L’ occupazione israeliana e la Corte internazionale di giustizia: cosa succede dopo?

337

Articolo pubblicato originariamente su Haaretz e tradotto dall’inglese da Frammenti Vocali

Di Jonatahan Shamir

Dopo che un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha votato per chiedere all’ICJ di pronunciarsi sui 55 anni di occupazione israeliana dei territori palestinesi, due giuristi spiegano le conseguenze di una tale mossa e come Israele probabilmente reagirà
LE Nazioni Unite haNNO votato la scorsa settimana per richiedere un parere alla Corte internazionale di giustizia sulle conseguenze legali della “prolungata occupazione, insediamento e annessione del territorio palestinese” da parte di Israele dal 1967.
Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha a lungo avvertito che l’intransigenza israeliana per rilanciare il moribondo processo di pace lo spingerebbe a cercare un risarcimento attraverso i canali internazionali, il Comitato politico speciale e di decolonizzazione delle Nazioni Unite è il suo ultimo campo di battaglia preferito.
I palestinesi hanno accolto senza riserve il passo, con il ministro degli Esteri Riyad al-Maliki che ha espresso la speranza che la risoluzione “aprisse una nuova era per ritenere Israele responsabile dei suoi crimini di guerra”.
Il primo ministro israeliano uscente Yair Lapid ha criticato la mozione , che ha affermato che “non cambierà la realtà sul campo, né aiuterà in alcun modo il popolo palestinese; potrebbe persino provocare un’escalation. Sostenere questa mossa è un premio per le organizzazioni terroristiche e per la campagna contro Israele”.
Tra un auspicato sconvolgimento diplomatico da una parte e un senso di persecuzione dall’altra, cosa potrebbe significare una simile opinione legale per Israele e per i palestinesi?
Haaretz ha parlato con due giuristi per comprendere le implicazioni della mossa.
Qual è il mandato dell’ICJ?
La Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha due funzioni principali: giudicare le controversie tra due Stati e fornire pareri consultivi agli organismi delle Nazioni Unite.
Il voto delle Nazioni Unite si riferisce al consiglio dell’ICJ, ma la capacità di far rispettare tale parere legale è limitata. “Si tratta di una funzione ‘consultiva’ e nemmeno l’Assemblea generale delle Nazioni Unite è vincolata da essa.
Tuttavia un’opinione dell’ICJ costituisce un’interpretazione autorevole del diritto internazionale e gli Stati che desiderano attenersi a tale legge non possono ignorare il contenuto di tale opinione per il solo motivo che non è vincolante”, afferma.
Tuttavia, è probabile che un parere consultivo aumenti la pressione per un’azione politica contro Israele.
Qual è la cronologia?
La bozza di risoluzione è stata approvata venerdì scorso dal Comitato speciale politico e di decolonizzazione delle Nazioni Unite e passerà all’Assemblea generale per il voto finale il mese prossimo.
Data la netta maggioranza,dopo che la commissione ha votato 98 contro 17 la scorsa settimana, la richiesta di un parere consultivo sembra essere una conclusione scontata, anche se alcune clausole su Gerusalemme potrebbero essere contestate al momento del voto finale.
L’ICJ sarà quindi incaricato di avviare un’indagine, ma il processo potrebbe essere trascinato per mesi o anche per alcuni anni.
Quali sono le opzioni di Israele quando si tratta di una simile indagine?
Secondo il prof. Yuval Shany, cattedra Hersch Lauterpacht in diritto internazionale pubblico presso l’Università Ebraica, non si tratta di cooperare o meno con Israele. “Ignoreranno l’intera faccenda o discuteranno solo su questioni giurisdizionali”, intendendo se il tribunale ha l’autorità di pronunciarsi sui territori.
Da un lato la riluttanza di Israele a cooperare può rafforzare le conclusioni della corte contro Israele. Dall’altro servirà ogni tentativo di delegittimare l’inchiesta.
L’ICJ ha emesso il suo primo e unico parere consultivo relativo a Israele nel 2004, sulla costruzione della barriera di separazione della Cisgiordania , e questo serve come miglior indicatore per la sua potenziale risposta questa volta.
Sebbene tale parere consultivo stabilisse che il muro era “equivalente ad annessione e illegale”, il consulente legale di Israele ha ribattuto sostenendo che la decisione era basata su dati parziali e obsoleti, perché Israele non ha collaborato né fornito dati di accertamento dei fatti.
A seguito delle sentenze della propria Corte Suprema, Israele ha modificato unilateralmente il percorso della barriera mentre si stavano svolgendo le udienze internazionali, annullando qualsiasi attuazione.
