena segreta.

In effetti, anche le relazioni del genero di Trump con l’Arabia Saudita e le sue relazioni con il Principe Mohamed ben Salman sono state oggetto di controversie.

Senza contare le accuse di avere utilizzato WhatsApp per trattare questioni ufficiali o le accuse di avere anche approfittato della sua posizione per rafforzare i propri affari personali in alcuni paesi, principalmente in Arabia Saudita (accuse che la Casa Bianca nega).

Ma negli ultimi tempi, uno dei fatti più controversi sul vero potere di Kushner e Ivanka Trump alla Casa Bianca è che entrambi hanno riconosciuto di avere l’autorizzazione ad accedere a informazioni classificate o ad aree riservate.

Secondo Zurcher, queste sono due figure centrali dell’amministrazione Trump, sempre meno in ombra e che possono influenzare le decisioni prese dal presidente.

“Il presidente potrebbe non fare sempre ciò che loro raccomandano, ma sembra ascoltarli sempre. Questo tipo di potere informale va oltre quello esercitato dalla maggior parte dei consiglieri presidenziali”, afferma.

 

 

Traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina.org

 

 

Ivanka Trump e Jared Kushner: i controversi poteri della figlia e del genero del presidente

Ivanka Trump e Jared Kushner: i controversi poteri della figlia e del genero del presidente

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.