Jimmy Carter a Obama: Prima di lasciare l’incarico, riconosci lo stato palestinese

0
colomba

Julia Manchester, CNN November 29, 2016

 

(CNN) L’ex presidente Jimmy Carter invita l’amministrazione Obama a riconoscere lo Stato Palestinese prima di lasciare l’incarico previsto per il 20 gennaio 2017.

NEW YORK NY - NOVEMBER 05: Former President Jimmy Carter sighting on November 5, 2013 in New York City.  (Photo by Josiah Kamau/BuzzFoto/FilmMagic)
NEW YORK NY – NOVEMBER 05: Former President Jimmy Carter sighting on November 5, 2013 in New York City.
(Photo by Josiah Kamau/BuzzFoto/FilmMagic)

Carter,  forte sostenitore per i diritti dei palestinesi e di una soluzione a due stati tra israeliani e palestinesi, lunedì  in un editoriale su New York Times   ha elogiato l’amministrazione Obama per il suo sostegno alla “negoziazione per la fine del conflitto basata sui due Stati,”  ma ha avvertito che questo lavoro potrebbe essere vanificato dalla nuova amministrazione  repubblicana.
“Sono convinto che gli Stati Uniti possono ancora decidere il futuro del conflitto israelo-palestinese prima di un cambio di presidenti, ma il tempo è molto breve”, ha scritto Carter. “Il passo semplice ma vitale questa amministrazione lo deve fare prima della scadenza del suo mandato il 20 gennaio, concedendo il riconoscimento diplomatico americano allo stato di Palestina”.
L’ex presidente ha anche chiesto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di approvare una risoluzione  “illustrando i parametri per risolvere il conflitto.”
Può Donald Trump risolvere le molte crisi del Medio Oriente?
“Dovrebbe ribadire l’illegalità di tutti gli insediamenti israeliani al di là dei confini del 1967, pur lasciando aperta alle parti la possibilità di negoziare modifiche”, ha aggiunto.
“Garanzie di sicurezza  per Israele e Palestina sono di importanza fondamentale, e la risoluzione deve riconoscere il diritto di entrambi gli stati di Israele e Palestina a vivere in pace e sicurezza”.
Carter ha continuato a criticare la costruzione controversa degli insediamenti israeliani in terra palestinese.
“Israele sta costruendo sempre più insediamenti, spostando i palestinesi e radicando la sua occupazione delle terre palestinesi”, ha scritto Carter. “Più di 4.5 milioni di palestinesi vivono in questi territori occupati, ma non sono cittadini di Israele. La maggior parte vive  sotto il governo militare israeliano e non ha nessuna partecipazione al voto per le elezioni nazionali di Israele.”
Carter è uno dei critici americani più  ferventi di Israele. Nel suo libro del 2006, “Palestine: Peace Not Apartheid”, ha paragonato l’occupazione militare israeliana in Cisgiordania al sistema di apartheid in Sud Africa.
Obama ha anche criticato Israele,  nel 2009 fece un appello per un congelamento completo della costruzione di insediamenti israeliani.

net
Tuttavia, la posizione del presidente eletto Donald Trump ha entusiasmato molti sostenitori di Israele, come anche la destra israeliana. Come candidato, Trump ha promesso di riconoscere Gerusalemme  capitale indivisa di Israele e la rinegoziazione dell’accordo nucleare con l’Iran, che era stato criticato dai leader di Israele.
Naftali Bennett, leader di destra del partito della Jewish Home, ha sostenuto che la presidenza di Trump permetterà a Israele di respingere completamente l’idea di uno stato palestinese. “Questa è la posizione del presidente eletto, come scritto nella sua piattaforma, e che dovrebbe sostenere la nostra politica, pura e semplice. L’era di uno Stato palestinese è finita.”

trad. Invictapalestina.org

Fonte: http://edition.cnn.com/2016/11/29/politics/jimmy-carter-palestine-op-ed/index.html

 

 

 

Jimmy Carter a Obama: Prima di lasciare l’incarico, riconosci lo stato palestinese

https://invictapalestina.wordpress.com/2016/12/09/jimmy-carter-a-obama-prima-di-lasciare-lincarico-riconosci-lo-stato-palestinese/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.