Data l’ampiezza e la delicatezza del parere consultivo questa volta, tuttavia, è improbabile che Israele vanifichi l’indagine con un’azione preventiva.
Su cosa si concentrerebbe una nuova indagine?
La bozza di risoluzione arriva il mese scorso sulla scia di un rapporto del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite , che ha stabilito che l’occupazione israeliana è “illegale ai sensi del diritto internazionale”.
“C’era già un ampio consenso internazionale sull’illegalità degli insediamenti”, osserva Shany, ma è probabile che il rapporto del mese scorso affermi quella che era una “posizione radicale 20 anni fa”: l’occupazione israeliana dei territori palestinesi è essa stessa illegale.
Shany sottolinea la “natura aperta” dell’occupazione, così come “l’ingegneria demografica” e le “politiche di annessione di fatto”, nel precipitare questo cambiamento.
Il parere consultivo dell’ICJ del 2004 sulla costruzione da parte di Israele della barriera di separazione in Cisgiordania “aveva usato un linguaggio più incerto riguardo all’annessione, ma questa volta potrebbe andare oltre”, dice Ronen.
Oltre a ciò il rapporto ha ampliato l’ambito per indagare sulle “cause profonde delle tensioni ricorrenti” e ha esteso l’indagine per includere “la discriminazione sistematica e la repressione basate sull’identità nazionale, etnica, razziale o religiosa”.
La mozione delle Nazioni Unite di venerdì scorso segue di pari passo, menzionando “legislazione e misure discriminatorie”, che secondo Ronen alimentano la questione se Israele stia commettendo il crimine dell’apartheid.
Sebbene l’accusa non sia menzionata esplicitamente, il riferimento alla discriminazione “potrebbe rafforzare la [separata] Corte Penale Internazionale nelle indagini sui crimini di apartheid” .
“Il linguaggio è un precursore di affermazioni di discriminazione sistemica e persino di apartheid”, concorda Shany, e sottolinea anche la rinnovata attenzione su Gerusalemme e sulla Cisgiordania.
Quali sono le possibili ramificazioni?
A differenza della Corte penale internazionale, l’ICJ non ha il potere di perseguire individui, ma opera principalmente tra Stati.
Qualsiasi parere consultivo non farà pendere i mandati di arresto sulle teste dei generali israeliani in tempi brevi, ma potrebbe dare slancio a campagne per esercitare pressioni politiche su Israele.
“Non è il potere istituzionale della corte che conta, ma la sua autorità come interprete della legge”, dice Ronen. “Nessuno è tenuto ad agire di conseguenza. Tuttavia la corte sta affermando ciò che il diritto internazionale richiede e proibisce”.
Anche se la corte potrebbe non spingersi fino a raccomandare misure politiche, “le sue conclusioni potrebbero essere rilevanti per la CPI in seguito”, afferma.
Mentre è probabile che i più accaniti sostenitori e detrattori rimarranno impassibili, è probabile che un parere consultivo “rafforza le aspettative degli Stati terzi”, spiega Ronen, “e questo invita a una maggiore pressione su Israele per quanto riguarda le sue politiche in Cisgiordania” – in particolare, sui paesi che sposano i valori democratici.
Shany afferma che la sentenza “offrirà una posizione legale autorevole da parte del principale organo giudiziario delle Nazioni Unite per i critici di Israele”.
Un avvertimento dalla storia
Nel 2019, l’ICJ ha emesso un parere consultivo secondo cui il Regno Unito è obbligato a porre fine al suo controllo amministrativo sulle Isole Chagos “il più rapidamente possibile” e che tutti gli Stati membri “devono cooperare con le Nazioni Unite per completare la decolonizzazione di Mauritius. ” L’Assemblea generale lo ha affermato in una risoluzione del 2021.
Sebbene il governo britannico abbia rifiutato la giurisdizione della corte, all’inizio di questo mese ha accettato di avviare negoziati con Mauritius sulla sovranità delle Isole Chagos.
Shany spiega che Mauritius “ha messo in imbarazzo la Gran Bretagna ed è riuscita a creare uno slancio multilaterale a suo favore” e che i palestinesi non sono diversi: “Questo è un tentativo da parte dei palestinesi di delegittimare le attività di Israele in Cisgiordania e di avviare un processo politico .
“Finora”, continua, “queste campagne legali non hanno avuto un effetto decisivo sulla situazione sul campo – o perché la posta in gioco è così alta, o per la vasta asimmetria di potere, o perché la sola causa palestinese non determina le relazioni dei paesi con Israele.
“Non sarà una pallottola d’argento”, dice Shany. “Il gioco principale è la politica e la legge è solo una forma di leva che potrebbe essere utilizzata”.
 
Jonathan Lis ha contribuito a questo rapporto.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.