L’ isolamento di Hebron non accenna a diminuire

Ahmad Jaradat

GIO 26 NOV 2015

 hebronclosurehdc

Hebron – il più grande distretto nella Cisgiordania occupata, dove vivono quasi un milione di palestinesi – rimane sotto assedio.


Due settimane fa, tutti gli ingressi della città, tranne uno, sono stati bloccati con blocchi di cemento e barriere di ferro, tagliando centinaia di connessione tra i villaggi palestinesi e Hebron.

L’unica via per l’accesso alla città che è rimasta aperta era nel nord. Tuttavia, le forze israeliane eretto un posto di blocco militare all’ingresso dei civili e delle loro auto, causando notevoli ritardi.

I soldati israeliani anche avviato una nuova tattica di occupazione per Hebron – far rispettare limiti di età ai posti di blocco.

Quattro settimane fa, nei villaggi di Nabi Younis e nella zona di al-Shuyouck Hebron, i soldati hanno impedito alle persone sotto i 30 anni di passare attraverso i checkpoint. Limiti di età simili sono stati applicati alle porte della città di Beit Aynoun.

Oggi, i soldati hanno utilizzato lo status di residenza dei palestinesi per limitare il loro movimento. Al checkpoint di Kfar Atzion e lungo la strada alternativa nella zona Tago, i soldati hanno vietato ai residenti di Hebron di recarsi a Betlemme e nella Cisgiordania settentrionale.

Villaggi limitrofi sono stati anche isolati dalla città di Hebron per essere posti in quarantena; nelle scorse settimane, Bait Awwa, Aramadeen, Al Dahiryya, il campo profughi di Al Fawwar e Dura sono stati tutti sigillati.

Inoltre, il cuore di Hebronnon  è in alcun modo esente da questa militarizzazione violenta.

I soldati continuano ad attaccare diverse scuole nel centro di Hebron, sparando gas lacrimogeni dentro e intorno agli edifici.

Insegnanti locali riferiscono che a causa degli attacchi e la proliferazione di posti di blocco, l’istruzione scolastica di solito inizia solo alle ore 10. Le scuole nel centro di Hebron servono circa cinquemila studenti palestinesi.

I soldati israeliani continuano a costringere i palestinesi a chiudere i loro negozi a Hebron, in particolare attorno alla zona del centro di Al Sahal.

Gli attacchi dei coloni aggravano la violenza dei militari israeliani nel centro di Hebron.

Negli ultimi due giorni, molti di tali attacchi sono stati segnalati nei pressi dell’insediamento di Kiryat Arba, così come in Al Aras, Wadi Husain, e Jaber.

Coloni hanno lanciato pietre contro i residenti palestinesi e le loro case.

——————————————–

ARTICOLO ORIGINALE:

Hebron’s isolation continues unabated

hebronclosurehdc

Hebron – the largest district in the occupied West Bank, where nearly a million Palestinians live – remains under siege.


Two weeks ago, all the entrances to the city, except one, were blocked with concrete blocks and iron barriers, severing hundreds of Palestinian villages’ connection to Hebron.

The only pathway to the city that remained open was in the north. However, Israeli forces erected a military checkpoint at the entrance to search civilians and their cars, causing significant delays.

Israeli soldiers also initiated a somewhat new occupation tactic for Hebron – enforcing age restrictions at checkpoints.

Four weeks ago, in the Hebron-area villages of Nabi Younis and al-Shuyouck, soldiers prevented people under 30 years old from passing through checkpoints. Similar age restrictions were enforced at the entrance to the town of Beit Aynoun.

Today, soldiers used Palestinians’ residency status to limit their movement. At the Kfar Atzion checkpoint and along the alternative road in the Tago area, soldiers prohibited Hebron residents from travelling to Bethlehem and the northern West Bank.

Neighbouring villages are also being severed from the city of Hebron by being quarantined themselves; in past weeks, Bait Awwa, Aramadeen, Al Dahiryya, Al Fawwar refugee camp and Dura were all sealed.

Furthermore, the heart of Hebron is in no way exempt from this violent militarisation.

Soldiers continue to attack several schools in downtown Hebron, firing teargas both in and around the buildings.

Local teachers report that due to the attacks and proliferation of checkpoints, school instruction usually only begins at 10 a.m. The schools in downtown Hebron serve approximately five thousand Palestinian students.

Israeli soldiers also continue to force Palestinians to close their shops in Hebron, especially around the downtown Al Sahal area.

Settler attacks compound the violence of the Israeli military in downtown Hebron.

In the last two days, several such attacks were reported near the settlement of Kiryat Arba, as well as in Al Aras, Wadi Husain, and Jaber.

Settlers threw stones at Palestinian residents and their houses.

 

http://www.alternativenews.org/english/index.php/news/1166-hebron-s-isolation-continues-unabated

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam